Nero su Bianco: uno speciale racconta la fotografia italiana

RAI 1 ha dedicato ai più grandi fotografi italiani, un bellissimo speciale a cura di Bruno Luverà.

Ferdinando Scianna, Gianni Berengo Gardin, Piergiorgio Branzi, Mimmo Jodice, Mario Dondero sono solo alcuni dei grandi nomi che hanno fatto la storia e l’orgoglio della fotografia italiana.

Ferdinando Scianna, il primo fotografo italiano entrato nella prestigiosa Agenzia Magnum, apre il suo archivio personale mostrando a Speciale Tg1 foto inedite di Henri Cartier-Bresson, uno dei più grandi maestri della fotografia del Novecento.

E la Parigi capitale della cultura europea della cultura, la troviamo anche nelle fotografie che Gianni Berengo Gardin e Piergiorgio Branzi ripescano dai loro archivi.
Non mancano anche curiosità e racconti dai fotografi, come la scelta delle ottiche, della composizione e di come sono nati alcuni dei più grandi capolavori fotografici di tutti i tempi.

“Il mio lavoro non è improvvisato, il risultato io ce l’ho nella mente da prima, da sempre” così parla Mimmo Jodice mostrando alcune delle sue sperimentazioni artistiche, come “la mano che scrive” e foto inedite dell’avanguardia pop degli anni Settanta e Ottanta, con i ritratti di Joseph Beuys e Andy Warhol.

“Più povero è l’argomento e più sofisticata è l’ottica”.
Si scopre che il 50 era la lente preferita del recentemente scomparso Mario Dondero, “perché non falsifica, non spettacolarizza”.

Per Gabriele Basilico invece il mestiere di fotografo è una missione, fatta anche di lunghe attese oppure secondo Uliano Lucas niente come il mestiere di fotoreporter gli ha offerto libertà, libertà di fare le sue foto, raccontare e anche farsi una propria autoanalisi.

“Perché è l’anima che vede, non gli occhi” (Lisetta Carmi).

“Nero su bianco” ricostruisce l’avventura della nascita del fotogiornalismo italiano dopo il periodo del fascismo e dell’istituto Luce, con documenti d’epoca, testimonianze e ricordi
e regala un vero e proprio ritratto dell’Italia del dopoguerra.
Rigorosamente in bianco e nero.

Se avete perso lo speciale TG1 trasmesso il 20 marzo, potete trovarlo a questo link dall’archivio RAI.

Schermata 2016-03-22 alle 15.27.54

Nero su Bianco – Speciale tg1 sulla fotografia italiana

 

La luce delle Marche: 9 fotografi raccontano il loro territorio

La luce delle Marche

Si inaugura sabato 17 settembre alle ore 18,30 presso l’Auditorium di Santa Teleucania a Morro d’Alba la mostra di fotografia ‘La luce delle Marche’, a cura di Simona Guerra. L’esposizione, fortemente voluta dall’Amministrazione del Comune di Morro d’Alba e resa possibile anche grazie al prezioso contributo della Banca di Credito Cooperativo di Ostra e Morro d’Alba, è interamente dedicata al territorio marchigiano inteso nelle sue molteplici e più diverse realtà ed interpretazioni.

Scelti fra i più significativi autori marchigiani, tutti già molto noti a livello internazionale, la curatrice, ha voluto rendere omaggio alla sua terra attraverso la magistrale opera dei fotografi, offrendo al visitatore una rosa di interpretazioni visive ed emotive del territorio tanto diverse fra loro quanto vicine nel comune senso di appartenenza alle Marche.

Gli autori in mostra sono: Eriberto Guidi, Giovanni Marrozzini, Mario Dondero, Ignacio Maria Coccia, Lorenzo Cicconi Massi, Ferruccio Ferroni, Mario Carafòli, Mario Giacomelli, Riccardo Gambelli.

Tre generazioni di fotografi che tracciano dei precisi segmenti paesaggistici e interiori e che offrono uno spunto di riflessione alla nostra ricerca di senso e bellezza. Immagini che si aprono nel loro silenzio per accompagnarci tra quiete e contrasti, al di fuori del documento, in noi stessi, tra cielo e terra.

