Wsp Social Profiles: come cambia il WSP sui social network

WSP Social Profiles

WSP Social Profiles

Per una comunicazione social più chiara ed efficace, oltre che conferme alle regole di Facebook, dal 1 agosto 2013 il vecchio profilo del CollettivoWSP (oggi David Collettivo) verrà chiuso e tutte le comunicazioni passeranno attraverso:

Pagina Ufficiale WSP Photography
dove trovare notizie e segnalazioni su mostre, fotografi e curiosità, oltre che seguire le nostre attività

Gruppo Ufficiale Collettivo WSP
dove essere sempre aggiornato sui nostri eventi e sulle iniziative, inviare suggerimenti, richiedere informazioni e conoscere gli altri membri dell’Associazione e non; il gruppo non nasce per condividere foto ma potete invitare chiunque a fare parte per far conoscere le nostre attività e vivere insieme questa passione

Profilo Twitter
come ulteriore canale dove comunicare le nostre attività, commentare notizie e segnalazioni fotografiche e chiacchierare

Blog ufficiale Collettivo WSP
da sempre canale importante dell’Associazione e punto di riferimento per chi cerca notizie e segnalazioni sempre aggiornate sul mondo della fotografia romana e non, oltre che interviste ad autori e segnalazioni di fotografi emergenti

Vi invitiamo quindi rimanere in contatto con noi diventando fan della pagina e iscrivendovi al nostro gruppo. Vi aspettiamo numerosi!

Annunci

Nuovi corsi dal 7 ottobre: ancora valida la promozione iscrizione

Mancano ancora pochi giorni per aderire alla promo iscrizione per i corsi di fotografia del WSP, che partiranno dal prossimo 7 ottobre.

Per aderire basta versare un acconto di 50 euro* per un corso a vostro a scelta e ricevere così in omaggio la tessera speciale socio sostenitore WSP, a scelta una borsa o una maglietta esclusiva “I shoot Rome” e uno sconto di 10 euro sul prezzo finale del corso.

Corso base di fotografia per adulti e per ragazzi, Corso avanzato-pratico, Corso di reportage e fotogiornalismo, Corso di photoshop, Corso di ripresa e videoediting: per i programma completi visitate il sito nella sezione corsi.

La promozione scade il 1 agosto. Assicuratevi il vostro posto: per aderire inviare una mail a info@collettivowsp.org o chiamare il numero 328 1795463.

*L’acconto è restituibile solo in caso che il corso scelto non venga attivato.

Un concorso fotografico contro l’abbandono dei cani

Holga - la mascotte del Collettivo WSP

Holga – la mascotte del Collettivo WSP

D’estate come sempre è allarme per la piaga dell’abbandono dei cani in strada.Così molti cuccioli o cani adulti, magari regalati ai bimbi per natale, rischiano di diventare un “inutile peso” per famiglie a dir poco incivili, non in grado di “attrezzarsi” durante il periodo estivo.

Sono tante quindi le iniziative di istituzioni e associazioni per combattere questa pratica crudele e sensibilizzare le persone. Tra tutte abbiamo trovato questo concorso, promosso dalla LAV, da sempre in prima linea nella battaglia per i diritti degli animali, basti ricordare quest’anno la liberazione dei poveri Beagle dal Green Hill.

“Ad Agosto l’abbandono io non lo conosco”‏‏ è un concorso molto carino e perfetto per tutti gli amanti degli animali e della fotografia e partecipare è semplice e gratuito. Leggete il regolamento e compilate la scheda di partecipazione, poi scegliete le fotografie da inviare (credo che sono massimo due) e le inviate all’indirizzo mail dedicato (concorso.lav.nonloabbandono@gmail.com) insieme alla scheda correttamente compilata.

