Al via le selezioni per partecipare alla III edizione di The darkroom project

Sono aperte le selezioni per partecipare alla terza edizione di The
Darkroom Project Exhibition che si svolgerà il 16-17-18 Agosto 2013
nell’ex convento di Muro Leccese (LE).
Partecipare a The Darkroom Project Exhibition è soprattutto
un’opportunità per far conoscere il proprio lavoro e per confrontarsi
al di fuori delle logiche concorsuali.

The Darkroom Project è una factory indipendente, uno spazio dedicato
alla ricerca artistica dove esplorare sperimentazioni ed esprimere la
propria curiosità e la propria passione attraverso il dialogo ed il
confronto. La fotografia analogica come punto di partenza di un
cammino verso il mondo dell’arte.
Il progetto nasce nel 2010 da un’idea dello stampatore professionista
Luciano Corvaglia, con la finalità di mantenere viva l’attenzione
degli appassionati e dei professionisti sui processi in camera oscura
e, soprattutto, far conoscere alle nuove generazioni, o a chi non ne
ha mai avuto la possibilità, la magia della stampa ai sali d’argento.
Tra le opere in mostra nelle edizioni precedenti: stampe ai sali
d’argento su carta baritata, emulsiografie, spellicolamenti, pittura
materica su base fotografica, emulsione su carta da acquerello,
emulsione su lastre di piombo. Nell’edizione del 2012 è stata ospitata
un’installazione fotografica visibile tramite dispositivo elettronico
(fotocamera, smathphone).

L’attività si concretizza con le iniziative organizzate durante tutto
l’anno dal gruppo di Darkroom Project: incontri, letture portfolio
gratuite ma soprattutto l’appuntamento annuale con la rassegna The
Darkroom Project Exhibition, ospitata nell’Ex Convento dei Domenicani
di Muro Leccese (LE). Nelle due prime edizioni, del 2011 e del 2012,
sono stati coinvolti più di 80 fotografi, sono state esposte oltre 300
stampe, performance, video e installazioni.

Per l’edizione del 2013 sono ammesse le seguenti opere:

  • Stampe ai sali d’argento
  • Installazioni
  • Performance
  • Videoarte
  • Particolari forme artistiche non specificate sopra

Per partecipare è necessario contattare il curatore Luciano Corvaglia
per discutere del proprio progetto, concluso o in progress.

Maggiori info: www.darkroomproject.org | info@darkroomproject.org

“THE DARKROOM PROJECT: LETTURA PORTFOLIO STAMPE DA NEGATIVO” 26 GENNAIO ORE 16.00@ WSP Photography

The Darkroom Project

Nell’ambito di The Darkroom Project, il progetto dedicato alla stampa da negativo in camera oscura, il 26 gennaio 2013 dalle ore 16.00 si terrà negli spazi di WSP Photography una giornata dedicata alla lettura portfolio di stampe ai sali d’argento, insieme allo stampatore professionista Luciano Corvaglia e al critico fotografico Roberto Cavallini.

L’iniziativa è rivolta agli amanti della fotografia in camera oscura, come opportunità per far conoscere il proprio lavoro al di fuori di una logica concorsuale e come opportunità di trarre consigli, valutazioni, indicazioni su come migliorare il proprio lavoro, sia rispetto a progetti conclusi sia in fase di realizzazione. La lettura portfolio è inoltre un’occasione per proporre il proprio lavoro e partecipare alla terza edizione di The Darkroom Project Exhibiton che si terrà nell’ex convento di Muro Leccese il 16, 17 e 18 agosto 2013. In questo caso il lavoro potrà essere presentato in formato digitale o provini a contatto o ovviamente stampe ai sali d’argento, unica clausola l’originale analogico.

Modalità di partecipazione: Le letture portfolio sono gratuite e si terranno il 26 gennaio 2013 a partire dalle ore 16.00

I turni delle letture sono stati gia’fissati in base alle prenotazioni di queste settimane, è pero’possibile partecipare come pubblico osservatore.

The Darkroom Project :The Darkroom Project nasce da un’idea dello stampatore professionista Luciano Corvaglia, è costituito da un gruppo di artisti e appassionati della camera oscura e dall’Associazione Culturale WSP Photography. The Darkroom Project Exhibition ha avuto luogo nel 2011 e nel 2012 ed è in programma nel 2013 nell’Ex Convento dei Domenicani di Muro Leccese (LE).

