Laboratorio “Dalla Polaroid a Impossible Project” – Domani ore 16.00 @ WSP Photography

WSP Photography e ars – imago

presentano il Laboratorio teorico pratico:

“Dalla Polaroid a Impossible Project: la fotografia istantanea tra passato prossimo e futuro anteriore”

Via Costanzo Cloro 58 (metro B San Paolo) ore 16.00

Il laboratorio è diviso in due parti.

Una breve introduzione sulla storia della fotografia istantanea, con particolare attenzione alla storia della produzione, ai suoi rapporti con il largo consumo e con il mondo della fotografia professionale. La relazione terrà conto della forte traccia che la “forma” Polaroid ha lasciato nella costruzione dell’immaginario collettivo attuale legato alla fotografia analogica e istantanea del secolo scorso; spunti e riflessioni di carattere storico affronteranno il problema a partire dalla ricezione della fotografia istantanea nell’epoca della cultura digitale e del web 2.0.

La seconda parte sarà dedicata alla presentazione delle nuove pellicole a sviluppo istantaneo IMPOSSIBLE e alla sperimentazione delle tecniche di manipolazione analogica possibili con queste nuove emulsioni (film transparency, emulsion lift e altri).

I partecipanti sprovvisti di fotocamera avranno a disposizione macchine fotografiche e apparecchiature originali Polaroid per testare le nuove pellicole e cimentarsi con queste tecniche(fino ad esaurimento disponibilità attrezzatura). I materiale necessari per lo svolgimento del laboratorio sono messi a disposizione gratuita dei partecipanti, all’interno del prezzo dell’iscrizione.

Costi e durata

Il laboratorio è della durata di due ore e trenta e si svolgerà presso WSP Photography in Via Costanzo Cloro 58(Metro B San Paolo) Domenica 17 giugno 2012 dalle 16.00 alle 18,30.

Il costo è di 10 euro comprensivo della tessera associativa annuale ENAL. Per iscriversi è necessario mandare una mail a: info@collettivowsp.org o chiamare il numero +39 328.17.95.463

Numero minimo di iscritti per avviare il corso: 8 – Numero massimo di iscritti: 15

Docente: Francesco Ferrara

Annunci

“Dalla Polaroid a Impossible Project” Laboratorio teorico/pratico. Domenica 17 @ WSP Photography

WSP Photography e ars – imago

presentano il Laboratorio teorico pratico:

“Dalla Polaroid a Impossible Project: la fotografia istantanea tra passato prossimo e futuro anteriore”

Il laboratorio è diviso in due parti.

Una breve introduzione sulla storia della fotografia istantanea, con particolare attenzione alla storia della produzione, ai suoi rapporti con il largo consumo e con il mondo della fotografia professionale. La relazione terrà conto della forte traccia che la “forma” Polaroid ha lasciato nella costruzione dell’immaginario collettivo attuale legato alla fotografia analogica e istantanea del secolo scorso; spunti e riflessioni di carattere storico affronteranno il problema a partire dalla ricezione della fotografia istantanea nell’epoca della cultura digitale e del web 2.0.

La seconda parte sarà dedicata alla presentazione delle nuove pellicole a sviluppo istantaneo IMPOSSIBLE e alla sperimentazione delle tecniche di manipolazione analogica possibili con queste nuove emulsioni (film transparency, emulsion lift e altri).

I partecipanti sprovvisti di fotocamera avranno a disposizione macchine fotografiche e apparecchiature originali Polaroid per testare le nuove pellicole e cimentarsi con queste tecniche (fino ad esaurimento disponibilità attrezzatura). I materiale necessari per lo svolgimento del laboratorio sono messi a disposizione gratuita dei partecipanti, all’interno del prezzo dell’iscrizione.

Costi e durata

Il laboratorio è della durata di due ore e trenta e si svolgerà presso WSP Photography in Via Costanzo Cloro 58(Metro B San Paolo) Domenica 17 giugno 2012 dalle 16.00 alle 18,30.

