La linea sottile. Nuovo appuntamento per il ciclo “Gli occhi sulla città – Storie di donne”

Marmorata 169 e WSP Photography
presentano
 Occhi sulla città | Storie di donne

Venerdì 13 maggio 2016, ore 20:30
WSP Photography
 via Costanzo Cloro 58 – ROMA (metro B San Paolo)

LA LINEA SOTTILE
 di Nina Mimica e Paola Sangiovanni
A seguire l’incontro con le autrici del documentario

“Occhi sulla città”, frutto dell’incontro tra le associazioni culturali Marmorata 169 e WSP Photography, torna con un nuovo ciclo di documentari intitolato “Storie di donne”, che per tutta la primavera offrirà visioni inedite e incontri con autrici e autori. Per l’ultimo appuntamento di questo primo ciclo avremo “La linea sottile” di Nina Mimica e Paola Sangiovanni. Due storie si intrecciano, narrano di due guerre dei primi anni Novanta da due diversi punti di vista: quello di Bakira, una donna bosniaca sopravvissuta alle violenze della guerra nella ex-Jugoslavia e quello di Michele, un ex soldato italiano di una missione internazionale di pace in Somalia, il cui contingente è stato responsabile di violenze contro la popolazione civile. Il film è la narrazione di un inesausto viaggio in fieri verso la consapevolezza del male e dell’umana capacità di generarlo.

Le “Storie di donne” che proponiamo sono spesso storie semplici, racconti dietro l’angolo, realtà note o meno note, alle quali tuttavia raramente si guarda con occhi attenti. Eppure una storia non esiste finché qualcuno non ha il coraggio di raccontarla, mettendosi in gioco in prima persona, aprendosi e intessendo relazioni. Con passione, cura e rispetto. Il documentario nasce dunque come incontro tra persone, è l’intersezione vitale tra chi ascolta, la voce che narra e chi guarda. Svela e rifonda il nostro modo di vedere, sul filo della memoria e della scoperta reciproche.


LA LINEA SOTTILE (2015, 80’)  di Nina Mimica e Paola Sangiovanni 
prodotto da Doclab, Altreforme, Kinematograf, Rai Cinema – distribuito da Berta Film


NOTE DI REGIA – Due cose mi hanno colpito di più nel viaggio impervio di questo   film. Una ne è alla base, e cioè quanto Augusta (Altreforme), Nina ed io, sentissimo forte l’urgenza di parlare della violenza – sopraffazione del più forte, guerra, violenza sessuale contro le donne – che ci ha portato a cercare di afferrare e cogliere i significati profondi che la sottendono al di là dei fatti, l’urgenza di mettere in moto una ricerca che fosse capace di connettere sistemi di (dis)valori in contesti diversi. L’altra è la dinamicità della vita interiore dei nostri protagonisti, Michele e Bakira, che si è svolta sotto i nostri occhi tra il primo incontro di ricerca e l’ultimo di realizzazione del   film. Di come la violenza sia ancora, seppure in prospettive opposte, così potente e agente nelle loro vite, come un moto perpetuo, anche di mutamento. Li abbiamo costretti ad un ulteriore viaggio dentro se stessi, al processo attraverso il quale l’esperienza della violenza diventa dicibile. Dentro questo processo, cercando le parole cinematografiche per dirlo, mi si è rivelato in che misura quello che  stavamo indagando mi  fosse  prossimo e  tanti echi gli hanno risposto dalla cultura della mia società “in   pace”.   Paola Sangiovanni

Preparando il documentario e tentando di comprendere le cause  ed  effetti  della  violenza con la mia protagonista Bakira, credevo che i nostri giri negli orrori della Bosnia post – bellica fossero un vero viaggio nel Cuore di  Tenebra. E’ stato però il viaggio di ritorno, quello verso la luce, il  più  duro: come  continuare  a  vivere con gli orrori impressi nella memoria? Il coraggio, l’ostinazione, la testardaggine e le contraddizioni di Bakira sono stati per me una lezione di  vita.   Nina Mimica

Ingresso riservato ai soci ENAL 2016
 È possibile tesserarsi il giorno dell’evento (costo tessera ENAL 3 euro)
Prenotazione obbligatoria via mail a: marmorata169@gmail.com