Le categorie del concorso sono tante, tutti gli amanti degli animali troveranno quella più adatta, potete scegliere tra:

  • Oltre confine: umani e animali in vacanza fuori dal territorio nazionale
  • Simpatia: momenti buffi, divertenti, sereni e di condivisione con i propri animali
  • Paesaggi: la bellezza del paesaggio “arricchita”” dalla presenza del compagno animale
  • In città: in vacanza pure “lui”, anche visitando le città
  • A casa: per chi rimane a casa, con i suoi animali e per i suoi animali
  • Emozioni: l’affetto per i propri animali espresso in un’immagine
  • Simbiosi: umani e animali, così amici da assomigliarsi
  • In viaggio: scatti fotografici dei propri animali durante il viaggio verso le località di vacanza

Per inviare le foto c’è tempo fino al 20 settembre, poi dal 20 settembre 2013 al 1° ottobre la giuria si riunirà e sceglierà i vincitori che saranno proclamati ad ottobre. I premi sono: una macchina fotografica Canon per la foto migliore. Un libro fotografico per la foto migliore di ogni categoria. Tra i premi speciali abbiamo il Premio della Giuria che consiste in una stampa fotografica d’autore alla foto con il messaggio più significativo e il premio del pubblico che è una maglietta/felpa LAV, alla foto più apprezzata durante l’esposizione.

In bocca al lupo e buone vacanze con i vostri amici a 4 zampe.

Corsi 2013 – 2014 @ WSP Photography: aperte le iscrizioni

Associazione Culturale WSP Photography

Presenta

 Nuovi corsi di fotografia ottobre 2013

corsi di fotografia 2014 roma,

Sono aperte le iscrizioni per i nuovi corsi di fotografia in partenza a ottobre 2013 presso la sede in Via Costanzo Cloro 58 (Metro B San Paolo) Roma.

Vasta l’offerta e in continuo aggiornamento: corsi base per adulti e ragazzi, corsi avanzati, laboratori di reportage, corso di photoshop e il nuovo corso di ripresa e video editing con DSLR (reflex digitale).

Qui di seguito l’elenco con orari e docenti.

Corso Base di Fotografia con Lucia Perrotta
Partenza: 7 ottobre 2013
E’ possibile scegliere tra due turni:
lunedì 19:00 – 21:00 o mercoledì 21:00 – 23:00
12 lezioni + 2 uscite
Costo: 250 euro rateizzabili

Il corso ha la finalità di fornire le nozioni tecniche di base per imparare a ad usare in maniera consapevole la propria macchina fotografica e a scattare fotografie tecnicamente corrette. Il corso prevede un approccio formativo teorico-pratico basato sull’alternanza di lezioni teoriche, esercitazioni ed uscite fotografiche collettive. Durante il corso verrà posta molta attenzione alla visione e “lettura” delle fotografie realizzate dai partecipanti così da poter iniziare a comprendere quando e perchè una foto “funziona” ed è “migliore” di altre.

Corso base per ragazzi/e (dai 12 ai 17 anni) con Lucia Perrotta e Massimiliano Tempesta
Partenza: 10 ottobre 2013
giovedì 17:30 – 19:00
14 lezioni teorico-pratiche
Costo: 200 euro rateizzabili

Il corso è rivolto a ragazzi e ragazze dai 12 ai 17 anni che si avvicinano alla fotografia per curiosità, per passione, per puro diletto o per scoprire e mettere a frutto le proprie capacità nascoste. Durante il corso saranno illustrate le nozioni base che permetteranno agli studenti di realizzare foto tecnicamente corrette. Scopo ultimo del corso è anche quello di educare i partecipanti ad una nuova modalità di interpretazione delle innumerevoli immagini che ci circondano, sviluppando un occhio critico e attento.

Corso avanzato-pratico di fotografia con il Collettivo WSP
Partenza: 7 ottobre 2013
lunedì 21:00-23.00
15 lezioni + 4 uscite
Costo: 320 euro rateizzabili

Il corso avanzato è rivolto a coloro che già posseggono le nozioni base di fotografia e che desiderano non solo migliorare le proprie tecniche di scatto, ma anche conoscere e sperimentare i diversi linguaggi e generi fotografici e sviluppare la propria capacità critica e di analisi nella fase di editing. Il corso, dopo un breve riepilogo delle nozioni base di fotografia prevede un approccio formativo teorico-pratico basato sull’alternanza di lezioni in aula e uscite fotografiche. Ciascuna uscita fotografica verrà accompagnata dalla fase di editing collettivo in aula.