Il costo è di 10 euro comprensivo della tessera associativa annuale ENAL. Per iscriversi è necessario mandare una mail a: info@collettivowsp.org o chiamare il numero +39 328.17.95.463

Numero minimo di iscritti per avviare il corso: 8 – Numero massimo di iscritti: 15

Docente: Francesco Ferrara

Fotografia Festival Internazionale di Roma XI edizione: Call for entries

FOTOGRAFIA Festival Internazionale di Roma invita fotografi emergenti under 40 provenienti da tutto il mondo a partecipare alla seconda edizione della Call for Entry.

Il tema della Call for Entry 2012 si ricollega al tema della XI edizione del Festival: il “lavoro”, un soggetto classico della fotografia documentaria del Novecento che vogliamo rivisitare alla luce dei cambiamenti del linguaggio fotografico e del lavoro stesso.

I progetti presentati saranno valutati da una giuria internazionale, composta da fotografi, curatori e critici, che selezionerà 15 lavori che andranno a formare la shortlist da cui sarà scelto il vincitore. I progetti selezionati saranno proiettati all’interno del museo MACRO Testaccio di Roma per l’intera durata del Festival e verranno menzionati sul sito e sul catalogo ufficiale dove una sezione speciale sarà dedicata al vincitore.

Le iscrizioni saranno aperte da venerdì 1 giugno fino a domenica 1 luglio 2012 e le proposte saranno valutate e selezionate in base alla qualità del progetto, l’aderenza al tema del Festival, e il curriculum dell’artista.

Per partecipare inviare a callforentryfotografia@gmail.com il seguente materiale: descrizione del progetto (pdf, 72dpi, max. 2Mb), 10 immagini (JPG, 72dpi, lato lungo 800px), curriculum artistico. Verranno prese in considerazione unicamente le domande pervenute complete entro la data di scadenza.

Florian van Roekel, How Terry likes his Coffee, Chapter Four, V

“Ritratto di Donna”: Conversazioni di fotografia con Giovanni Cozzi. Venerdì 4 maggio ore 19,00

Associazione Culturale WSP Photography

Presenta

Ritratto di Donna”

Conversazioni di fotografia con Giovanni Cozzi

Venerdì 4 maggio ore 19,00

WSP Photography
Via Costanzo Cloro 56 / 58 Roma (Metro B San Paolo)

L’universo femminile nella fotografia di Giovanni Cozzi viene esplorato attraverso il genere del ritratto e del nudo artistico. Sulle orme delle illustrazioni di Vargas, Giovanni Cozzi è l’inventore di un un vero e proprio genere, il “nudo glamour”, dove “glamour” vuol dire “clamore”.

Durante l’incontro Giovanni Cozzi ci racconterà il suo lavoro sul corpo femminile e il movimento: ”nel movimento dei corpi ci sono delle onde: nel muoversi, nello shooting, come nel sentimento e nella vita”.

Dopo i primi anni dedicati alla fotografia di attualità, Giovanni Cozzi inizia a dedicarsi alla fotografia di scena ed al ritratto femminile , con una predilezione per un glamour di sapore più anglosassone che italiano.  Nel 1995 inizia a collaborare con la catena internazionale di Playboy e con la testata Rizzoli Max , per la quale realizzerà numerosissimi servizi , copertine e calendari . Parallelamente all’attività editoriale come ritrattista , nel corso degli anni sarà autore di importanti  campagne pubblicitarie e redazionali di moda in Italia ed all’ estero , aventi sempre come protagonista l’universo femminile . Suoi portfolio ed interviste sono stati pubblicati dalla stampa specializzata in Inghilterra , Germania , Francia , Spagna , Stati Uniti , Australia , Russia e Giappone . Nel 2002  pur continuando la collaborazione con alcune realtà professionali si ritira in una località isolata per dedicarsi alla ricerca artistica ed agli interessi musicali. I suoi lavori sono stati in mostra nei più importanti spazi espositivi nazionali ed internazionali.

Il ciclo “Conversazioni di fotografia” prevede una serie di dibattiti con esponenti del mondo della fotografia, fotografi, docenti, esperti ed artisti emergenti per parlare e discutere di fotografia con contributi audio, video e racconti di esperienze professionali e non solo. Scopo degli incontri è quello di creare gruppi di pensiero e momenti di condivisione che, attraverso il racconto di esperienze e immagini, accrescano la cultura fotografica di ogni partecipante, fornendo spunti di riflessione, idee per nuovi lavori, nonché consigli pratici per tramutare passione in professione.

