20 anni dopo: a Palermo una mostra fotografica dedicata a Falcone e Borsellino

Falcone e Borsellino 20 anni dopo mostra fotografica

Falcone e Borsellino 20 anni dopo mostra fotografica

A vent’anni dagli attentati di Capaci e via D’Amelio, una mostra fotografica a Palermo rende omaggio ai due uomini che hanno lottato contro la mafia. Inaugurata il 23 maggio, giorno dell’anniversario dell’attentato a Giovanni Falcone, che perse la vita insieme alla moglie Francesca Morvillo e agli uomini della scorta,  mentre oggi 19 luglio ricorre quello della morte di Paolo Borsellino.

Falcone e Borsellino vent’anni dopo. Non li avete uccisi, le loro idee cammineranno sulle nostre gambe” è stata inaugurata il 23 maggio dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. L’esposizione fotografica raccoglie scatti che ritraggono i due magistrati, dalla loro amicizia al loro impegno nella lotta contro la mafia, fino agli atroci attentati mortali.

La mostra è allestita presso il Palazzo Branciforte di Palermo fino al 9 settembre 2012, un modo per non dimenticare e soprattutto per continuare a lottare contro la mafia.

Annunci

Per non dimenticare: Una mostra fotografica a cura di Contrasto dedicata alla memoria di Falcone e Borsellino

(c) Letizia Battaglia

(c) Letizia Battaglia

Sono passati vent’anni dalla mattina del 23 maggio 1992, in cui nei pressi dello svincolo autostradale di Capaci persero la vita Giovanni Falcone e la moglie Francesca Morvillo e tre agenti della scorta. L’emblema degli attentati mafiosi che, insieme a quello di via D’Amelio, dove perse la vita Paolo Borsellino e cinque suoi agenti (il 19 luglio dello stesso anno) è l’argomento che apre a Palazzo Incontro di Roma una serie di programmi e riflessioni che andranno avanti da oggi, conferenza stampa stamattina alle 12.30, fino al prossimo 19 luglio. Insieme al programma “Il tempo della lotta alla mafia. “Lezioni Civili” in ricordo di Falcone e Borsellino”, la serie di incontri che la l’Amministrazione Provinciale di Roma promuove per l’occasione, sarà presentata in anteprima anche la mostra, realizzata per “Contrasto”, “Il Silenzio è mafia. Falcone e Borsellino vent’anni dopo” a cura di Alessandra Mauro e Franca De Bartolomeis, che resterà allestita nelle sale di Palazzo Incontro fino al prossimo 9 settembre.
Stasera invece, alle 18,30, ora ufficiale dell’opening, saranno letti, da Monica Guerritore, alcuni brani dal “Diario di Rita Atria” la siciliana ribelle, come era stata dipinta in un film dedicatole, ragazza nata da una famiglia mafiosa in provincia di Palermo che dopo l’assassinio del padre e del fratello divenne collaboratrice di giustizia. La madre la ripudiò, e nel 1992 la ragazza si uccise a Roma, dove viveva segretamente. Una settimana esatta dopo l’attentato a Borsellino.

Fonte: exibart

Per maggiori informazioni visita il sito Palazzo Incontro/Provincia di Roma