Marmorata169 L’attività dell’associazione culturale Marmorata169 parte da un appartamento in un condominio: una casa aperta alla narrazione del nostro presente. L’associazione culturale che da qui si muove nello spazio metropolitano, ha l’obiettivo di sviluppare la ricerca scientifica e artistica nell’area della trasformazione urbana, indaga le città come luogo di comunità e a volte di disgregazione sociale. Privilegia la forma artistica attraverso rassegne teatrali, cinematografiche, documentaristiche, incontri con gli scrittori, itinerari, laboratori. Il suo scopo è dar vita ad un racconto collettivo della vita nelle città.

Annunci

A Roma una mostra fotografica di Mario Giacomelli

Mario Giacomelli: la figura nera incontra il bianco

mario_giacomelli_la_figura_nera_aspetta_il_bianco_large

© Mario Giacomelli

Palazzo Braschi dedica a Mario Giacomelli, sicuramente uno dei fotografi italiani più amati, una mostra antologica che inaugurerà il prossimo 23 marzo.

Il fotografo originario di Senigallia, ha incantato il mondo con sua poetica in bianco e nero e proprio al suo linguaggio fa riferimento il titolo azzeccato della mostra fotografica “la figura nera aspetta il bianco”.
La mostra  propone per la prima volta a Roma un viaggio appassionante nella fotografia di Mario Giacomelli, nella sua arte, nella sua intima e profonda poesia, nel suo furore creativo.

La mostra, promossa da Roma Capitale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, è prodotta da Fondazione Forma per la Fotografia, in collaborazione con Archivio Giacomelli di Senigallia.

La mostra durerà fino al 25 maggio.

Location e orari della mostra fotografica

Palazzo Braschi Roma – Piazza di San Pantaleo 10
martedì-domenica ore 10.00-19.00

A questo link tutte le ulteriori informazioni.

 

La stampa fotografica: Incontro pratico-dimostrativo

WSP Photography

Presenta

“La stampa fotografica”

Incontro pratico- dimostrativo

Sabato 17 ottobre 2015

Zerbo – Via A. Matricardi 20 A- Roma

h: 10.00 -13.00

WSP photography e il laboratorio professionale Zerbo presentatano un incontro pratico e dimostrativo per conoscere, osservare e comprendere il processo di stampa fotografica. Sabato 17 ottobre dalle ore 10 alle ore 13.00 presso il laboratorio Zerbo in zona portuense, Roma.

Nel corso dell’incontro all’interno del laboratorio saranno descritte le caratteristiche delle attrezzature professionali utilizzate nel laboratorio e quelle in generale presenti in commercio, osservando nella pratica come si eseguono i test per allineare i macchinari di stampa.

Saranno illustrati inoltre le diverse tipologie di carta sia per la stampa chimica che per quella a getto di inchiostro.

Ci sarà inoltre l’occasione di stampare alcune delle immagine dei partecipanti su differenti attrezzature e diversi supporti per osservare e valutare insieme la differente resa in termini di qualità.

Il laboratorio fotografico Zerbo nasce a Roma nel 1973 come laboratorio per la stampa professionale in bianco e nero. Con gli anni è cresciuto e si è rinnovato con nuove tecnologie seguendo le varie tappe. Oggi la struttura si sviluppa intorno alla stampa digitale a led, laser, stampa inkjet e plotter, mantenendo ancora tutti i servizi tradizionali. Grande importanza è sempre stata data all’ambiente di lavoro, creando un luogo piacevole e funzionale a vantaggio dei nostri collaboratori e clienti.

L’incontro è gratuito e riservato ai possessori di WSP CARD 2015. E’ possibile tesserarsi il giorno stesso dell’evento. Costo WSP CARD 2015: 10 euro.

Per partecipare è necessaria la prenotazione inviando una mail a: info@collettivowsp.org

Numero di partecipanti: minimo 10 – massimo 15

Perugia Social Photo Fest: un festival fotografico da non perdere

Perugia Social Photo FestAbbiamo visitato questo week-end il Perugia Social Photo Fest, un festival fotografico davvero interessante nella splendida Perugia.
Una kermesse con mostre fotografiche di altissimo livello e una serie di eventi fotografici, incontri e presentazioni gratuite davvero da non perdere.

