“Storia di un viaggiatore”: incontro con Roberto Salbitani e Annarita Curcio

© Roberto Salbitani

© Roberto Salbitani

L’ Associazione Culturale WSP Photography presenta “Storia di un viaggiatore” di Roberto Salbitani. A cura di Roberta Valtorta. Presentazione del libro, incontro con l’autore e la critica fotografca Annarita Curcio. Venerdì 30 gennaio ore 19,30.

Quando l’immaginazione è guida e maestra di vita.
“Per me il viaggio è un’esperienza globale: esperienza fisica, immaginativa, mentale e metafisica. Il viaggio, in questo senso, è continua scoperta, il terreno su cui si saggia la vera conoscenza. L’esperienza del viaggio aiuta a chiarificare a se stessi la propria individuale identità e la complessità delle implicazioni sociali”.

“Storia di un viaggiatore” racconta la vicenda artistica ed esistenziale di Roberto Salbitani, uno dei maestri della fotografia italiana contemporanea. La sua fotografia, profondamente introspettiva, talvolta visionaria, critica nei riguardi dei valori e dei comportamenti omologati e conformisti che guidano la società contemporanea, indaga il difficile rapporto tra l’uomo e l’ambiente in cui vive.

Roberto Salbitani, insieme alla critica fotografica Annarita Curcio, ci condurrà nel suo percorso artistico e di ricerca caratterizzato da un forte senso di libertà personale e una condizione di “purezza” rispetto alle contaminazioni del mercato.

Roberto Salbitani (Padova, 1945), inizia a fotografare nei primi anni Settanta durante i molti viaggi che compie in Italia, Europa, America come giornalista di fotografia e di cinema. La dimensione del viaggio e delle esplorazioni fuori programma diventa così una costante del suo modo di porsi in rapporto con il mondo. Nel 1980 fonda il Centro Fotografia Giudecca, attivo fino al 1985 con corsi, workshop, iniziative di coinvolgimento dei cittadini. Dalla fne degli anni Novanta vive a Roma.

Annarita Curcio è laureata in discipline delle arti, musica e spettacolo (Università di Roma Tre) e ha un Master of Arts in Critica Fotografica (University of Durham, Inghilterra). Lavora nel campo dell’editoria fotografica. Ha curato mostre e tenuto corsi teorico-pratici per varie scuole di fotografia e ha pubblicato saggi e interviste per numerose riviste, tra le quali: Around Photography, Fotografare, Quaderni Asiatici. Scrive per CultFrame, Arti Visive e Gente di Fotografia. E’ autrice del saggio Le icone di Hiroshima. Fotografie, storia e memoria (Postcart, 2011).

Ingresso riservato ai soli soci ENAL 2015. È possibile tesserarsi il giorno stesso dell’evento. Costo della Tessera ENAL annuale 3 euro.

Steve McCurry si racconta

“È necessario molto tempo per sviluppare una propria visione e avere un proprio stile, non bastano settimane o mesi ma servono anni. Ci vogliono pratica, disciplina e perfezionamento per riuscire: le foto sono una cosa così immediata e scattare è un gesto così veloce che la gente pensa che si possano fare in fretta. È qui che si sbagliano; se vuoi essere un fotografo devi guardare molto e provare molto. Io ho guardato tantissimo, soprattutto Henri Cartier-Bresson, nessun altro è arrivato così vicino all’eleganza, alla completezza e alla perfezione”.

Steve McCurry – estratto da “A occhi aperti” di Mario Calabresi – Contrasto Editore.

20140118-125424.jpg

“ROCK IN CAMERA. SCATTI DI UN FOTOGRAFO IN BLUES” DI LUCIANO VITI. PRESENTAZIONE DEL LIBRO E INCONTRO CON L’AUTORE: 29 NOVEMBRE ORE 19:00

L’ Associazione Culturale WSP Photography presenta

“Rock in Camera. Scatti di un fotografo in blues” di
Luciano Viti. Edizioni Postcart.

Presentazione del libro, Incontro con l’autore e book signing.
Venerdì 29 novembre ore 19:00
WSP Photography Via Costanzo Cloro 58, Roma

luciano viti

C’era un tempo in cui la fotografia spingeva direttamente i musicisti sulla strada del mito. Ritratti come totem, immagini come feticci, photo-session come analisi di gruppo.
Tutto il mondo vibrava all’unisono con la musica dei suoi idoli accompagnata dalle icone create dai grandi fotografi del rock. In questo volume dalla copertina dorata come il mondo della musica rock, Luciano Viti tira fuori dal suo magico obiettivo gli scatti che lo hanno reso famoso, raccontando con ironia, tenerezza, divertimento e passione gli incontri musicali più importanti della sua trentennale carriera.