Corso di reportage e fotogiornalismo con Francesca Mancini
Partenza: 9 ottobre 2013
lunedì 19:00-21.00
14 lezioni + 2 uscite
Costo: 300 euro rateizzabili

Il corso ha la finalità di guidare i partecipanti alla comprensione e all’acquisizione del linguaggio fotografico narrativo, illustrando i diversi intenti e finalità editoriali del reportage fotografico e proponendo un approccio di sperimentazione pratica al mestiere di fotogiornalista. Una parte del corso è dedicata ad un percorso teorico che analizzerà i diversi temi del reportage e del racconto per immagini. Parallelamente verrà svolto un percorso pratico durante il quale i partecipanti al corso si metteranno alla prova e, sotto la guida dell’insegnante, svilupperanno un racconto fotografico collettivo a partire dall’idea progettuale fino alla sua realizzazione.

Corso di Photoshop e Postproduzione digitale con Daniele Zedda
Partenza: 10 ottobre 2013
Giovedì 19:00-21:00
12 lezioni
Costo: 250 euro rateizzabili

Il corso è un iter di formazione per il programma Adobe Photoshop, punta a fornire competenze nella postproduzione delle immagini fotografiche. Il corso parte dalle basi del programma e si specializza in uno dei settori possibili (ad esempio “color correction”, “compositing”, “grafico”…) secondo l’interesse degli studenti.  Ogni lezione sarà divisa in due parti, una parte di teoria, in cui si apprenderanno le varie tecniche e una parte pratica assistita in cui si metteranno alla prova le nozioni espresse precedentemente.

Corso di Video ripresa e video editing con DSLR con Daniele Zedda
Partenza: 10 ottobre 2013
Giovedì 21:00 – 23:00
12 lezioni + 1 uscita
Costo: 270 rateizzabili

Il corso è ideato per fotografi che vogliono ampliare le loro capacità estendendosi alla produzione di video. Durante le lezioni si forniranno conoscenze e competenze tecnico-pratiche per la realizzazione di filmati tramite l’utilizzo di reflex digitali. Il corso è diviso in due parti, la porzione che ricopre le modalità e tecniche di ripresa e la porzione che ricopre la fase di montaggio e postproduzione. Sono previste esercitazioni ed un’uscita pratica di gruppo per la “prova sul campo” delle tecniche di ripresa apprese durante la prima parte del corso. La parte di montaggio ed editing sarà invece ricoperta in aula tramite gli applicativi Adobe Premiere e After Effects.

Numero massimo di partecipanti per ogni corso 12 – Numero minimo per attivare i corsi 6.
Tutti i corsi sono pagabili anche a rate. Per info e prenotazioni: info@collettivowsp.org oppure cell. 328 1795463
Per i programmi completi e per le ultime novità visitare il sito http://www.collettivowsp.org nella sezione corsi.

Speciale Giornata di Preiscrizioni: Festa d’estate 6 luglio 2013

Il 6 luglio, durante la festa di chiusura estiva, preiscriviti ai nuovi corsi di fotografia in partenza dal 7 ottobre e avrai diritto ad uno sconto e un regalo speciale.
I corsi WSP hanno un numero limitato di posti. Scegli il tuo corso e prenota il tuo posto lasciando un acconto di 50 euro*. Avrai diritto a 10 euro di sconto sul costo totale del corso – tessera 2013 omaggio e in regalo, a scelta, una borsa o una maglietta esclusiva WSP.
(*) l’acconto è restituibile solo in caso di non attivazione del corso

 Un corso per ogni livello. Hai solo l‘imbarazzo della scelta.

