Steve McCurry si racconta

“È necessario molto tempo per sviluppare una propria visione e avere un proprio stile, non bastano settimane o mesi ma servono anni. Ci vogliono pratica, disciplina e perfezionamento per riuscire: le foto sono una cosa così immediata e scattare è un gesto così veloce che la gente pensa che si possano fare in fretta. È qui che si sbagliano; se vuoi essere un fotografo devi guardare molto e provare molto. Io ho guardato tantissimo, soprattutto Henri Cartier-Bresson, nessun altro è arrivato così vicino all’eleganza, alla completezza e alla perfezione”.

Steve McCurry – estratto da “A occhi aperti” di Mario Calabresi – Contrasto Editore.

20140118-125424.jpg