Luciano Viti ha realizzato più di 100 copertine di dischi e libri tra cui: Frank Zappa, Eric Clapton, Miles Davis, B.B.King, Ennio Morricone, Bill Frisell, Jim Hall, Bee Gees, George Benson, Talking Heads, Neil Young, Jeff Beck. Ha collaborato dal 1982 al 1995 con il settimanale Rai, TV Radiocorriere per il quale ha realizzato circa 250 servizi e 60 copertine. Dal 1980 segue costantemente l’attività del musicista Pino Daniele. Sue foto sono state pubblicate in tutto il mondo attraverso le agenzie: Retna, Londra e New York, Grazia Neri, Milano. Fotografa per campagne pubblicitarie tra cui alcune del gruppo editoriale L’Espresso Marketing e collabora con la Casa del Jazz, Palexpo Roma

Insieme a Luciano Viti parleremo del libro e del suo lavoro visionando alcuni dei suoi lavori più importanti.

 

Presentazione libro Mirella: 19 novembre ore 19:30 @WSP

Associazione Culturale WSP Photography

presenta

MiRelLa – Fotografie di Fausto Podavini
Presentazione libro e Incontro con l’autore e Sandro Iovine.
Martedì 19 novembre ore 19:30 Via Costanzo Cloro 58, Roma

Mirella - Fausto Podavini

Mirella – Fausto Podavini

MiRelLa è un lavoro fotografico che ha ricevuto numerosi consensi in ambito nazionale e internazionale, culminati nell’assegnazione del primo premio sezione Daily Life del World Press Photo 2013, uno dei maggiori riconoscimenti a livello mondiale nell’ambito del fotogiornalismo. Il progetto, iniziato nel 2007, si è protratto per oltre quattro anni, durante i quali Fausto Podavini ha seguito la vita quotidiana di Mirella, una donna impegnata ad accudire il marito Luigi colpito dal morbo di Alzheimer.

Un lavoro, tuttavia, che non si limita a raccontare la malattia, accompagnandoci in un percorso di amore e dedizione lungo il quale si alternano speranza e rassegnazione, vita e morte, ricordi e dolore.
Insieme all’autore e al giornalista e critico Sandro Iovine, parleremo del progetto e del libro e con l’occasione verrà proiettato un multimediale a cura di Fausto Podavini.

Nato a Roma, Fausto Podavini di base vive e lavora nella sua città natale. Consegue il Master di Reportage presso l’accademia fotografica John Kaverdash di Milano. Dopo un inizio da fotografo di studio, si dedica esclusivamente al reportage, intraprendendo un percorso da freelance che lo vede collaborare con varie Onlus per la realizzazione di diversi reportage in Italia, Perù, Kenya ed Etiopia. Nel 2009 inizia una collaborazione con il Collettivo Fotografico WSP, e ne entra a far parte definitivamente nel 2010, dove, oltre alla figura di fotografo, svolge l’attività di docente di fotografia di reportage. Oltre a vari reportage in Africa e Sud America, ha realizzato importanti lavori su territorio italiano come un reportage sullo sport per disabili, un lavoro all’interno di un carcere minorile e un lavoro sull’Alzheimer. Tra i vari riconoscimenti conseguiti negli anni, oltre al World Press Photo 2013, ha vinto il Sony Awards 2013, il PX3 2013, il Winephoto 2012, il PDN nella sezione Photojournalis/Sports/Documentary nel 2012, il World.Report Award 2011fotografo dell’anno FIOF sempre nel 2011, il Photoaid nel 2010 e il National Geographyc nel 2009 a cui sono seguite numerose menzioni d’onore e finalista in concorsi dalla fama mondiale (Leica, KLM, Marie Claire). Ha inoltre pubblicato su numerose riviste e le sue opere sono state esposte in varie città come Roma, Milano, Buenos Aires, New York, Parigi, Londra e Kuala Lumpur.