WSP Summer ’13 Party + Speciale Preiscrizioni corsi: 6 luglio ore 19:00 @ WSP

Sabato 6 luglio dalle ore 19.00
WSP Summer ’13 Party
Festa di chiusura estiva al WSP Photography
Roma – Via Costanzo Cloro 58.
OPEN BAR + MUSICA + MOSTRA FOTOGRAFICA SELAM

In occasione della fine dei corsi e della chiusura estiva, WSP vi aspetta sabato 6 luglio dalle 19 per festeggiare insieme la fine di una stagione bellissima, ricca di eventi, iniziative, mostre e … fotografia! Open bar + musica + ultima mostra della stagione “Selam” lavoro collettivo di un un gruppo di fotografe allieve WSP. L’occasione sarà ottima per salutare amici vecchi e nuovi e augurarci buone vacanze e, perché no, fare già insieme nuovi progetti per il futuro.

Speciale preiscrizione corsi 2013-2014

I nuovi corsi partiranno dal 7 ottobre. I posti sono limitati e a rapido esaurimento. In occasione della festa è possibile preiscriversi lasciando un acconto di 50 euro*. La preiscrizione darà diritto ad uno sconto sul prezzo finale del corso scelto, alla tessera 2013 in omaggio e in regalo a scelta una maglietta o borsa esclusiva WSP.

Corso base di fotografia  con Lucia Perrotta
Corso base ragazzi/e 12-17 con Lucia Perrotta e Massimiliano Tempesta
Corso avanzato-pratico  di fotografia con il Collettivo WSP
Corso Photoshop e Corso ripresa e videoediting con DSLR con Daniele Zedda
Corso di fotogiornalismo e reportage con Francesca Mancini

Tutti i programmi completi su www.collettivowsp.org o scrivendo a info@collettivowsp.org

(*) l’acconto è restituibile solo in caso di non attivazione del corso

Non mancate e portate anche i vostri amici!

FOTO, GIOCO E FANTASIA. LABORATORIO FOTOGRAFICO PER BAMBINI E BAMBINE @ OCCHI ROSSI FESTIVAL 2 giugno

L’Associazione Culturale Wide Shut Photography in collaborazione con Marco Caputi – Cooperativa Diversamente presenta Foto, gioco e fantasia, un laboratorio fotografico per bambini e bambine.Domenica 2 giugno 2013, ore 10 al CSA Forte Prenestino nell’ambito di Occhi Rossi Festival.

La fotografia come gioco e partecipazione per stimolare la conoscenza reciproca e le relazioni nel gruppo, la fotografia come fantasia per interpretare liberamente, ciascuno con la propria capacità di osservazione, la realtà, la natura e gli oggetti.

Al termine del laboratorio seguirà una proiezione delle fotografie scattate.

Quando: Domenica 2 Giugno (10:30/13:00)
Durata: 2,5 ore
Quota di sottoscrizione: 5€
Nr Partecipanti: libero
Modalità d’iscrizione: Nessuna preiscrizione necessaria

macchina-fotografica-lego

OcchiRossi festival indipendente di fotografia e non solo, nasce a Roma alla fine del 2008 da una connessione tra singol*, associazioni e camere oscure autogestite con l’obiettivo di diffondere una cultura fotografica indipendente, liberare la fotografia dai luoghi convenzionali e renderla fruibile da un pubblico non esperto, più vasto e casuale, che non sia rivolta soltanto ad un pubblico specializzato o di appassionat*.

La Cooperativa Diversamente opera soprattutto nel territorio del Municipio Roma X, attraverso interventi rivolti all’infanzia e all’adolescenza, gestendo ludoteche e centri aggregativi, realizzando progetti in ambito scolastico, formazione degli adulti, promozione sociale e animazione territoriale.

 

Questa sera inaugurazione mostra “Cè stato il terremoto”. Incontro con il fotografo e il giornalista Sandro Iovine.

WSP Photography presenta, sabato 25 maggio, alle ore 19, la mostra fotografica di Andrea CarrubbaC’è stato il terremoto, un reportage fotografico nei luoghi colpiti dal sisma del 2012 in Emilia Romagna.

