Sulle orme di Jani: Viaggio fotografico in Lituania e Lettonia 14-19 giugno 2012

Immagine

Viaggio fotografico in Lituania e Lettonia alla scoperta delle Repubbliche Baltiche
Tra modernità e tradizione

Giovedì 14 giugno 2012 – Martedì 19 giugno 2012

(c) Riga - Daniela Silvestri

(c) Riga - Daniela Silvestri

Il viaggio fotografico è rivolto a tutti coloro che vogliano immergersi cinque giorni nell’atmosfera dei Paesi Baltici, assaporandone da una parte la vita moderna e l’atmosfera bohémien e stravagante che contraddistingue la Capitale Lituana, e dall’altra la tradizione e il folclore lettone seguendo i riti e le celebrazioni nei giorni antecedenti Jani,  una delle feste nazionali più importanti della Lettonia che si celebra ogni anno in corrispondenza del Solstizio d’Estate.

Destinatari

Il Viaggio fotografico è rivolto a tutti i viaggiatori fotografi, professionisti e non, amanti del reportage fotografico etnografico e di viaggio. L’impostazione prevede infatti di dedicare molto tempo alla fotografia di strada e d’architettura, alla ricerca di particolari e situazioni insolite e in grado di descrivere le atmosfere e le caratteristiche delle due città e della gente. L’evento scelto, cui ci approcceremo con lo stile e le modalità tipiche del reportage sociale, ci vedrà impegnati a seguire i festeggiamenti dedicati al solstizio d’estate cercando di carpirne sfumature, antiche tradizioni e  il folclore tipico di quelle terre. Il viaggio sarà occasione per affinare la propria tecnica fotografica e, per gli amanti del genere, cimentarsi con l’utilizzo di macchine fotografiche vintage-lomo, per raccontare ancora meglio l’atmosfera retrò del Baltico.
Al rientro a Roma verrà dedicata un’intera giornata all’editing del viaggio, cercando di tirare fuori una selezione che ne racconti i momenti salienti e fornendo supporto per la scansione delle pellicole.

 Programma

Giovedì 14 giugno  – Venerdì 15 giugno
Vilnius: Città Vecchia e Ghetto ebraico

Un paese che colloca in un luogo importante una statua alla memoria di Frank Zappa, per la precisione nel centro di Vilnius, merita di essere visitato.

Il primo giorno quindi ci perderemo tra i vicoli e le tortuose stradine della città Vecchia, tra le botteghe di ambra e lino, cercando di fotografarne la particolare architettura, tra le declinazioni barocche e le influenze sovietiche, mentre il secondo giorno sarà dedicato alla visita al quartiere ebraico, tra la Grande Sinagoga e i viottoli del piccolo Ghetto e le molteplici chiese ortodosse sparse per la città.

Sabato 16  – Domenica 17 Giugno
Riga (JĀŅU IELĪGOŠANA)

Partenza in Pullman da Vilnius destinazione Riga.
Riga è da sempre considerata la “grande città” dei Paesi Baltici: dinamica e vivace, caratterizzata da una particolare architettura art nouveau e da un centro storico dichiarato patrimonio UNESCO, Riga vanta un’elegante e stravagante bellezza senza tempo, sospesa tra nuovo e moderno.

Una volta sistemati è possibile raggiungere il Museo Etnografico Lettone all’aperto ed iniziare a seguire i festeggiamenti in onore di Jani che occuperanno tutto il week end.

Lunedì 18 giugno – L’antico mercato di Riga

Probabilmente in ogni grande città il mercato centrale rappresenta uno dei luoghi più affascinanti e pittoreschi. A questa regola non fa eccezione Riga, il cui mercato centrale, Centrāltirgus, è uno dei più originali e caratteristici in Europa. Il mercato centrale di Riga ha una storia antichissima.

Martedì 19 giugno
Partenza per Roma

Editing
Al rientro a Roma saranno dedicate giornate all’editing delle foto scattate con selezione finalizzata alla creazione di un racconto fotografico che narri le caratteristiche principali delle due città e gli aspetti salienti del viaggio. L’editing si svolgerà presso la sede dell’associazione WSP Photography con giorni e orari da concordare con i partecipanti.

Informazioni Pratiche

Il programma, per quanto stabilito, può subire leggere modifiche in itinere.

Documenti necessari: Entrambi i paesi fanno parte dell’Unione Europea per cui come documento è sufficiente la carta d’identità valida per l’espatrio o il Passaporto.

Cambio: Entrambe le Repubbliche non hanno ancora aderito all’Euro. La moneta nazionale lituana resta il litas (LTL), con un rapporto di cambio fisso con l’euro. 1 LTL = 0,30 EUR; 1 EUR = 3,45 LTL mentre quella lettone resta il lats, a parità fissa. 1 lats = 1,45 euro; 1 euro = 0,70 lati. E’ consigliabile Portare con sé una (o più) carta di credito internazionale o ricaricabiel per pagare i conti degli alberghi e dei ristoranti e gli acquisti nei grandi negozi. Per prelevare contanti, vi sono bancomat sparsi per le città.