Due le declinazioni del PerugiaSocialPhotoFest. Da un lato la fotografia sociale quale mezzo di comunicazione, di denuncia e riflessione, di presa di coscienza sui problemi del contemporaneo. Strumento per raccontare storie spesso ignorate ma che necessitano di essere portate alla luce e condivise, per spingere a riflettere sulla necessità di un cambiamento sociale. Dall’altro la fotografia terapeutica come potente mezzo per dare voce a chi spesso viene dimenticato dalla nostra società. La fotografia quindi come strumento per riattivare la percezione, promuovere una comunicazione interno – esterno, sostenere processi di auto affermazione.

Resisto” è il concept su cui ruota il PSPF 14. Una parola semplice ma di forte impatto che si basa sul concetto psico-sociale della “resilienza”. La resilienza viene vista come la capacità dell’uomo di affrontare le avversità della vita, di superarle e di uscirne rinforzato  e trasformato positivamente. Le persone resilienti non sono dei super eroi, ma solo individui che hanno trovato in se stessi, nelle relazioni umane, nei contesti di vita, gli elementi e la forza di continuare a progettare il proprio futuro a dispetto di avvenimenti destabilizzanti, di condizioni di vita difficili, di traumi anche importanti. Nell’ambito della prospettiva psicosociale il concetto di resilienza è utilizzato anche in riferimento ai gruppi e alle comunità per indicare una condizione che amplifica la coesione dei membri fortificando le risorse vitali di coloro che ne sono coinvolti. Per coltivare l’umanità bisogna essere legati agli altri esseri umani e riconoscerli.

Tra le mostre esposte nella splendida cornice di Palazzo Penna, segnaliamo in particolare il lavoro di Sara Naomi Lewcowicz “Shane & Maggie”, vincitore del Festival della fotografia etica; “Behind the absence”, di Myriam Meloni, vincitore Call for entry 2014 insieme al lavoro di Simone Cerio “When the others go away” e la mostra di Giovanni Cocco, docente della nostra Masterclass di Reportage, “Monia”.
Anche i nostri studenti Marianna Ciuffreda, Chiara Moncada e Marco Vignola si sono fatti valere e hanno ottenuto, nell’ambito del concorso Call for entry, una menzione speciale per il lavoro “Lucha”.

Con l’occasione di una visita a Perugia e con l’acquisto del biglietto del festival, potrete approfittarne per dare un’occhiata anche alla mostra di Steve McCurry, Sensational Umbria, dedicata alla promozione turistica del territorio.

A questo link potrete trovare tutte le notizie sulle mostre e gli eventi in programma: http://www.perugiasocialphotofest.org/

Umbria World Fest: Foligno 10-12 ottobre

Umbria World Fest

“Human”

XIII edizione – Foligno (10-12 ottobre 2014)

© Fausto Podavini - Mirella

 La 13esima edizione dell’Umbria World Fest che si svolgerà a Foligno (Pg) dal 10 al 12 ottobre 2014, sarà all’insegna della sperimentazione e dell’incontro tra diverse culture attraverso un ricco programma di concerti, mostre fotografiche, proiezioni multimediali, workshop ed incontri enogastronomici.

“Umano” come unione, condivisione, incontro e cambiamento. “Umano” come emarginazione, solitudine, lotta e conservazione. Elementi opposti che si attraggono, si mescolano, trasformano i volti, i corpi e le culture.

Questo il tema scelto per la 13esima edizione di Umbria World Fest (ex Canti e Discanti). In questi tempi di criticità sociale ed economica, “Human”, suona come un invito da parte degli organizzatori dell’associazione Plàtea a restare uniti e a non perdere l’umanità.

L’obiettivo del festival è quello di trasformare per tre giorni la città di Foligno nel palcoscenico delle culture aprendo suggestive finestre sul mondo, grazie ad artisti di fama nazionale ed internazionale che si racconteranno attraverso eventi musicali, espositivi -tra fotografia e multimedialità- e performativi.