L’autore si muove nei campi di accoglienza tra chi ha perso la casa e i volontari e nei paesi più colpiti. In occasione dell’inaugurazione incontreremo l’autore Andrea Carrubba e Sandro Iovine, con cui parleremo anche di “fotogiornalismo” e del ruolo del reporter di fronte a tragedie così grandi come quella del terremoto.

terremo

Pensiamo di saperlo tutti. Ma cos’è il “fotogiornalismo”, il “reportage”, cosa voglia dire raccontare le storie degli altri, in realtà è informazione riservata a pochi oltre agli addetti ai lavori. Di fronte a una tragedia il ruolo del reporter, già delicato per definizione, diviene critico. Da una parte c’è l’urgenza della cronaca, il farsi tramite tra la “notizia” e il “lettore” utilizzando gli strumenti del giornalismo per mediare la soggettività aspirando a una dovuta imparzialità. Dall’altra invece c’è il dramma dei singoli. Il reporter, fotografo o giornalista di penna che sia, deve entrare nell’intimo della vita delle persone, irrompendo da fuori quasi sempre in momenti drammatici. E deve portare via informazioni, immagini, ma al tempo stesso esercitare il senso del rispetto nella condivisione dell’esperienza. Perché per raccontare davvero una storia è necessario viverla. Certo il fotografo che si reca nelle aree terremotate e viene da lontano potrà tornare a casa e ritrovare le sue cose, le geometrie della sua vita. Chi rimane no, ma poter poter raccontare come vive chi non ha potuto scegliere di essere attore della tragedia, è necessario almeno provare a condividerne la quotidianità. Il fotoreporter traduce la realtà a un pubblico che non può presenziare e per questo deve comprendere profondamente, passare settimane vivendo nei campi allestiti dalla protezione civile, esercitare la “compassione” (in senso etimologico) tanto da scegliere di non fotografare, come farebbe un parente, i corpi senza vita di chi è rimasto intrappolato nel crollo di una fabbrica. Quegli stessi corpi che altri, venuti per poche ore e con poca etica, si affannano a profanare con il loro teleobiettivi. La grandi ferite dell’Uomo vanno raccontate, ma senza oltraggiare chi le ha subite con l’esposizione delle piaghe. Questo dovrebbe essere il ruolo del fotogiornalista e questo è il racconto del terremoto dell’Emilia.

Sandro Iovine

Andrea Carrubba, nato nel 1984, dopo gli studi universitari si diploma in Fotografia Professionale presso l’Accademia John Kaverdash di Milano e, tra gli altri, consegue i master di Fotogiornalismo e di Linguaggio della comunicazione visiva tenuti da Sandro Iovine. Fotogiornalista freelance, copre le notizie nazionali ed internazionali e segue temi di carattere sociale e culturale. Ha collaborato con le maggiori testate nazionali, università, organizzazioni umanitarie, siti web e con l’editoria. Il suo ultimo lavoro “… c’è stato il terremoto”, a cura di Sandro Iovine, è stato presentato nelle province di Milano, Reggio Emilia, Varese, Modena e Roma. Attualmente è impegnato in più progetti, in Italia e all’estero.

Ingresso gratuito riservato ai soci ENAL. È possibile tesserarsi il giorno stesso dell’evento. Costo della tessera annuale 2013 3 euro.

Questa sera ore 19:00 Conversazioni di fotografia con Francesca Oggiano

L’Associazione Culturale WSP Photography presenta: “Il fotogiornalismo fra inchiesta e denuncia”. Conversazioni di fotografia con Francesca Oggiano. Venerdì 24 maggio ore 19:00

L’urgenza di informare, comunicare, raccontare storie al di là della cronaca, dell’imminente e imprescindibile copertura del fatto.  La necessità di coprire un vuoto chiamato poi. Quel dopo che inesorabilmente inizia e prosegue una volta spente le luci della ribalta e calato il sipario sul palcoscenico della notizia.  Ogni  progetto di Francesca Oggiano, fotografa freelance, nasce da qui.  Dalla curiosità di sapere cosa è accaduto poi. Dall’esigenza di riempire un blackout che l’informazione ha imposto. Dall’esigenza di approfondire una notizia con un’indagine; dargli corpo, respiro e adattargli il linguaggio più efficace con immagini e video.