L’ingresso agli incontri è gratuito e riservato ai soci. Costo della tessera annuale ENAL 3 euro. È possibile associarsi direttamente il giorno dell’evento.

“Principi di illuminazione”: Workshop di fotografia con Daniele Zedda

“Principi di illuminazione”:
Workshop di fotografia con Daniele Zedda

Workshop Principi di Illuminazione

Workshop Principi di Illuminazione

La luce è ciò che definisce una fotografia, ciò che la rende memorabile e d’impatto, saperla gestire significa avere la capacità di scolpire e definire una scena. L’illuminazione artificiale non è una tecnica ristretta solamente a uno studio, è saper utilizzare il flash ovunque. Il mondo è il tuo studio.

Il workshop è aperto a chiunque possegga una conoscenza di base della fotografia e voglia di espandere la propria creatività, gli argomenti trattati sono i seguenti:
– caratteristiche e utilizzo dell’attrezzatura di uno studio (luci, e modificatori)
– posizione, dimensione e distanza
– combinazione delle tre caratteristiche di una luce e la creazione di un look
– utilizzo di una fonte di luce
– utilizzo di due o più fonti di luce
– implementazione di luce artificiale insieme alla luce ambientale
– schemi di luce ed esempi pratici
Il Workshop è diviso in una prima parte teorica e in una seconda parte pratica in cui gli studenti
proveranno direttamente gli effetti dell’illuminazione attraverso gli strumenti che saranno messi a
disposizione dal docente. È consigliabile portare con sé la propria macchinetta fotografica digitale
così da poter mettere subito in pratica le tecniche apprese.

Costi e durata

Il Workshop è della durata di un giorno e si svolgerà presso la nostra sede in Via Costanzo Cloro 58
(Metro B San Paolo) Domenica 6 maggio 2012 con il seguente orario 10-13 / 14-17.
Il costo è di 80 euro comprensivo della tessera associativa annuale ENAL.
Per iscriversi è necessario mandare una mail a: info@collettivowsp.org. Per informazioni sulle
modalità e i tempi di pagamento contattaci telefonicamente o mandando una mail a
info@collettivowsp.org o chiamando il numero +39 328.17.95.463
Numero minimo di iscritti per avviare il corso: 5 – Numero massimo di iscritti:15

Docente: Daniele ZeddaLaureando in Scienze e Tecnologie dei Media all’Università di Tor Vergata, è un fotografo e visual
artist freelance specializzato in produzione e post-produzione fotografica e video. Da alcuni anni ha
scoperto l’amore per insegnamento, e tiene corsi di fotografia digitale e postproduzione delle
immagini all’interno del Corso di laurea in Scienze e Tecnologie dei Media presso l’Università di Tor
Vergata. Potete visionare i suoi lavori sui suoi siti: http://www.danielezedda.com e
http://www.flickr.com/people/astragony/

Un workshop vivamente consigliato per capire finalmente e grazie ai consigli di un giovane professionista, come utilizzare la luce sia naturale che artificiale, per creare effetti e risaltare le vostre fotografie.
Utilissimo a chi vorrà ad esempio intraprendere la strada della fotografia matrimoniale, architettonica, ritrattistica e di studio.

Workshop Principi di Illuminazione

Workshop Principi di Illuminazione

“Argento Vivo”: esposizione collettiva di stampa manuale in bianco e nero. Inaugurazione sabato 21 aprile ore 19.00 @ WSP Photography

“Argento Vivo”

Esposizione collettiva di stampa manuale in bianco e nero

21 Aprile – 8 Maggio

Corsi 2011-2012 Officine Fotografiche – docente Samantha Marenzi

inaugurazione sabato 21 Aprile 2012 h 19.00
WSP Via Costanzo Cloro 56/58 (Metro San Paolo)

Argento Vivo è un’esposizione collettiva che raccoglie alcuni lavori realizzati nei corsi di stampa in bianco e nero di Officine Fotografiche. Risponde a diversi desideri. Cristallizzare una fase della ricerca, restituire in forma di immagini le pratiche e le tecniche apprese, costruire spazi e momenti di osservazione sullo stato della fotografia analogica, che è una delle anime della fotografia, non soltanto il suo passato. La stampa si fa soggetto quanto il contenuto dell’immagine, e mostra il gesto di scrivere attraverso la luce. Sette autori propongono una serie di tre stampe ciascuno di formato 30×40, attraversando diverse tecniche di ripresa. Sguardi diversi disposti a condividere uno spazio di visione, a tracciare le linee di un disegno sensibile.