A partire dall’inaugurazione di venerdì 10 alle ore 21.30, Palazzo Trinci diventerà il Palazzo della Fotografia, aprendo il festival con lo spettacolo dei Growa Cricus di performance live con proiezioni multimediali e visual. Nella sezione dedicata alla fotografia saranno esposti otto lavori di fotografi di fama internazionale: Ren Hang, Emiliano Mancuso, Valerio Bispuri, Fausto Podavini, Gianmarco Maraviglia, Guido Fuà, Federico Romano e Francesco Fossa.

Sarà inoltre possibile partecipare al workshop del fotografo Peter Holgersson (World Press Photo 2014) e alla seconda edizione del Premio Fotografico ‘Umbria Photo Fest’.

Otto mostre fotografiche di livello internazionale verranno allestite tra Palazzo Trinci e lo Spazio Zut. Due storici spazi della città in cui la fotografia contemporanea dialogherà, da un lato con gli affreschi di Gentile da Fabriano nella splendida cornice di Palazzo Trinci, e dall’altro nel contesto più moderno di Spazio Zut, in passato cinema della città, oggi luogo recuperato e polivalente.

In programma una mostra personale del lavoro del fotografo cinese Ren Hang a cura di Marco Pinna. Una serie di immagini dissacranti, che nel suo paese sono state spesso considerate oscene e quindi vittime di censura. Oggi le sue mostre viaggiano tra Parigi, Francoforte, Pechino e Shanghai e le sue fotografie sono in esposizioni collettive in tutto il mondo.

“Mondo Creolo” di Guido Fuà, una produzione di UWF, è un reportage sui “creoli italiani”, figli di incontri interrazziali, dei matrimoni misti fra italiani ed immigrati. Sono i volti dei nuovi cittadini della nostra realtà nazionale solo apparentemente monoculturale. Sempre più numerosi rompono la dialettica che contrappone noi alle altre razze.

“Encerrados” è il titolo del lavoro in mostra di Valerio Bispuri, vincitore

del Sony Award nel 2013. E’ un’indagine sul mondo carcerario e sul Sudamerica, un viaggio durato dieci anni che ha portato il fotografo a visitare 74 prigioni. Il reportage è stato esposto al festival Visa pour l’Image di Perpignan e in mostra a Roma, Ginevra, Berlino, Buenos Aires. La mostra è a cura di Valeria Fornarelli.

Il fotografo Fausto Podavini esporrà il suo lavoro vincitore del World Press Photo 2013: “Mirella”. Una storia intima e universale allo stesso tempo, una storia di amore e dedizione di una donna che lotta insieme a suo marito malato di Alzheimer. A cura dell’Umbria Photo Fest.

“Diario di Felix” è il lavoro in mostra del fotografo Emiliano Mancuso a cura di Renata Ferri. Uno sguardo intimo sulla vita di un gruppo di adolescenti che vivono in una casa famiglia nel quartiere romano di Torrespaccata, alla soglia della maggiore età e prossimi a lasciare proprio quella realtà.

Con “Olivia’s Root’s” il fotografo Gianmarco Maraviglia ci racconta un viaggio alla ricerca e riscoperta delle radici di Olivia, che si rivela una storia di culture, religioni e tradizioni differenti sintetizzate perfettamente negli occhi di una bambina. La mostra è a cura di Chiara Oggioni Tiepolo.

Una riflessione sulle radici è anche quella di Francesco Fossa e del suo progetto multimediale “Quota Mille”, con il contributo di Paolo Rumiz, a cura di Chiara Oggioni Tiepolo. I suo è il viaggio in un’Italia ancestrale e autentica arroccata sulle montagne del Matese.

“Emergenza casa” di Federico Romano, infine, è un lavoro sull’emergenza abitatativa a Roma. Attraverso le azioni e i volti queste immagini ci raccontano che la casa non è soltanto cemento, ma quando necessario diventa sudore, condivisione e persino lotta. A cura di Officine Fotografiche.