La scelta della cornice espositiva, Morro d’Alba, non è affatto casuale in quanto il ritrovarsi nell’immagine, nel paesaggio stesso, una volta usciti dalla sala espositiva è una parte integrante dell’esperienza della mostra. Naturalmente il “ritrovarsi” è da intendere anche come riconoscersi, nella propria terra e nell’identità presente, se pur troppo spesso abbandonata tra le abitudini che alterano la memoria; questa è la magia delle immagini scelte! Ognuno libero dal morso continuo del tempo e dello spazio uscirà da questa esposizione per entrare nell’invisibile rappresentato.

La mostra resterà aperta dal 18 settembre al 16 ottobre, tutti i giorni, con orari che potrete trovare visitando il sito http://www.comune.morrodalba.an.it oppure chiamando il n. 0731.63000.

Fotografi per l’acqua pubblica:una mostra per dire no alla privatizzazione dell’acqua e sì al referendum.

La mostra Fotografi per l’acqua pubblica è un appuntamento imperdibile con il collezionismo fotografico. Ma è anche un momento in cui sarà possibile far sentire più alta la voce contro la privatizzazione dell’acqua.

Una settantina di fotografi hanno aderito con generosità a questa iniziativa, dimostrando il loro impegno e la loro presa di posizione contro la volontà del Governo di rendere l’acqua una merce alla pari del petrolio.

Dai grandi nomi della fotografia italiana fino ai nuovi talenti, i fotografi hanno cercato nei loro archivi le immagini più simboliche ed evocative, pensando alla destinazione delle foto, sui muri dei collezionisti e degli appassionati di fotografia.

Infatti sarà possibile acquistare le loro foto e i ricavati delle vendite andranno al Comitato Provinciale 2Sì per l’Acqua Bene Comune che sta facendo grandi sforzi per comunicare con chiarezza e forza l’importanza del voto al referendum del 12 e 13 giugno.

Francesca Carmi, curatrice della mostra a nome del Comitato Provinciale 2Sì per l’Acqua Bene Comune non ha dato alcun tema ai fotografi per la scelta delle loro immagini, anche se alcuni di loro hanno deciso di interpretare, con le foto selezionate, il tema dell’acqua.

Ogni fotografo ha donato all’iniziativa una o più foto, rendendo questa mostra un avvenimento unico per la grande quantità di nomi, più o meno storici, più o meno giovani. Autori che vanno da Ferdinando Scianna a Lisetta Carmi, da Uliano Lucas a Gianni Berengo Gardin, daGabriele Basilico a Mario Dondero si affiancano in questa incredibile mostra a generazioni più recenti, fino ad arrivare alle giovani promesse.

Le fotografie in mostra sono straordinarie: bianchi e neri e colori, algide architetture e immagini emotive, la Sicilia, Milano, Parigi, gli intellettuali e gli operai, paesaggi e ritratti, le distese d’acqua indiane e gli antri delle metropolitane, gli uccelli e le pecore, gli astrattismi e i fiori delicati, restituiti da ogni autore con la sua unica sensibilità.

Un’altra particolarità della mostra è che rimarrà aperta un solo giorno, un giorno intenso ed eccezionale per chi ama la fotografia e desidera possederla.

Fotografi per l’acqua pubblica è infatti a Milano il 25 maggio dalle 15 alle 22 presso lo Spazio Theca, in Piazza Castello 5. Un luogo ampio e solare per dare alle immagini lo spazio che meritano.

Autori in mostra: Marco Anelli, Isabela Balena, Gabriele Basilico, Gianni Berengo Gardin, Nicola Bertasi, Antonio Biasiucci, Alfredo Bosco, Leonardo Brogioni, Fabiano Busdraghi, Alberto Callari, Alessandra Capodacqua, Marco Capovilla, Lisetta Carmi, Simone Casetta, Chiara Castellani, Filippo Ceredi, Stefano Cerio, Marisa Chiodo, Alessandro Cimmino, Francesco Cito, Cesare Colombo, Emanuela Cremaschi, Marco Dapino, Stefano De Luigi, Mario Dondero, Alessia Dragoni, Jacopo Farina, Luigi Gariglio, Benjamin Géminel, Mario Guerra, Olivia Gozzano, Iris Humm, Simone Keremidtschiev, Marco Introini, Mario La Porta, Alberto Locatelli, Isacco Loconte, Uliano Lucas, Paola Mattioli, Beatrice Mancini, Luca Napoli, Toni Nicolini, Cristina Omenetto, Thomas Pagani Roberto, Masiar Pasquali, Daniele Pennati, Francesco Pizzo, Francesco Radino, Filippo Romano, Claudio Sabatino, Paolo Sacchi, Ferdinando Scianna, Massimo Siragusa, Francesca Todde, Mattia Velati, Margherita Verdi, Claudio Vitale, Ambra Zeni.