Il lungo viaggio nei villaggi olimpici europei. La Tunisia del post rivoluzione, dove attualmente ha scelto di vivere. I diritti umani nelle democrazie occidentali. Essere donna nelle due sponde del Mar Mediterraneo.

“Documentaria è la fotografia della polizia scattata sul posto del delitto. Quello è un documento. Vedi bene che l’arte è senza utilità. Per questo l’arte non è mai un documento, ma può adottarne lo stile. E’ quello che faccio io”. Walker Evans

Francesca Oggiano è una fotografa e giornalista freelance attualmente residente a Tunisi. Laureata in sociologia presso l’Università La Sapienza di Roma nel 2000 ha iniziato a lavorare come giornalista nel 2001. Dopo aver lavorato a tempo pieno per quotidiani e agenzie italiane (Il Tempo, Il Messaggero, Omniroma agenzia di stampa) inizia a dedicarsi a reportage e progetti di documentazione fotografica.

Fra il 2007 e il 2008 segue due workshop a Milano, il primo con Lorenzo Castore e il secondo con Stefano De Luigi. Nel 2009 inizia il suo primo progetto di lungo termine “The true spirit of the olympic Games”. Nel 2010 si trasferisce a Barcellona, Spagna.  Nel 2012 espone nel festival “The influencer” i ritratti della serie“The Stolen Eyes” affissi  nel giardino del Macba Bcn all’interno del progetto di  denuncia collettiva e riappropriazione degli spazi pubblici creato da JR e partecipa al festival Ojo de Pez.

Ingresso gratuito e riservato agli associati con tessera ENAL. È possibile associarsi gratuitamente il giorno dell’evento. Costo della tessera annuale 2013 3 euro.

C’è stato il terremoto: inaugurazione mostra fotografica di Andrea Carrubba 25 maggio @WSP

WSP Photography presenta, sabato 25 maggio, alle ore 19, la mostra fotografica di Andrea CarrubbaC’è stato il terremoto, un reportage fotografico nei luoghi colpiti dal sisma del 2012 in Emilia Romagna.

L’autore si muove nei campi di accoglienza tra chi ha perso la casa e i volontari e nei paesi più colpiti. In occasione dell’inaugurazione incontreremo l’autore Andrea Carrubba e Sandro Iovine, con cui parleremo anche di “fotogiornalismo” e del ruolo del reporter di fronte a tragedie così grandi come quella del terremoto.

Anndrea carrubba

“Pensiamo di saperlo tutti. Ma cos’è il “fotogiornalismo”, il “reportage”, cosa voglia dire raccontare le storie degli altri, in realtà è informazione riservata a pochi oltre agli addetti ai lavori. Di fronte a una tragedia il ruolo del reporter, già delicato per definizione, diviene critico. Da una parte c’è l’urgenza della cronaca, il farsi tramite tra la “notizia” e il “lettore” utilizzando gli strumenti del giornalismo per mediare la soggettività aspirando a una dovuta imparzialità. Dall’altra invece c’è il dramma dei singoli. Il reporter, fotografo o giornalista di penna che sia, deve entrare nell’intimo della vita delle persone, irrompendo da fuori quasi sempre in momenti drammatici. E deve portare via informazioni, immagini, ma al tempo stesso esercitare il senso del rispetto nella condivisione dell’esperienza. Perché per raccontare davvero una storia è necessario viverla. Certo il fotografo che si reca nelle aree terremotate e viene da lontano potrà tornare a casa e ritrovare le sue cose, le geometrie della sua vita. Chi rimane no, ma poter poter raccontare come vive chi non ha potuto scegliere di essere attore della tragedia, è necessario almeno provare a condividerne la quotidianità. Il fotoreporter traduce la realtà a un pubblico che non può presenziare e per questo deve comprendere profondamente, passare settimane vivendo nei campi allestiti dalla protezione civile, esercitare la “compassione” (in senso etimologico) tanto da scegliere di non fotografare, come farebbe un parente, i corpi senza vita di chi è rimasto intrappolato nel crollo di una fabbrica. Quegli stessi corpi che altri, venuti per poche ore e con poca etica, si affannano a profanare con il loro teleobiettivi. La grandi ferite dell’Uomo vanno raccontate, ma senza oltraggiare chi le ha subite con l’esposizione delle piaghe. Questo dovrebbe essere il ruolo del fotogiornalista e questo è il racconto del terremoto dell’Emilia”.