Come l’anno scorso, anche quest’anno tornano le letture portfolio, insieme alla seconda edizione del Premio Fotografico ‘Umbria Photo Fest’, che quest’anno ha come prestigioso presidente di giuria Marco Pinna, photoeditor del National Geographic Italia. Gli altri membri che presiederanno la giuria sono Chiara Oggioni Tiepolo (RVM magazine) ed Emilio D’Itri (direttore Officine Fotografiche). Gli altri lettori dei portfolio saranno: Fausto Podavini (fotografo), Valerio Bispuri (fotografo), Pietro Vertamy (direttore Agenzia ON/OFF), Emanuela Mirabelli (photoeditor di Marie Claire), Maurizio Garofano (art director). Le letture si svolgeranno sabato 11 e domenica 12 ottobre presso Palazzo Trinci.

Sabato si svolgeranno due proiezioni fotografiche/incontri con l’autore, “Mondo Creolo” di Guido Fuà e di Peter Holgerssonn con il suo progetto fotografico sull’atleta Nadja Casadei, realizzato durante il periodo in cui l’atleta lottava contro il cancro.

La collaborazione dell’Umbria World Fest con Marianna Santoni (guru di Photoshop) ha dato inoltre l’opportunità quest’anno di arricchire il programma fotografico del festival 2014 con un importante ospite internazionale: Peter Holgersson, vincitore del World Press Photo 2014.

Il fotografo terrà, sabato 11 e domenica 12 ottobre, per la prima volta in Italia, un workshop fotografico nel quale condividerà la sua esperienza da fotogiornalista, spiegando la sua visione e il suo approccio al fotogiornalismo e approfondendo aspetti tecnici legati all’uso di particolari ottiche nella fotografia di reportage. Sabato 11 ottobre terrà anche un incontro serale aperto al pubblico.

ORARI MOSTRE

Palazzo Trinci
Dal 10 ottobre al 9 novembre
Orario: 10:00 – 13:00 / 15:00 -19:00
Il 10 e 11 ottobre le mostre rimarranno aperte dalle 10:00 alle 24:00

ORARI LETTURE PORTFOLIO

sabato dalle 13:00 alle 20:00
domenica dalle 10:00 alle 13:00

Per info:

www.umbriaworldfest.it

Sabato 24 maggio: proiezione del doc dedicato alla street photography newyorkese

everybodystreetSabato 24 maggio al WSP Photography si proietta il documentario della fotografa e video maker Cheryl Dunn, un vero e proprio omaggio alla street photography newyorkese.

Tanti i fotografi ospiti del documentario, veri miti e pionieri di un genere tanto affascinante e in continua evoluzione e che vede nella Grande Mela una delle protagoniste più ricercate.

Bruce Davidson, Elliott Erwitt, Joel Meyerowitz, Rebecca Lepkoff, Mary Ellen Mark, Jeff Mermelstein, Clayton Patterson, Ricky Powell, Jamel Shabazz, Jeff Mermelstein, Boogie, Max Kozloff e Luc Sante sono alcuni dei grandi nomi che potrete vedere all’opera e testimoniare la loro attività con interviste e immagini.

Vi aspettiamo sabato 24 maggio dalle ore 20.00 per un aperitivo, a seguire la proiezione del documentario alle 21.

Il documentario è in lingua inglese senza sottotitoli.

E’ gradita la prenotazione mandando una e-mail a: info@collettivowsp.org

L’ingresso come sempre è gratuito ma riservato ai soci ENAL. Per chi non avesse ancora la tessera, è possibile farla la sera stessa al costo di 3 euro per tutto l’anno 2014.

Per maggiori informazioni e per un assaggio del documentario, ecco il trailer ufficiale.

Dal 5 giugno Fotoleggendo decima edizione

fotoleggendo 10Quest’anno Fotoleggendo, la rassegna fotografica promossa da Officine Fotografiche, compie 10 anni e anticipa i tempi. Il consueto appuntamento con mostre, incontri, letture portfolio e workshop nella cornice dell’ISA si svolgerà durante il primo week-end di giugno.

Si cominicia il 5 giugno presso i locali di Officine Fotografiche con l’inaugurazione della mostra di Emiliano Mancuso “La coda dell’occhio” (il diario di Felix) a cura di Renata Ferri per proseguire il 6 giugno all’ISA con la grande collettiva che comprende 10 mostre e le letture portfolio per partecipare al Portfolio Italia, che si svolgeranno il 7 e l’8 giugno.