(c) Uliano Lucas

Festival della Fotografia Europea

Le giornate inaugurali di Fotografia Europea 2011, in programma da venerdì 6 a domenica 8 maggio, trasformano la città di Reggio Emilia in uno spazio aperto di riflessione e di festa attraverso un ricco programma di appuntamenti che coniuga le diverse forme della creatività e del pensiero.
L’articolato calendario di incontri, conferenze, spettacoli, rassegne cinematografiche, presentazioni di libri, workshop e attività per ragazzi, prosegue quest’anno per tutto il periodo di apertura delle esposizioni, visitabili fino al 12 giugno.

Festival della fotografia Europea

Le tre giornate inaugurali vedono alternarsi incontri, conferenze, spettacoli, rassegne cinematografiche, performance, proiezioni. Confermando un approccio multidisciplinare, Fotografia Europea ospita artisti e protagonisti del mondo dell’arte e della cultura, invitati a confrontarsi sul tema proposto, con i curatori e i fotografi coinvolti per animare un programma che coniuga diverse forme della creatività e del pensiero: dalla fotografia all’arte, dalla letteratura alla filosofia, dalla musica al teatro, dalla sociologia alla politica.
Tra gli ospiti delle conferenze, il priore della comunità di Bose Enzo Bianchi, il curatore del programma La Grande Storia e scrittore Luigi Bizzarri, la filosofa Luisa Muraro, il politologo Carlo Galli, il filosofo Roberto Esposito, lo storico Alberto Melloni, il giornalista e scrittore Gian Antonio Stella, il critico letterario Marco Belpoliti, gli scrittori Franco Arminio e Giorgio Boatti, lo storico e fondatore della Comunità di Sant’Egidio Andrea Riccardi, il direttore di Rai Tre Paolo Ruffini, l’economista della cultura Pier Luigi Sacco, il giornalista Michele Smargiassi, la storica della fotografia Roberta Valtorta, il vaticanista Fabio Zavattaro e altri ancora. Massimo Vitali, Piergiorgio Branzi e Gabriele Basilico insieme allo storico dell’arte Claudio Marra presenteranno la serie di documentari Fotografia Italiana.

Tre serate di grande spettacolo con Andy Butler (Hercules and Love Affair), dj newyorkese accompagnato da una scenografia multiscreen, Ambrogio Sparagna insieme all’Orchestra popolare italiana, a Peppe Servillo e a Angela Baraldi e il tributo al Giro d’Italia con il dj Nicola Conte, considerato tra gli artisti italiani più affermati del panorama internazionale.

Ritornano i Quartieri Illuminati: quest’anno luci puntate sul padiglione Lombroso (ex San Lazzaro) destinato a ospitare il nuovo Museo della Psichiatria. Nell’edificio restaurato domenica 8 maggio la compagnia Aterballetto darà vita a un’azione performativa nelle sale e nelle celle di degenza con una spettacolare conclusione nell’area cortiliva.

Il programma delle tre giornate comprende inoltre la II° edizione di ELLEEFFE – mostra mercato del libro fotografico e l’esposizione di libri d’artista di Amandine Nabarra-Piomelli, entrambe a cura di Silvana Turzio.