Luciano Corvaglia: Lamberto Pennacchi e Giovanni Costantini, le due persone che mi hanno fatto amare la fotografia e la stampa. Era il 1981. Frequentavo l’istituto Roberto Rossellini di Roma. Uscito da scuola mi chiudo nella camera oscura di Franco Bugionovi per otto anni, dove ho stampato per i più grandi fotografi di moda, reportage, ritratto, nudo, ogni tipo di fotografo di livello internazionale. Ca**o stavo sempre chiuso al buio. Negli ultimi dodici anni la mia attenzione si è spostata sempre di più verso l’allestimento e la cura delle mostre, fino ad approdare ai video. Tutt’ora, ca**o, sto comunque chiuso al buio.

Roberto Cavallini: Nasce a Roma nel 1950. Dal 1982 collabora con le più importanti testate giornalistiche italiane. E’ giornalista pubblicista. E’ docente incaricato presso l’Universtà di Tor Vergata di Roma. E’ fotografo, critico di fotografia e curatore di mostre, ha partecipato a numerose collettive in Italia ed all’estero. Ha al suo attivo numerose personali ed ha esposto nelle edizioni del 2003 e del 2008 del Festival Internazionale FotoGrafia di Roma. Ha pubblicato: PEEP – immagini di un insolubile conflitto –edizioni Mifav, Roma 2000. “Quasi uno sciamano” intervista a Luciano Corvaglia, NegativoPositivo, Edizioni Postcart Roma 2011. Praga 20 agosto 1968 – una storia privata, in Praga 20 agosto 1968 – una storia privata fotografie di Enzo Lattanzio, SEDIT Bari.

Questa sera ore 19.00: “The Darkroom Project Due: dalla stampa da negativo al confronto coi nuovi linguaggi artistici”. Incontro con Roberto Cavallini.@ WSP Photography


WSP Photography e Laboratorio fotografico professionale Luciano Corvaglia

presentano

The Darkroom Project Due: dalla stampa da negativo al confronto coi nuovi linguaggi artistici”

Presentazione del progetto e delle modalità di partecipazione alle selezioni

con Roberto Cavallini

Mercoledì 6 giugno ore 19,00


WSP Photography
Via Costanzo Cloro 56 / 58 Roma (Metro B San Paolo)

I miasmi dell’idrochinone e dell’iposolfito, l’odore pungente dell’acido acetico e poi la luce tenue rossa che staglia ombre nette sulle pareti della camera oscura. Davanti a te l’ingranditore proietta il negativo che sta li fermo, silenzioso, pronto a sfidarti, quasi come uno spartito musicale. Sì le note sono tutte li, ma come interpretarle?

La prima edizione di Darkroom Project, dedicata esclusivamente alla stampa da negativo, si è tenuta nell’agosto del 2011, nella cornice dell’Ex Convento dei Domenicani del XVI secolo, di Muro Leccese. Sessanta fotografi di fama nazionale ed internazionale hanno esposto oltre duecento stampe in bianco e nero, realizzate rigorosamente in camera oscura.

Numerosi visitatori si sono immersi nella visione di quelle stampe ai sali d’argento ammirandone le ricchezze tonali, hanno scoperto le nuove tecniche di “spellicolamento” di Andrea Pacioni, hanno stampato, in camera oscura, sotto la guida di Luciano Corvaglia. Pubblico, fotografi e stampatore si sono confrontati, durante l’arco di tre giorni, raccontando la fotografia dai propri punti di vista, coadiuvati dalle proiezioni, a ciclo continuo, dei video Developing ed Il delirio di uno stampatore di Luciano Corvaglia, concentrati sul rapporto creativo che lega la fotografia ai processi di camera oscura.

La seconda edizione di The Darkroom Project si svolgerà nei giorni 17, 18 e 19 agosto 2012, sempre nell’Ex Convento dei Domenicani di Muro Leccese, la sostanziale novità rispetto all’edizione precedente consiste nella trasformazione di The Darkroom Project in un contenitore all’interno del quale saranno ospitate tre sezioni: Sali d’argento, The Darkroom Contest,Work in progress, la sezione tesa ad esplorare i legami che vincolano la fotografia ai linguaggi artistici.

Il filo conduttore sarà la fotografia stampata, generata da processi fotografici diversi e distanti fra loro, sia culturalmente che tecnologicamente, che genereranno a loro volta un teso ed intenso confronto di linguaggi tesi a nuove aperture soprattutto per lanciare le basi di riflessione per future edizioni di The Darkroom Project.

The Darkroom Project nasce da un’idea del Laboratorio Fotografico Professionale di Luciano Corvaglia ed è realizzato in collaborazione con l’Associazione Culturale WSP Photography, con il patrocinio del Comune di Muro Leccese e della Regione Puglia.

 L’ingresso all’incontro del 6 giugno al WSP Photography  è gratuito e riservato ai soci. Costo della tessera annuale ENAL 3 euro. È possibile associarsi direttamente il giorno dell’evento.