FotoLeggendo è a cura di Tiziana Faraoni, Resp. Photoeditor de L’Espresso, affiancata da un Comitato Scientifico composto da Annalisa D’Angelo, curatrice, Emilio D’Itri, Direttore Officine Fotografiche Roma, Lina Pallotta, docente e fotografa, Marco Pinna, photoeditor National Geographic Italia e Alberto Placidoli, rappresentante FIAF.

Per aggiornamenti e per il programmo completo visitate il sito della manifestazione: http://www.fotoleggendo.it

Gli occhi sulla città: rassegna di cortometraggi su Roma @WSP. Primo appuntamento 13 dicembre

Marmorata 169 e WSP Photography

presentano

Gli occhi sulla città:

Lo stra-ordinario di Roma raccontato attraverso tre documentari

Primo appuntamento:

La bella Virginia al bagno di Eleonora Marino

Venerdì 13 Dicembre h: 20.30 WSP Photography

Via Costanzo Cloro, 58 (metro B San Paolo)

Sono storie semplici, racconti dietro l’angolo, realtà viste e riviste, alle quali raramente si guarda con occhi attenti. Eppure una storia non esiste finché qualcuno non ha il coraggio di raccontarla, mettendosi in gioco in prima persona, aprendosi e intessendo relazioni. Con passione, cura e rispetto. Il documentario nasce dunque come incontro tra persone, è l’intersezione vitale tra chi ascolta, la voce che narra e chi guarda. Svela e rifonda quindi anche il nostro modo di vedere.

I tre documentari che vi proponiamo rappresentano punti di vista diversi e personali sulla vita che scorre nella nostra città. Ne viene fuori una Roma multiforme e inaspettata, lontana sia dai cliché di città-cartolina, sia dai luoghi comuni legati alle sue onnipresenti periferie mobili e sempre più invasive. A Roma il centro è vuoto e le periferie si popolano, “Occhi sulla città” vuole parlare anche di questo. Daremo spazio a un racconto per immagini, dove autore e personaggi si confondono, sul filo della memoria e della scoperta.

Ogni proiezione sarà seguita da una discussione con i registi dei film: un faccia a faccia senza filtri, un’occasione per dare e ricevere suggestioni.

Vi aspettiamo in un luogo di confronto aperto, libero e critico, dove la visione e l’incontro con gli autori si traducano in scambio di idee e in fonte di ispirazione comune.

“Gli occhi sulla città” rappresenta un primo esperimento di condivisione di sguardi, frutto dell’incontro tra le associazioni culturali Marmorata 169 e WSP Photography.

La bella Virginia al bagno  (anteprima, 58’)

di Eleonora Marino
una produzione Zen Film, in collaborazione con Home Movies

Primo Parco

Primo Parco

Parte da una biografia intima per poi diventare un racconto corale di una famiglia allargata, di un pezzo di città che si sposta di continuo, di un mestiere: quello dei circensi e dei giostrai, che ha lasciato tracce del suo passaggio all’Eur, in un lunapark abbandonato.

La bella Virginia al Bagno è quindi la storia di un mondo magico e affascinante, quello dello spettacolo viaggiante: la Fiera, il Circo, il Lunapark. Uno sguardo dietro le quinte, nelle vite di questi antichi fabbricanti di sogni, le loro vecchie fortune e il loro precario presente.

A raccontare questa storia è l’autrice stessa, da un punto di vista unico e particolare. Eleonora Marino infatti appartiene ad una grande famiglia di “viaggiatori”; con lei però la tradizione si è interrotta, è la prima ad aver avuto una vita completamente diversa da quella dei suoi predecessori.

Il documentario (che vi presentiamo in anteprima assoluta) è un viaggio alla riscoperta di quelle origini, di un mondo fantastico che lei ha conosciuto solo a metà.

