“Exodus” di Jean-Marc Caimi: in mostra @ WSP Photography

Il progetto “Exodus” del fotografo e giornalista Jean marc Caimi ancora in mostra al WSP Photography.  Aperto tutti i giorni dalle 19 alle 23.30 tranne martedì e domenica.  Via Costanzo Coloro 58, metro B San Paolo.

Exodus mostra di Jean Marc Caimi

Jean-Marc Caimi, fotografo e giornalista, si occupa di tematiche contemporanee, sociali e politiche e lavora come freelance per l’agenzia Redux Pictures. Sta svolgendo un lungo lavoro sui senza fissa dimora, realizzato tramite il ritratto documentaristico. Ha svolto reportage in tutto il mondo. Ha vinto numerosi premi e riconoscimenti internazionali, fra questi il primo premio della giuria alla Biennale di Videofotografia di Alessandria, la Honorable Mention agli International Photography Awards 2011 per il lavoro su Lampedusa e una HM al Photo Annual Award di Praga per il lavoro sulle proteste in Grecia. È inoltre vincitore dell’Ivrea Foto Festival 2011. Il lavoro “Place Less” sui senza fissa dimora ha vinto l’American Photography e inserito nei migliori lavori dell 2011. E’ da due anni direttore didattico di un progetto fotografico gratuito dedicato a migranti e rifugiati.

Mostra fotografica di Jean-Marc Caimi Inaugurazione, proiezioni e incontro con l’autore. Venerdì 22 Giugno ore 19.00

Associazione Culturale WSP Photography

presenta

Exodus

Mostra fotografica di Jean-Marc Caimi

Inaugurazione, proiezioni e incontro con l’autore

Venerdì 22 giugno ore 19:00
WSP Photography
Via Costanzo Cloro 58 Roma (Metro B San Paolo)

Venerdì 22 giugno alle ore 19 presso WSP Photography inaugurazione Mostra fotografica “Exodus”, che presenta una serie di ritratti e situazioni realizzati in campi profughi nello Yemen del Sud e a seguire incontro con l’autore.

Obiettivo dell’incontro è quello di affrontare, attraverso l’esperienza diretta del fotografo, i diversi approcci fotografici nei quali il reportage può essere declinato, in modo funzionale sia alle diverse situazioni oggettive, che al messaggio che si vuol far emergere. Si discuterà anche, in modo più generale, di come sono stati realizzati i progetti presentati, dalla scelta del soggetto fino alla produzione finale.

Fra i lavori presentati dall’autore “Place Less” sui senza fissa dimora, “Two faces of Baku” sulla violazione dei diritti umani in Azerbaian, “Greek Crisis” sulle proteste dei ragazzi in Grecia e “The Gold of Ghana” sulle miniere illegali nello Stato africano.

Jean-Marc Caimi, fotografo e giornalista, si occupa di tematiche contemporanee, sociali e politiche e lavora come freelance per l’agenzia Redux Pictures. Sta svolgendo un lungo lavoro sui senza fissa dimora, realizzato tramite il ritratto documentaristico. Ha svolto reportage in tutto il mondo. Ha vinto numerosi premi e riconoscimenti internazionali, fra questi il primo premio della giuria alla Biennale di Videofotografia di Alessandria, la Honorable Mention agli International Photography Awards 2011 per il lavoro su Lampedusa e una HM al Photo Annual Award di Praga per il lavoro sulle proteste in Grecia. È inoltre vincitore dell’Ivrea Foto Festival 2011. Il lavoro “Place Less” sui senza fissa dimora ha vinto l’American Photography e inserito nei migliori lavori dell 2011. E’ da due anni direttore didattico di un progetto fotografico gratuito dedicato a migranti e rifugiati.

Inaugurazione Venerdì 22 giugno 2102 ore 19:00 presso WSP Photography Ingresso gratuito riservato ai soci Enal. Costo della tessera Enal 2012 euro 3. La mostra rimarrà aperta fino al 7 luglio 2012.

