Il reportage sociale: fotografia per informare e cambiare il mondo.

La realtà dei fotografi è il ciclo di seminari di storia della fotografia proposto da WSP Photography, giunto al suo secondo appuntamento.

Ben Shahn Children of Destitute Mountaineer, Arkansas (1935)

© Ben Shahan

Il secondo incontro racconta l’evoluzione del concetto di fotografia di documentazione: dalla pura registrazione della realtà – sia pure all’interno di determinati canoni estetici – a una narrazione sociologica e fotogiornalistica, che ha il preciso scopo di portare alla luce un mondo sommerso di miseria e sfruttamento, e di fare appello alle coscienze di un pubblico borghese benestante.

Immaginata da Henry Fox Talbot, uno dei suoi inventori, come una “matita della natura”, la fotografia sin dal suo esordio viene esaltata come strumento di registrazione della realtà puntuale ma non asettico, capace anzi di integrare in sé il valore aggiunto di una visione estetica e di un pensiero etico.

Questo ciclo di seminari è rivolto sia a studenti che a semplici appassionati di fotografia, interessati a conoscere e/o approfondire quei movimenti di pensiero e quei generi fotografici che nel tempo si sono proposti di fornire testimonianza della realtà, della società, degli eventi e dei mutamenti storici, facendo della documentazione un’arte e un impegno morale verso la società.

dorothea-lange-migrant-mother.jpg

© Dorothea Lange

I seminari sono tenuti da Rosa Maria Puglisi. Rosa Maria Puglisi nasce a Giarre (CT) nel 1967. Dopo la maturità classica si laurea presso l’Accademia di Belle Arti di Catania e si abilta all’insegnamento. Ha un master in “Video, Fotografia,Teatro e mediazione artistica nella relazione d’aiuto”. Nel 1992 frequenta la scuola “Donna Fotografa” di Giuliana Traverso a Milano. Si stabilisce poi a Roma, dove si perfeziona come fotografa presso l’ISFCI; lì insieme ad altri studenti viene selezionata per un progetto di reportage nei luoghi della psichiatria dopo la legge Basaglia. Successivamente lavora come freelance. Dal 2000 in poi ha scritto di fotografia in vari siti specializzati (Cultframe, Fotologie, La Critica, e l’Enciclopedia delle donne) e sul suo blog, “Lo Specchio incerto”. Ha una lunga esperienza d’insegnamento in enti pubblici e privati, e insegna al corso Superiore professionale biennale dell’Istituto Italiano di Fotografia (Milano), e al Master biennale di fotografia di Exusphoto (Roma). E’ inoltre docente del Corso di formazione triennale in Artiterapie (indirizzo: arti visive, foto, video e teatro) di Nuove Arti Terapie.

Modalità di partecipazione
I seminari sono a numero chiuso. Per partecipare a ciascuno dei seminari è obbligatorio prenotarsi inviando una mail a: info@collettivowsp.org specificando la data o il titolo del seminario a cui si vuole partecipare.

Il costo di partecipazione di ogni seminario è di 10 euro, 30 euro totali se si decide di partecipare a tutti i seminari versando l’intera quota il giorno del primo seminario.

Per conoscere gli altri appuntamenti visitare il sito wsp photography.

Annunci

Premio Fotografico Peppino Impastato – musica e cultura

Vi segnaliamo questo concorso fotografico, alla prima edizione, promosso dall’Associazione Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato in collaborazione con
Associazione Musica e Cultura, Associazione Photofficine Onlus, Asadin Fotografica,
Belice Epicentro della Memoria Viva.

TEMA DEL CONCORSO
Lotta: conflitti, antagonismi resistenze.

Lotta, conflitto e resistenza come elementi fondativi e imprescindibili di una democrazia
vitale, reale e in evoluzione. In un momento, come quello attuale, di assopimento delle
coscienze, di resa e silenzio delle più elementari rivendicazioni, che direttamente
pertengono alla sfera della dignità della persona, la valorizzazione di posizioni
antagoniste e di conflitto non può che considerarsi generativa di spazi più ampi di tutela
dell’interesse collettivo.

La scadenza è fissata al 2 maggio 2014. In palio 500 euro per la categoria Open e 250 per la categoria Open. Presiede la giuria la fotografa Letizia Battaglia. 

Per maggiori informazioni scaricate il bando sul sito dell’organizzazione: http://www.casamemoria.it/