Mostre collegate

La proposta espositiva di Fotografia Europea 2011 è arricchita e completata da diverse mostre dedicate ai temi della ricerca fotografica promosse da Enti, Istituzioni e Associazioni del territorio.
Ognuna di queste mostre implementa il valore della manifestazione creando nuovi percorsi all’interno della città. Le esposizioni sono a ingresso libero.

tutte le informazioni: Festival della Fotografia Europea

Premio Chatwin 2010: ecco i vincitori

Sono Michele Lepera, con il racconto Senza peso,
Luca Nizzoli Toietti con il reportage fotografico Kaliningrad,
Luca Olivieri con il corto Oltre il fiume
i primi classificati delle sezioni storie di viaggio, immagini dal mondo e amore senza frontiere del IX concorso Premio Chatwin 2010. I nomi degli altri finalisti e ogni dettaglio nell’area comunicati stampa

Premio Chatwin 2010

Premio Chatwin 2010

PROGRAMMA

giovedì 18 novembre

Palazzo Rosso
ore 18.00
Sotto la tenda di Abramo
mostra fotografica di Ivo Saglietti
inaugurazione con: Elizabeth Chatwin, Mario Dondero, Maurizio Garofalo, Ivo Saglietti
intervengono: Angelo Berlangieri, assessore Turimo, cultura e spettacolo Regione Liguria
Andrea Ranieri, assessore Progetti culturali Comune di Genova
(la mostra resterà aperta fino al 28 novembre)

venerdì 19 novembre

Palazzo Ducale – Loggia degli Abati
ore 10.00-19.00
Infinito viaggiare
foto e proiezioni
Immagini dal mondo- selezione Premio Chatwin (2006-2010)
proiezioni:
La vita di Bruce Chatwin
La faccia della terra di Vinicio Capossela e Gianfranco Ferriolo
Continente Africa autori vari
(fino al 21 novembre)

Museo Luzzati
ore 14.00-16.00
Piccoli chatwin in viaggio con Conquà
laboratorio per bambini da 6 a 11 anni riservato alle scuole
con Silvia Mastrangelo e Lorenzo Terranera

Palazzo Ducale – Sala del Minor Consiglio

Africa ieri e oggi: 1905-2010 nella terra dei Dogon
ore 16.00
Il viaggio continua
con Marco Aime e Ferdinando Fagnola

a seguire
Vivere in africa: architettura, magia e cellulari
con Piero Coppo, Massimo Corradi, Nello Correale, Camillo Magni; coordina Massimo Luconi
in collaborazione con Dipartimento di Scienze per l’architettura Università degli Studi di Genova

ore 18.00
Under the sun, Bruce si racconta
in anteprima brani della raccolta di lettere inedite dello scrittore inglese
con Elizabeth e Hugh Chatwin, Nicholas Shakespeare; coordina Ambrogio Borsani
letture di Paolo Briguglia

sabato 20 novembre

Museo Luzzati
ore 10.00-12.00
Piccoli chatwin in viaggio con Conquà
laboratorio per bambini da 6 a 11 anni
con Silvia Mastrangelo e Lorenzo Terranera
ingresso gratuito su prenotazione telefonando a Museo Luzzati: 010.2530328

Palazzo Ducale – Sala del Maggior Consiglio
ore 17,30-19.00
Premio Chatwin 2010_IX edizione
incontri, premiazione, proiezioni
intervengono:
Elizabeth e Hugh Chatwin
Cees Nooteboom, premio speciale una vita di viaggi e passione letteraria, intervistato da Pietro Veronese
Vinicio Capossela, premio speciale un artista nel mondo, a colloquio con Mario Dondero
Ivo Saglietti, premio speciale l’occhio assoluto
Paolo Briguglia, ritira in vece di Rocco Papaleo il premio speciale Italia, una terra da scoprire per il film Basilicata coast to coast
Flaviano Bianchini, menzione speciale viaggi di carta_il più bel libro dell’anno, intervistato da David Bellatalla
Maurizio Garofalo
Luciana Damiano

la giuria
i vincitori del concorso Premio Chatwin 2010 e Scrivi sul web 2009/2010

letture e conduzione Pino Strabioli

Altri eventi

Libreria Books in the Casba
Nella Casba – Aspettando il Premio Chatwin
proposte di lettura in collaborazione con Libreria Books in the Casba

15 novembre – ore 18.00
Oltre la fine dei viaggi
Luigi Marfè (Olschki)
incontro con l’autore

16 novembre – ore 18.00
Fino alla fine del mondo
E. Lucas Bridges (Einaudi)
incontro con Giorgio Bertone

17 novembre – ore 18.00
Il contrario del sole
Carlos Solito (Versante Sud)
incontro con l’ autore

La Fotografia in Italia: 1945-1975

La fotografia in italia

Sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con il Patrocinio del Senato della Repubblica, della Presidenza della Camera dei Deputati e del Comune di Milano, giovedì 11 febbraio alle 18.30 apre a FORMA Centro Internazionale di Fotografia La fotografia in Italia. 1945-1975 Capolavori dalla collezione Morello.