Gli incontri con i grandi fotografi: questa sera Fausto Podavini @ Frascati Fotografia

(c) Fausto Podavini E questa sera il WSP va ospite!  Nuovo appuntamento della serie GLI INCONTRI CON I GRANDI FOTOGRAFI, questa volta  dedicato alla fotografia di reportage. Frascati Fotografia incontra ed intervista FAUSTO PODAVINI, vincitore quest’anno del World Press Photo Award nella sezione “Daily  Life”.
L’incontro si divide in due parti, una prima parte con la presentazione di una selezione di opere commentate e raccontate dallo stesso autore e una seconda parte con discussione libera in sala e un piccolo buffet offerto dall’associazione.
L’incontro si terrà Giovedì 6 Giugno alle ore 20.00 presso la sala giovanile in piazza S. Rocco a Frascati.

INGRESSO GRATUITO.

Presentazione Workshop fotografico e incontro con Paolo Marchetti: 19 settembre ore 19:00 @ WSP Photography

Associazione Culturale WSP Photography

presenta

Photo Reportage
La Costruzione del Progetto Fotografico

Presentazione del Workshop fotografico con Paolo Marchetti
19 settembre ore 19:00

WSP Photography
Via Costanzo Cloro 58 (Metro B San Paolo)

(c) Paolo Marchetti

(c) Paolo Marchetti


Il workshop “PHOTO REPORTAGE”con Paolo Marchetti  ha l’obiettivo di approfondire tutte le fasi necessarie alla costruzione di un reportage. Non una simulazione, ma la realizzazione concreta di un servizio, dalla fase di previsualizzazione al confezionamento di un racconto per immagini. Particolare attenzione verrà dedicata agli aspetti etici del gesto fotografico, alla traducibilità visiva dell’intenzione narrativa fino al cuore della costruzione della propria identità fotografica: l’editing.

Il workshop sarà strutturato su due fondamentali fasi, la sessione fotografica che si svolgerà  realizzando un reportage in Cambogia e la sessione didattica, affrontando l’organizzazione del corpo di lavoro, suddiviso in tutti i passaggi necessari. “PHOTO REPORTAGE” è stato concepito e dedicato a coloro che intendono affrontare la tradizione del racconto fotografico, perdendosi nel viaggio, fuori e dentro la tecnica, tra disciplina e istinto.

LA  LOCATION

Siem Reap è una delle più famose città della Cambogia, capoluogo dell’omonima provincia. La città è ubicata tra le rovine di Angkor Wat ed il grande Lago di Tonle Sap, nel nord-ovest del Paese. Il centro storico è attraversato dal fiume Siem Reap, lungo 83 km, che nasce dall’altopiano collinare di Phnom Kulen posto a 487 mt. e incluso nell’omonimo Parco Nazionale, al cui interno si trovano cascate immerse nella foresta, antichi templi, bassorilievi scolpiti nel fiume e un budda coricato sulla cima della collina più elevata. Siem Reap è spesso la principale attrazione per i visitatori della Cambogia e si è trasformata da una tranquilla cittadina di provincia a vero punto di partenza per respirare il paese e comprenderne il variegato stile di vita, dalla campagna ai villaggi galleggianti.

Nella parte didattica che precede la partenza verrà discussa la storia che fotograferemo e che sarà  il  campo dove applicheremo “Il Metodo”.

 

Programma del Workshop

Il workshop si divide in 3 fasi: una prima fase didattica di preparazione al progetto in aula, la fase di realizzazione sul campo in Cambogia della durata di 10 giorni, la fase finale di editing e ultimazione del progetto in aula.

Durante la presentazione vi sarà illustrato il programma completo, le date di svolgimento, i dettagli tecnici e logistici nonché i relativi costi e modalità di partecipazione.

Paolo Marchetti

Paolo Marchetti nasce a Roma nel 1974, lavora come tecnico di ripresa cinematografica, per oltre dodici anni, al fianco di alcuni tra i più autorevoli direttori della fotografia italiani e stranieri, e inizia in contemporanea i suoi studi fotogiornalistici prestando particolare attenzione alle tematiche politiche ed antropologiche. Ha raccontato storie in tutto il mondo  in Brasile, Centro America, Cuba, Haiti, Stati Uniti, Europa dell’est, India, centro Africa, Cina ed ha ricevuto numerosi riconoscimenti internazionali come il PDN, Il Best of Photojournsalism, il Grand Prix de Paris noto come PX3, l’IPA, inoltre ha ottenuto un secondo posto al Sony World Photography Award con un reportage  all’interno delle carceri minorili nel Centro America e il prestigioso Getty Images Grant for Editorial Photography con il progetto “Fever – The Awakening of European Fascism”

La partecipazione alla presentazione è gratuita e riservata ai soci ENAL WSP Photography. E’possibile associarsi il giorno della presentazione. Costo della tessera ENAL 2012 3 euro.