 

Prossimi appuntamenti: 17 gennaio 2014 Pezzi di Luca Ferrari | 7 febbraio 2014  Container 158
di Stefano Liberti e Enrico Parenti

 

Marmorata 169 L’attività dell’associazione culturale Marmorata 169 parte da un appartamento in un condominio: una casa aperta alla narrazione del nostro presente. L’associazione culturale che da qui si muove nello spazio metropolitano, ha l’obiettivo di sviluppare la ricerca scientifica e artistica nell’area della trasformazione urbana, indaga le città come luogo di comunità e a volte di disgregazione sociale. Privilegia la forma artistica attraverso rassegne teatrali, cinematografiche, documentaristiche, incontri con gli scrittori, itinerari, laboratori. Il suo scopo è dar vita ad un racconto collettivo della vita nelle città.    Info: marmorata169@gmail.com

E’ consigliabile la prenotazione inviando una mail a: info@collettivowsp.org
Ingresso gratuito riservato ai soci ENAL. È possibile tesserarsi il giorno stesso dell’evento. Costo della tessera annuale 2013 3 euro

Fotoleggendo 2013

Yakuza - Fotoleggendo 2013

Come ogni anno ad ottobre, torna Fotoleggendo, la rassegna fotografica organizzata da Officine Fotografiche e ospitata nei saloni dell’ISA, la scuola del Vigili del Fuoco del quartiere Ostiense a Roma, e in altre location della città. Appuntamento imperdibile a Roma per gli amanti della fotografia e per i professionisti o aspiranti tali, che hanno l’occasione di visitare mostre, frequentare corsi e workshop, incontrare professionisti e sottoporre i propri lavori a fotografi ed esperti del settore durante le consuete giornate dedicate alle letture Portfolio per il premio Fotoleggendo 2013, legato al circuito FIAF che assegna il prestigioso premio annuale Portfolio Italia.

Yakuza – Fotoleggendo 2013

Le mostre di quest’anno vedono protagonisti grandi fotografi di livello internazionale, molti dei quali saranno presenti all’inaugurazione dell’11 a Roma: da Robin Hammond,  autore di un reportage sullo Zimbabwe, al belga Anton Kusters, riuscito a entrare nel tessuto della Yakuza, la potente mafia giapponese, fino a Morten Andersen, che ci racconta Oslo in bianco e nero, o al polacco Rafal Milach, che propone un’interpretazione fuori dagli schemi di un road trip in Islanda, alla francese Brigitte Grignet che esplora con la sua Holga il remoto arcipelago cileno di Chiloé, fino alla nota fotoreporter Anastasia Taylor-Lind con il lavoroThe National Womb, che svela i retroscena di uno strano baby-boom nell’isolata repubblica autonoma del Nagorno-Karabach.

Giovanni Cocco – Fotoleggendo 2013

Ma molti anche gli artisti italiani in mostra, da Giovanni Cocco con il suo Forgotten memories, un lavoro sul genocidio culturale perpetrato in Kosovo, a Salvatore Santoro con la sua Pinetamare, a Giuseppe Moccia, alla Sarajevo di Camilla De Maffei, al visionario Asankojo di Martina Cirese, al vincitore del premio fotoleggendo 2012, il giovane Tommaso Protti, intervistato da noi lo scorso anno in occasione della vittoria e altri autori, più la consueta sezione dedicata agli studenti della scuola (Spazio OF) tra cui segnaliamo Fabio Renzi, che espone un reportage effettuato a Cuba durante il workshop organizzato da Fausto Podavini con l’Associazione Culturale WSP.

Si parte questa sera con l’inaugurazione della mostra Yakuza presso la sede di Officine Fotografiche, ma il clou del festival si raggiungerà durante il week-end 12-13 ottobre. 

Per maggiori informazioni e dettagli, consultate fotoleggendo.it

Sabato 5 ottobre: serata tema “New York, New York” @ WSP Photography

Trasportati d’incanto nelle atmosfere di Manhattan, a suon di cocktail e fotografie.

Serata dedicata alle atmosfere newyorkesi. Il bartender Diego ci delizierà con una selezione di cocktail come nei migliori bar di Manhattan. In sottofondo musica jazz e proiezione di fotografie a cura di WSP Photography e stuzzichini.NYNY

Ingresso gratuito riservato ai soci ENAL. Costo della tessera 2013 3 euro.