Questo slideshow richiede JavaScript.


Eleonora Polselli – Il mare oltre
Paolo Del Signore – Come non ti ho mai visto
Luca Guerri – Torre Flavia Continuum
Cristiana Vazzoler – Eurhole
Gianluca Capri – Geometrie mediterranee
Alberto Casini – Heima:Islanda
Marina di Fonzo – Hell’s Gate National Park – Kenya 2011

 

Questa sera: “Cojimìes” Mostra fotografica di Daniele Vita. Incontro con l’autore e con Sandro Iovine


Sabato 31 marzo ore 19

WSP Photography – Via Costanzo Cloro 58 – Roma

 

Cojimìes

Mostra fotografica di Daniele Vita.

Incontro con l’autore. Modera Sandro Iovine

 

 

Cojimìes, un paesino di pescatori Ecuadoriano in cui la pesca non è più un’occupazione redditizia. Le immagini di Daniele Vita ci conducono con discrezione tra le vite che lo attraversano, dentro e fuori, vicino e lontano alle situazione che compongono il tessuto di relazioni della loro quotidianità, sospesa in un’attesa che non cede il passo ne a un futuro di benessere e sviluppo, ne alla rassegnazione.

Dall’introduzione di Tommaso Sbriccoli

Il percorso lungo cui queste immagini ci accompagnano non è quello del reportage, né quello di un lavoro che insegue il simbolo per significare la realtà. Daniele ci conduce con discrezione e onestà tra le vite di Cojimìes attraverso un tempo che solo a tratti percepiamo come nostro. Non ci viene offerta una chiave di lettura, né promessa una comprensione finale. Soprattutto non siamo ingannati dalla lusinga, così frequente nell’attuale sistema dei media, che grazie a queste foto acquisiremo maggiori informazioni sul mondo, come se il nostro problema fosse la scarsità di conoscenze.  Piuttosto, Daniele offre al nostro sguardo la possibilità di perdere l’equilibrio, lo costringe a cercare un appiglio, e così facendo, nel momento stesso in cui lo troviamo, fa apparire ai nostri occhi ciò su cui siamo appoggiati, e svela a noi stessi i fili che ci muovono e ci trattengono.

Daniele Vita, classe 1975, è autore di diversi reportage fotografici ed ha all’attivo diverse collaborazioni con agenzie e associazioni, in ultima con l’agenzia per i rifugiati dell’ONU UNHCR. Ha raccontato i rifugiati politici nel lavoro “In fuga”, il disagio psico-fisico in “Abilmente diversi” e la resistenza nel viterbese in “Morale della Favola”.  Il suo lavoro “In fuga” è stato esposto al Festival di Fotografia di Roma, e “Morale della Favola” al Toscana Foto festival. E’ stato curatore di varie mostre fotografiche patrocinate dall’Unione Europea e dalla Regione Lazio. Finalista al premio Unicef Poy 2011, proprio con il lavoro Cojimies, e finalista nel 2010 e 2009 al premio occhi di scena, ha vinto il primo premio al Toscana Fotofestival Epson le Logge 2008 e a Roma nel 2009 primo premio Sud est (cooperazione e solidarietà). Diversi lavori sono stati pubblicati e diversi servizi e immagini hanno trovato spazio su magazine italiani.

 Ingresso gratuito riservato ai soci con tessera ENAL. Costo della tessera ENAL annuale 3 euro. E’ possibile associarsi direttamente il giorno dell’evento.

Questa sera: Sandro Iovine legge Raymond Depardon: “San Clemente”. ore 19.00 @ WSP Photography

WSP Photography presenta

“Sandro Iovine legge Raymond Depardon: San Clemente” 

Venerdì 30 marzo ore 19:o0
WSP Photography
Via Costanzo Cloro 56/58 Roma (Metro B San Paolo)


Sandro Iovine legge Depardon

All’inizio degli anni ottanta Raymond Depardon, fotografo dell’agenzia Magnum, ha affrontato il tema della fotografia psichiatrica nell’ospedale di San Clemente a Venezia.