 


Getty Images’ 2012 Grants for Editorial Photography: Paolo Marchetti tra i vincitori

Paolo Marchetti - Fever - Getty Images Grant

Paolo Marchetti – Fever – Getty Images Grant

Sono stati pubblicati i vincitori dei Getty Images’ 2012 Grants for Editorial Photography, tra i premi fotografici più ambiti dai fotoreporter, e che permetterà loro di portare avanti i progetti presentati.

I vincitori sono i Fotoreporter Bharat Choudhary, Kosuke Okahara, Paolo Marchetti e Sebastian Liste. Essi riceveranno 20.000 dollari per sostenere progetti di documentari in corso. Getty Images ha anche annunciato che è stato stabilito un premio di 20.000 dollari al Fondo Chris Hondros. Creato in memoria del fotografo Chris Hondros, che è stato ucciso in Libia nel mese di aprile 2011, il no-profit Chris Hondros Fund si propone di sensibilizzare l’opinione pubblica su problemi che devono affrontare coloro che dichiarano da zone di conflitto e di sostenere fotogiornalisti tramite sovvenzioni e borse di studio.

I nostri complimenti in particolare vanno al nostro amico Paolo Marchetti, che si aggiudica il premio con il suo progetto “Fever“, che indaga sul fenomeno sempre più in crescita dei movimenti di estrema destra in Italia.
Il WSP Photography promuoverà insieme a Paolo Marchetti un workshop intensivo di photoreportage in Cambogia. Il Workshop “Photo Reportage” verrà presentato presso la nostra sede il prossimo 19 settembre dalle ore 19:00.

Per info su Getty Images Grant: http://reportagebygettyimages.tumblr.com/
Per info su Paolo Marchetti: http://www.paolomarchetti.org

 

Wine Photo 2012: vince Fausto Podavini – Collettivo WSP Photography

Vince l’edizione 2012 del prestigioso premio fotografico Wine Photo Fausto Podavini, fotografo e docente del Collettivo WSP, con il lavoro MiRelLa. Un altro meritatissimo successo che si aggiunge alla lista di premi e menzioni ottenuti dal nostro grande Fausto nel corso dell’anno.

Fausto Podavini - Mirella

Fausto Podavini – Mirella

Ecco l’elenco degli altri vincitori

1st FAUSTO PODAVINI, Italy, “MIRELLA”
2nd MYRIAM MELONI, Italy, “IMPORTANT THINGS ARE SAID SOFTLY”
3rd places
ZOLTAN BALOG, Hungary, “DIARY OF IVETT AND DEZSO”
SOHRAB HURA, India, “LIFE IS ELSEWHERE”
ANASTASIA TAYLOR LIND, UK, “THE NATIONAL WOMB”

Special Mentions:
ANDREA CAMPESI, Italy, “FAMILY POSTCARDS”
LUCA DESIENNA, Italy, “THE TWO SHEPERDS”
ANAHIT HAYRAPETYAN, Armenia, FROM PRINCESS TO SLAVE
ANTONELLA MONZONI, Italy, “MADAME”
MIKOLAJ NOWACKI, Poland, “ODRA”

also finalists:
CHLOE BORKETT, UK, “STORIES EAST OF THE RIVER”
NICO CHIAPPERINI, Netherlands, “FROM THE TRAIN”
MARTINA CIRESE, Italy, “ASANKOJO”
MAURIZIO COGLIANDRO, Italy, “TWICE LOVE”
CHIARA DAZI, Italy, “WANDERTAGE”
ALVARO DEPRIT, Italy/Spain, “SOSPENSIONE”
DANIEL GHERCA, Romania, “LIFE IN THE TUNNELS, AN UNOPTIONAL OPTION”
KAREN MIRZOYAN, Armenia, “FRIENDS”
EDOARDO PASERO, Italy, “IPERBOREA”
MARY TURNER, UK, “A PLACE TO STAY”

SPECIAL MENTION FOODWRITERS

1st – Reza Golchin, Iran, “Bazar”
2nd – Veronica Adriani, Italy, “The Ladies of Cocoa”

finalists:
Luca Desienna, Italy, “The Two Shepherds”
Dragos Lumpan, Romania, “The Last Transhumance”
Akhlas Uddin, Bangladesh, “The Fishermen KOIBORTHYA”

Per le info sul concorso: http://www.winephoto.it/

Per partecipare al Laboratorio di fotografia tenuto da Fausto Podavini visita il nostro sito: www.collettivowsp.org