Per la prima volta viene presentata al pubblico la straordinaria collezione di Paolo Morello, con la sua serie di opere in stampe originali che raccontano la storia della fotografia italiana dall’immediato secondo dopoguerra fino alla metà degli anni Settanta.

Sono gli anni in cui la fotografia in Italia registra, in assoluto, le sue punte massime di incidenza sociale; quando, nell’immediato dopoguerra, la televisione non aveva ancora preso il sopravvento e l’informazione era mediata attraverso la stampa illustrata (e dunque, attraverso la fotografia).
Proprio in quegli anni, inoltre, una generazione di giovani, per la prima volta, comincia a pensare alla fotografia come a una professione. Questa inedita osmosi tra fotoamatori e fotografi professionisti produce risultati di una qualità che non sarebbe mai più stata eguagliata.
Del resto, sono stati anni cruciali per la storia italiana e la fotografia è stata lo strumento che meglio di ogni altro ha saputo rappresentare non soltanto la rapida trasformazione della società del nostro paese negli anni del cosiddetto boom economico, ma anche un sistema di valori che ancor oggi identifica la cultura italiana nel resto del mondo.

La mostra, a cura di Alessandra Mauro e Paolo Morello, presenta 250 capolavori in stampe originali (vintage prints) dei maggiori autori italiani attivi tra gli anni Cinquanta e Sessanta. Una trentina gli autori in esposizione, tra i quali Gianni Berengo Gardin, Carlo Bevilacqua, Paolo Bocci, Piergiorgio Branzi, Giuseppe Bruno, Alfredo Camisa, Calogero Cascio, Elisabetta Catalano, Carla Cerati, Vittorugo Contino, Mario Cresci, Francesco Carlo Crispolti, Mario De Biasi, Toni Del Tin, Mario Dondero, Ferruccio Ferroni, Mario Finocchiaro, Caio Mario Garrubba, Mario Giacomelli, Mario Lasalandra, Giorgio Lotti, Pepi Merisio, Giuseppe Möder, Paolo Monti, Federico Patellani, Tino Petrelli, Vittorio Piergiovanni, Franco Pinna, Marialba Russo, Antonio Sansone, Tazio Secchiaroli, Elio Sorci.

Un rilievo particolare nel percorso dell’esposizione è dedicato ad alcune serie di eccezionale valore, quali Venezia di Gianni Berengo Gardin, Budapest 1956 di Mario De Biasi, Forma di donna di Carla Cerati, Giudizio e Storia di un dramma, di Mario Lasalandra, Cronotopi di Vittorugo Contino.

Paolo Morello ha insegnato Storia della Fotografia, in diverse università italiane (Palermo, Milano Cattolica, Bologna, Venezia); a Milano ha fondato e diretto il Corso di formazione in Storia e Gestione della Fotografia, il primo Master biennale in Europa interamente dedicato alla fotografia; dirige l’Istituto Superiore per la Storia della Fotografia e, dal 2001, è Contributing Editor della rivista “History of Photography”. Autore di numerosi volumi sulla fotografia italiana dell’Otto e del Novecento, dal 2009 vive e lavora all’estero. Adesso lavora ad una Storia della fotografia. 1839-2000 e alla fondazione del Museo della fotografia italiana, destinato ad ospitare la collezione di capolavori di cui quelli ora in mostra a Forma offrono una ristretta ma significativa rappresentanza.

Forma
Centro Internazionale di fotografia – Milano


Periodo
dal 12 febbraio
al 2 giugno 2010
Orario
tutti i giorni dalle 10 alle 20
Giovedì e Venerdì dalle 10 alle 22
lunedì chiuso
Costo biglietto
Intero: 7,50 euro
Ridotto: 6 euro
Scuole: 4 euro
Per informazioni
02.5811.8067
02.8907.5419