Sandro Iovine

Andrea Carrubba, nato nel 1984, dopo gli studi universitari si diploma in Fotografia Professionale presso l’Accademia John Kaverdash di Milano e, tra gli altri, consegue i master di Fotogiornalismo e di Linguaggio della comunicazione visiva tenuti da Sandro Iovine. Fotogiornalista freelance, copre le notizie nazionali ed internazionali e segue temi di carattere sociale e culturale. Ha collaborato con le maggiori testate nazionali, università, organizzazioni umanitarie, siti web e con l’editoria. Il suo ultimo lavoro “… c’è stato il terremoto”, a cura di Sandro Iovine, è stato presentato nelle province di Milano, Reggio Emilia, Varese, Modena e Roma. Attualmente è impegnato in più progetti, in Italia e all’estero.

Ingresso gratuito riservato ai soci ENAL. È possibile tesserarsi il giorno stesso dell’evento. Costo della tessera annuale 2013 3 euro.
La mostra rimarrà esposta fino al 20 giugno 2013.

Questa sera ore 19 Conversazioni di fotografia con Francesca Mancini @WSP

Associazione Culturale WSP Photography

Presenta

“Asylum”

Conversazioni di fotografia con Francesca Mancini

Venerdì 10 Maggio h: 19.00 WSP Photography

(c) Francesca Mancini

(c) Francesca Mancini

Per il ciclo Conversazioni di fotografia, WSP Photography presenta venerdì 10 Maggioalle ore 19: “Asylum”, il progetto della fotogiornalista Francesca Mancini.

Il progetto Asylum nasce nel maggio del 2009 in seguito all’accordo tra l’Italia e la Libia per il controllo del flusso migratorio e i conseguenti rimpatri forzati in violazione della  Convenzione di Ginevra sullo status dei rifugiati.

Il progetto racconta le condizioni di estrema precarietà e abbandono in cui versano i rifugiati politici riusciti a giungere in Italia, attraverso le immagini scattate nei centri di accoglienza previsti dal governo, nei palazzi ghetto, nelle periferie, sulla strada.

Il progetto si sviluppa poi  sul transito dei rifugiati dalla guerra in  Libia del campo profughi tunisino di Ras Ajdir.

Insieme a Francesca Mancini parleremo della tecnica e de linguaggio fotografico e multimediale utilizzato,  volto a proteggere l’identità dei soggetti ritratti ed evocare la loro condizione invisibilità  nella società che dovrebbe accoglierli.

L’incontro sarà inoltre l’occasione per conoscere gli altri lavori di Francesca Mancini, il suo percorso professionale, dagli anni della guerra in Kosovo ad oggi.

Francesca Mancini è una fotogiornalista dal 1999. Le sue foto sono state pubblicate da Le Monde Magazine, Le Temps, The Independent, Newsweek Japan, Epsilon, Burn, IL, Internazionale, L’Espresso, Panorama, Vanity Fair, Ventiquattro. I suoi lavori hanno vinto il premio Enzo Baldoni, il Premio Atri per il Reportage, Anthropographia, Story Telling for Human Rights, il Prix de la Photographie. Ha esposto alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma, al Wanderbilt Hall di New York, al Palazzo Lombardia di Milano, al Palazzo Attems di Gorizia, alla Noorderlicht Gallery di Amsterdam.

Ingresso gratuito riservato ai soci ENAL. È possibile tesserarsi il giorno stesso dell’evento. Costo della tessera annuale 2013 3 euro