Questa sera ore 19: Inaugurazione “Exodus” di Jean-Marc Caimi: inaugurazione mostra fotografica, proiezioni e incontro con l’autore

Associazione Culturale WSP Photography

presenta

Exodus

Mostra fotografica di Jean-Marc Caimi

Inaugurazione, proiezioni e incontro con l’autore

Venerdì 22 giugno ore 19:00
WSP Photography
Via Costanzo Cloro 58 Roma (Metro B San Paolo)

Exodus mostra di Jean Marc Caimi

Exodus mostra di Jean Marc Caimi

Venerdì 22 giugno alle ore 19 presso WSP Photography inaugurazione Mostra fotografica “Exodus”, che presenta una serie di ritratti e situazioni realizzati in campi profughi nello Yemen del Sud e a seguire incontro con l’autore.

Obiettivo dell’incontro è quello di affrontare, attraverso l’esperienza diretta del fotografo, i diversi approcci fotografici nei quali il reportage può essere declinato, in modo funzionale sia alle diverse situazioni oggettive, che al messaggio che si vuol far emergere. Si discuterà anche, in modo più generale, di come sono stati realizzati i progetti presentati, dalla scelta del soggetto fino alla produzione finale.

Fra i lavori presentati dall’autore “Place Less” sui senza fissa dimora, “Two faces of Baku” sulla violazione dei diritti umani in Azerbaian, “Greek Crisis” sulle proteste dei ragazzi in Grecia e “The Gold of Ghana” sulle miniere illegali nello Stato africano.

Jean-Marc Caimi, fotografo e giornalista, si occupa di tematiche contemporanee, sociali e politiche e lavora come freelance per l’agenzia Redux Pictures. Sta svolgendo un lungo lavoro sui senza fissa dimora, realizzato tramite il ritratto documentaristico. Ha svolto reportage in tutto il mondo. Ha vinto numerosi premi e riconoscimenti internazionali, fra questi il primo premio della giuria alla Biennale di Videofotografia di Alessandria, la Honorable Mention agli International Photography Awards 2011 per il lavoro su Lampedusa e una HM al Photo Annual Award di Praga per il lavoro sulle proteste in Grecia. È inoltre vincitore dell’Ivrea Foto Festival 2011. Il lavoro “Place Less” sui senza fissa dimora ha vinto l’American Photography e inserito nei migliori lavori dell 2011. E’ da due anni direttore didattico di un progetto fotografico gratuito dedicato a migranti e rifugiati.

Inaugurazione Venerdì 22 giugno 2102 ore 19:00 presso WSP Photography Ingresso gratuito riservato ai soci Enal. Costo della tessera Enal 2012 euro 3. La mostra rimarrà aperta fino al 7 luglio 2012.

Incontro con Pietro Paolini (TerraProject) @ CSF ADAMS

PIETRO PAOLINI AL CSFADAMS

Ingresso libero consigliata la prenotazione
Giovedi 7 giugno ore 19,00

(c) Pietro Paolini Bolivianas

(c) Pietro Paolini Bolivianas

Presentazione del lavoro “Bolivianas”, premiato con un award al World Press Photo 2012 . Descrizione del metodo di produzione e presentazione dei lavori editoriali realizzati parallelamente.
Discussione sullo sviluppo e il futuro della fotografia documentaria.

“Pietro Paolini è nato a Firenze nel 1981. Ha frequentato il corso triennale presso la Fondazione Studio Marangoni a Firenze nel 2005. Dal 2004 ha iniziato il suo interesse per la realtà del Sud America, con particolare attenzione i paesi del nuovo socialismo latino americano, Venezuela, Bolivia ed Ecuador. Nel 2006 fonda insieme ad altri quattro fotografi il collettivo TerraProject, che si occupa di tematiche sociali e geografiche italiane realizzando progetti collettivi di fotografia documentaria. Le sue fotografie sono state esposte in Italia e all’estero. Collabora come free lance con molte riviste italiane e internazionali. Nel 2009 ha vinto la sezione “borsa di studio” al premio “Canon giovani fotografi”. Dal 2001 è stato selezionato per fare parte del Reflexion masterclass di Giorgia Fiorio e Gabriel Bauret. Nel 2012 il suo lavoro “Bolivianas” viene premiato al World Press Photo 2012 con il secondo premio storie nella categoria Daily life”.

http://www.terraproject.net/

http://csfadams.wordpress.com/