Il viaggio è organizzato dall’associazione culturale WSP Photography.

Per informazioni su costi e modalità di partecipazione e per ricevere il programma completo inviare una mail a info@collettivowsp.org

Questa presentazione richiede JavaScript.

Week end creativo presso Officine Culturali Insensoinverso

workshop e set fotografici roma

Week end creativo @ Insensoinverso

#PHOTO AREA# Narrating the Crisis_OcchiRossi / Lotte della Magliana negli anni ‘70/’80_Comitato di Quartiere della Magliana / Body Painting_Elena Petruzzi / ¡México! mis ojos mis oídos mi corazón_Enrico Piccirillo / Asia Express_Nicola Basta / Congo_Giulia Maderni / Le Comunità di NY_Chiara Vignutelli

Installazioni di BODY PAINTING
dal vivo & SET FOTOGRAFICI

Officine Culturali INSENSINVERSO

VIA VAIANO 7 [Magliana]

Attenzione può avere effetti collaterali

#sabato 4 FEBBRAIO#

ore 18,30
apertura mostre

ore 19,30
Aperitivo con
DJ Esof

ore 21,00
Inpreca video
Interviste Precarie in tempo di crisi
OCCHIROSSI

INCURSIONI TEATRALI
Valentina Conti

#domenica 5 FEBBRAIO#

ore 18,30
apertura mostre

ore 19,30
Aperitivo

ore 21,00
“Lo Cunto de li Cunti overo lo trattenemiento de’ Peccerille”
Il Pentamerone, G. Basile [1634]

regia e recitazione >>>
Silvana Mariniello

musica >>> Egidio Grasso

Workshop fotografico a Rio de Janeiro con Dario De Dominicis: dal 15 al 27 dicembre

Workshop Fotografico a Rio de Janeiro “Cidade maravilhosa” : dal 15 al 27 dicembre

“Cidade maravilhosa” amano chiamarla i brasiliani e basta trascorrerci qualche giorno, per rendersi conto di quanto sia meritato questo soprannome. Rio è una cittá straordinaria, che vibra di energia positiva, di ottimismo e di creativitá. Per conoscerla a fondo e fotografarla, però, bisogna imparare a non fermarsi alle apparenze, allo stereotipo di tipo turistico, come le sue bellissime spiagge o il panorama mozzafiato dei Morros ricoperti di vegetazione lussureggiante. Rio deve essere scoperta soprattutto dal punto di vista sociale, perché è una metropoli dove ancora è possible imbattersi in situazioni di grande intensitá fotografica e con una forte carica umana. Come in tutti i miei workshop scatteremo fotografie sul campo ogni giorno, affrontando quotidianamente l’editing delle immagini realizzate da ognuno. Visiteremo alcune favelas, avvicinandoci ad una realta’ complessa ma estremamente interessante. Fotograferemo la vita sulla spiaggia, gli spettacolari preparativi per il carnevale e altre situazioni in cui la cittá svela tutta la sua magia fotografica, prendendoci ogni volta il tempo che la “fotografia” richiede per cogliere l’essenza dei momenti. Sono previste alcune puntate fuori Rio de Janeiro, dove troveremo atmosfere diverse da quelle che la cittá può offrire. Entreremo in un Quilombo, una delle mitiche comunitá fondate dagli schiavi che fuggivano dalle piantagioni e che, ancora oggi, conservano quasi intatta la loro integritá. Ci immergeremo nella vita quotidiana di queste persone la cui esistenza é ancora scandita da ritmi ancestrali. Nell’ultima sezione di editing saremo ospitati da un amico francese, fotografo e direttore di un agenzia foto-giornalistica qui a Rio. Come figura del mondo editoriale potrá darvi un feedback sul vostro lavoro e parlarvi delle prospettive professionali nell’attuale mercato fotografico. Sará, come sempre, un esperienza indimenticabile in cui condividere momenti di vita e fotografia.

Mail : dariophotosdd@gmail.com
Web : Dario De Dominicis

(c) Dario De Dominicis

“LA NARRAZIONE DEL PALCOSCENICO”: Workshop di fotografia di scena

Workshop di Fotografia di Scena a cura di Lucia Baldini

Workshop di fotografia di scena

Sono aperte fino a Giovedì 2 Dicembre ad esaurimento dei posti disponibili le Preiscrizioni (gratuite e non impegnative) al Workshop La narrazione del palcoscenico a cura di Lucia Baldini. Il Workshop (8 ore – 160 Euro), si svolgerà i giorni 4, 7 e 11 Dicembre presso il Centro Giovani Gavinuppia del Q.3 del Comune di Firenze, Via Gran Bretagna 48 Firenze, e sarà finalizzato, alla progettazione, realizzazione ed editing di un reportage di scena e alla sua pubblicazione in una galleria immagini sul sito Deaphoto.