Dal suo lavoro sono stati prodotti un libro fotografico, che non è stato più ristampato e risulta quindi pressoché introvabile, se non all’interno del ristretto mercato del collezionismo, e un documentario piuttosto critico nei confronti del sistema di cura della malattia psichiatrica. Entrambi portano il titolo di San Clementedal nome dell’isola che ospitava l’ospedale psichiatrico del capoluogo veneto.

La lettura di Sandro Iovine di questo libro vuole essere un omaggio a uno dei libri più importanti e belli dedicati al mondo della psichiatria e un mezzo per rendere possibile la diffusione di questo lavoro altrimenti relegato ad un accesso pubblico estremamente limitato.

Ingresso 5 euro + tessera associativa. Costo della tessera annuale 3 euro.

Questa sera: Conversazioni di fotografia: Incontro con Fotografi senza Frontiere. Ore 19.00


Collettivo WSP incontra Fotografi senza Frontiere

Conversazioni di fotografia con

Giorgio Palmera – Fotografo FSF
Gino Bianchi – Antropologo FSF

Sabato 24 marzo ore 19:00
WSP Photography
Via Costanzo Cloro 56/58 Roma (Metro B San Paolo)

(c) Giorgio Palmera

(c) Giorgio Palmera

FotografiSenzaFrontiere-onlus (FSF) riunisce un gruppo di fotografi e di addetti ai lavori che si occupano di aprire laboratori permanenti di fotografia in aree critiche del mondo, offrendo a soggetti che vivono situazioni di svantaggio, marginalità o post-emergenza una possibilità di auto-rappresentazione e l’opportunità di apprendere le basi di un mestiere. Spesso in situazioni di emergenza la cosa più importante che viene a mancare non sono soltanto il cibo, la salute, i medicinali ma anche l’identità.

La filosofia di FSF-onlus si fonda su un’antropologia culturale pragmatica e poggia sulla convinzione che la pratica della fotografia possa rendere la comunicazione piu’ libera e fruibile a coloro che fino ad oggi l’hanno solamente subita. Per far si che in un prossimo futuro essi possano trasformarsi da oggetti a soggetti attivi della comunicazione. Potendo raccontare dal di dentro le proprie storie. Potendo ritrovare la propria identità.

Nel corso della serata Giorgio Palmera, Presidente di FSF e fotografo, e Gino Bianchi, antropologo e responsabile dei contenuti dei progetti, presenteranno l’associazione e alcuni lavori del Gruppo Indagine di FSF, tra cui:

“Memoria”: libro, video e interviste sulla storia dei desaparecidos in Argentina
“Windows From Gaza”: un racconto sulla comunità di artisti Gazawi

Il ciclo “Conversazioni di fotografia” prevede una serie di dibattiti con esponenti del mondo della fotografia, fotografi, docenti, esperti ed artisti emergenti per parlare e discutere di fotografia con contributi audio, video e racconti di esperienze professionali e non solo. Scopo degli incontri è quello di creare gruppi di pensiero e momenti di condivisione che, attraverso il racconto di esperienze e immagini, accrescano la cultura fotografica di ogni partecipante, fornendo spunti di riflessione, idee per nuovi lavori, nonché consigli pratici per tramutare passione in professione.

L’ingresso agli incontri è gratuito e riservato ai soci. Costo della tessera annuale ENAL 3 euro. È possibile associarsi direttamente il giorno dell’evento.

Corso di Postproduzione Digitale. A partire dal 4 aprile @ WSP Photography con il docente Matteo Carnevali.

Corso di Postproduzione e Fotoritocco digitale
livello base

Inizio 4 Aprile 2012

L’Associazione Culturale WSP presenta il corso di Postproduzione e Fotoritocco digitale, della durata di 12 lezioni. Il corso si svolgerà presso la nuova sede dell’Associazione in Via Costanzo Cloro 56/58 (Metro B San Paolo).

Il corso si svolgerà ogni mercoledì dalle 20 alle 22.