L’Occhio del nostro mondo: mostra fotografica del corso di fotografia per migranti e rifugiati

12 giugno ore 17.00 Sala Gonzaga
Via della Consolazione 4 Roma

L'Occhio del nostro mondo

L’Occhio del nostro mondo

Mostra fotografica degli allievi del corso di fotografia e fotogiornalismo gratuito per rifugiati e migrati tenuto dal fotografo Jean Marc Caimi.

Un corso pensato per favorire l’integrazione con il Paese ospitante, offrire opportunità professionali e realizzare il progetto di un racconto fotografico. Al fine di offrire una testimonianza fotografica delle diverse e rispettive culture e del processo di integrazione con le comunità ospitanti, gli allievi del corso divengono reporter all’interno delle loro stesse comunità e degli ambiti famigliari. Realizzano, senza alcun filtro culturale, un lavoro di reportage sulla vita quotidiana, un racconto fatto di persone, oggetti, momenti di trasparente verità.

Quest’anno gli alunni che hanno partecipato sono provenienti da ogni parte del mondo: Eritrea, Costa D’Avorio, Gaza, Angola, Kenya, Congo, Tunisia, Bangladesh, Romania, Ukraina, Grecia, Bulgaria, Bolivia, Messico, Cina

IL CORSO E’ SVOLTO IN COLLABORAZIONE CON ETNA (Progetto di Etnonopsicologia analitica) E CON L’AFFIDAMENTO DI ROMA CAPITALE

Per saperne di più: http://occhiodelnostromondo.blogspot.it/

CascinaFarsettiArt – seconda edizione

Nella splendida cornice di Villa Pamphili, dopo il successo conseguito lo scorso anno, il Centro Sperimentale di Fotografia Adams con la partecipazione dello Studio d’Arte e Ceramica, presentano la seconda edizione del “CascinaFarsettiArt”.
La manifestazione, patrocinata dal Comune di Roma – Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione Sovraintendenza ai Beni Culturali – in collaborazione con Amnesty International, Radio popolare, si svolgerà dal 11 al 19 Settembre a Roma presso la Cascina Farsetti (ingresso via Leone XIII 75 o via Aurelia Antica 289).
L’evento ospiterà artisti e fotografi di risonanza internazionale nonché giovani fotografi emergenti del panorama artistico nazionale.
Durante l’intera settimana e per tutto il corso dell’evento, sarà possibile visitare le mostre fotografiche personali dei fotografi: Jean Marc Caimi, Chiara Coccorese, Christian Minnelli, Paola Serino, Fabio Zonta.
Fra le iniziative proposte dal Centro Sperimentale Adams, sono da segnalare giornate dedicate alla tecnica fotografica, conferenze ed incontri seminariali, presentazione di testi, incontro con autori e mostre di ceramica a cura dello Studio D’Arte Ceramica.
In collaborazione con Ars – Imago International di Roma ci sarà l’opportunità per i visitatori di utilizzare una camera oscura portatile, di praticare la fotografia stenopeica, la cianotipia, supportati dalla consulenza di docenti ed esperti della disciplina fotografica.
Durante lo svolgimento della manifestazione è prevista una rappresentazione teatrale a cura dell’Associazione Culturale “Permis De Conduire”di Roma e del Teatro del Viaggiatore.
Parallelamente ai diversi eventi fotografici saranno proiettati cortometraggi, documentari, cartoni e film di animazione accuratamente selezionati, provenienti dall’ Overlook Film Festival.
Sono previsti due concerti musicali: il solista Simone Agostini e la Big B. Blues Band.
Il CascinaFarsettiArt ospiterà un convegno seminario curato dalla SipMed – Società Italiana di Psicologia e Pedagogia Medica – dal titolo “ Conoscere e prevenire la violenza domestica “

(c) Jean Marc Caimi