Calendario del Workshop
Sab 4 Dic ore 15-18 / Mar 7 Dic ore 21-23
Sab 11 Dic ore 15-18

Informazioni e Preiscrizioni:
Deaphoto cell 338 8572459 / deaphoto@tin.it
http://www.deaphoto.it

Massimo Mastrorillo: Workshop in Sardegna

dal 30 Aprile al 5 maggio

Workshop di Massimo Mastrorillo
“il paesaggio sardo,
un viaggio alla ricerca del forte legame
che lega l’uomo alla terra“
(c) Massimo Mastrorillo
Il workshop si prefigge di educare ad osservare con occhi nuovi un luogo già abbondantemente visto e fotografato, a opporsi, attraverso la consapevolezza dello sguardo, alle idee da multimarket che l’opinione comune diffonde.
Interagire con una porzione di mondo attraverso un “occhio fotografico” va molto oltre il semplice “guardare”. Significa comprendere spazi e concetti, fare propri usi e sentimenti per poi restituirli, in racconto sintetico, nuovi, puliti, validi per se stessi.
La Sardegna è una terra che cambia e resta sempre la stessa e che, in tempi ad alta velocità, si aggrappa a feste e riti spinta dal desiderio e dalla necessità di riaffermare la propria unicità, preservare la propria identità culturale.
Avere uno sguardo che vuole tentare di restituire la controversa dimensione di una civiltà arcaica che sposa la modernità senza mai tralasciare quel forte legame che unisce la terra all’uomo che la abita è la strada che intendo seguire e condividere con i partecipanti.
Quello che deve essere scandagliato è il volto meno piacevole dell’isola, l’immagine meno vendibile ma che corrisponde alla realtà vissuta da quanti scelgono e vivono la Sardegna 12 mesi l’anno, quella Sardegna che la nostra ricerca si proporrà di scrutare continuando a mantenere teso quel filo che unisce terra e uomo, quel legame difficile da rendere in parole ma che sostiene pienamente ogni scatto.
Cominceremo dalla festa popolare di Sant’Efisio a Cagliari una festa popolare  dove fede, tradizione, folklore e legame con l’ambiente vivono in perfetto equilibrio in un’atmosfera di grande intensità emotiva (http://www.festadisantefisio.it/). Visiteremo le aree minerarie abbandonate del Sulcis per poi raggiungere Villanova Monteleone, dove faremo base per altre escursioni e avremo modo di analizzare e selezionare le foto realizzate presso sede la Fondazione Su Palatu con cui hanno collaborato autori del calibro di Joel Meyerovitz, Roger Ballen, Giovanni Chiara-monte, John Davies Graciela Iturbide e che ha organizzato il festival di fotografia per giovani autori Meno Trentuno (Zijah Gafic, Dana Popa, Yann Gross, Joel Tet- tamanti ecc).
Per motivi pratici consiglio agli studenti l’uso di fotocamere digitali (non ci saranno I tempi per sviluppo e scansione di negativi). Una sola fotocamera ed una sola ottica sarà sufficiente. Si consiglia l’uso di focali dal 24 al 50 mm. Per chi avesse uno zoom sarà opportuno sforzarsi di usarlo come un’ottica fissa. E’ consigliabile, per chi ne fosse in possesso,  portare il proprio portatile per poter scaricare le immagini e preparare l’editing del proprio lavoro al termine di ogni giornata di lavoro ed un cavalletto.
La durata del workshop sarà dal 30 Aprile al 5 maggio incluso
(partenza il 6).
Il costo del corso è di euro 400. Il 30 aprile si deve considerare giorno operativo per cui si consiglia l’arrivo in mattinata o il giorno precedente. I dettagli organizzativi verranno poi definiti dal docente con ogni singolo partecipante.
Per la partecipazione e’ necessario versare 200 euro, il resto della quota deve essere saldato entro il 15 Aprile. Dal momento che la sicura presenza è indispensabile per organizzare molti degli aspetti logistici dei workshop si prega di notificare l’eventuale annullamento della partecipazione almeno 20 giorni prima dell’inizio dello stesso (10 Aprile). Se la cancellazione avviene entro tale termine verranno trattenuti 100 euro di penale. Se l’avviso di cancellazione arriva quando mancano meno di 20 giorni all’inizio, si perderà l’intero anticipo.
Numero minimo di iscritti per avviare il corso: 8
Numero massimo di iscritti:15.
Qualora non si raggiungesse il numero minimo di iscrizioni il docente restituirà l’intera quota d’iscrizione.
La quota comprende: la presenza del docente durante l’intera durata del corso, l’utilizzo degli spazi della Fondazione Su Palatu con il supporto del direttore Salvatore Ligios.
Per iscriversi è sufficiente inviare via mail:
1)   La scheda d’iscrizione compilata in ogni sua parte.
2)   La fotocopia di un documento d’identità
3) Copia della ricevuta di versamento quota d’iscrizione al workshop