Il corso ha lo scopo di fornire le conoscenze basilari per la gestione delle immagini, il fotoritocco, le modifiche più comuni che possono essere effettuate, l’ottimizzazione a seconda dell’uso che se ne vuole fare. Verranno presi in esame i programmi più comuni utilizzati per la postproduzione, come Photoshop e Lightroom.

Il corso è di carattere generale e introduttivo, aperto anche ad eventuali richieste che emergeranno dai partecipanti. Si farà riferimento alla fotografia digitale e analogica senza settorialismi ma con le dovute distinzioni. Si parlerà di tecnica, di attrezzatura, di analisi dell’immagine fotografica,  degli aspetti fotografici legati alla comunicazione, al linguaggio e alla grammatica delle immagini e vi verranno suggeriti degli esercizi e dei temi fotografici da svolgere durante il corso.

La lezione verrà generalmente divisa in una parte di pura tecnica, una parte più legata alla fotografia come comunicazione e una parte di condivisione e discussione delle proprie foto. Sarà a disposizione degli studenti un sito con possibilità di accesso ad un forum di discussione, mailing list, risorse utili (indirizzari, siti dìinteresse, etc) e le dispense delle lezioni.

Siete tutti invitare a partecipare qualunque sia la vostra fotocamera e il vostro livello fotografico! Anche se non possedete ancora una fotocamera potete comunque iscrivervi.
E’ consigliabile, ma non indispensabile, munirsi di un proprio PC portatile per esercitarsi durante il corso.

Struttura del corso

  • Introduzione alla fotografia digitale, sensore, spazi colore
  • Immagini vettoriali e raster, formati delle immagini, modalità di colore, dimensioni, risoluzione
  • Finestre e personalizzazione dell’interfaccia, righelli, griglia e guide
  • Il funzionamento dei layer, opacità, riempimenti ed effetti stile livello
  • I pannelli, il menu degli strumenti, le scorciatoie da tastiera
  • Strumenti di selezione, canale alfa, tracciati, testi e forme vettoriali
  • Operazioni base del programma: creazione nuova immagine, apertura e importazione immagini, salvataggi, stampa
  • Operazioni base di ritocco: trasparenza, effetti, filtri, ritocco colori, contrasto
  • Camera Raw, oggetti avanzati e metodi di fusione

Costi e Durata
Il corso ha la durata di 12 lezioni di due ore ciascuna.  Il corso si svolgerà presso  la nuova sede in Via Costanzo Cloro 56/58 (metro B San Paolo).
Numero minimo di iscritti per avviare il corso: 6 – Numero massimo di iscritti:11
Costo: 250 euro rateizzabili

È necessario prenotarsi inviando una mail a: info@collettivowsp.org
Per informazioni sulle modalità e i tempi di pagamento contattaci telefonicamente o mandando una mail a info@collettivowsp.org o +39 328.17.95.463

Docente: Matteo Carnevali

Matteo Carnevali, nato a Roma nel 1978, fotografo free lance dal 2002. Nel 2004 si è laureato in ingegneria informatica presso l’Università a di Roma RomaTre. Ha studiato reportage e still life presso la scuola John Kaverdash di Milano. Nel 2007 ha partecipato ad un workshop con il fotografo Antonin Kratochvil. Si è occupato di reportage con l’agenzia spin360  di Milano. Da 5 anni si occupa di fotografia commerciale e pubblicitaria. E’ collaboratore di alcune agenzie pubblicitarie di Roma. Alcuni clienti: Tim, Telecom, De Agostini, Lottomatica, Renault, Pans&Co, Comune di Roma, Zétema, Finmeccanica, Venerdì di repubblica, Quark magazine, Angelo d’Arrigo Ha lavorato come direttore tecnico di riprese aeree per due documentari national geographic su Angelo d’Arrigo.

Lavori personali: ha esposto nel 2010 il suo primo lavoro nel campo della foto d’arte “Le muse silenti” in portogallo, presso la galelria Lobo Mau di Evora. Il lavoro è stato segnalato da Repubblica.it/espresso on line.

Colleziona cose interessanti sul suo blog: http://davverodavvero.wordpress.com/

(c) Matteo Carnevali