La realtà dei fotografi. Seminari di storia della fotografia.

LA REALTÀ DEI FOTOGRAFI4 seminari di storia della fotografia con Rosa Maria Puglisi (2) (1)WSP photography presenta “La realtà dei fotografi”, ciclo di seminari di storia della fotografia, con Rosa Maria Puglisi. Quattro incontri il 23 marzo, 13 aprile, 18 maggio, 15 giugno, dalle ore 19:30.

Immaginata da Henry Fox Talbot, uno dei suoi inventori, come una “matita della natura”, la fotografia sin dal suo esordio viene esaltata come strumento di registrazione della realtà puntuale ma non asettico, capace anzi di integrare in sé il valore aggiunto di una visione estetica e di un pensiero etico.

Questo ciclo di 4 seminari è rivolto sia a studenti che a semplici appassionati di fotografia, interessati a conoscere e/o approfondire quei movimenti di pensiero e quei generi fotografici che nel tempo si sonoproposti di fornire testimonianza della realtà, della società, degli eventi e dei mutamenti storici, facendo della documentazione un’arte e un impegno morale verso la società.

Argomenti e date dei seminari

23 marzo ore 19.30
Pensiero estetico e verismo nella fotografia documentaria ottocentesca.
Nel primo dei seminari si parlerà di come la fotografia – nata in un clima positivista – viene accolta come uno strumento essenziale per la documentazione (scientifica, giudiziaria, antropologica, sociologica, ecc.), ma anche come espressione estetica e originale forma d’arte connessa al naturalismo e al verismo, in contrapposizione all’idea di coloro che invece la definiscono un’arte minore, ancella della pittura.

13 aprile ore 19.30
Il reportage sociale: fotografia per informare e cambiare il mondo.
Il secondo incontro racconta l’evoluzione del concetto di fotografia di documentazione: dalla pura registrazione della realtà – sia pure all’interno di determinati canoni estetici – a una narrazione sociologica e fotogiornalistica, che ha il preciso scopo di portare alla luce un mondo sommerso di miseria e sfruttamento, e di fare appello alle coscienze di un pubblico borghese benestante.

18 maggio ore 19.30
La fotografia racconta la guerra, fra propaganda e denuncia.
Il terzo seminario verte sul reportage di guerra e offre una panoramica di come questo particolare genere fotografico sia mutato nel tempo tanto nei suoi aspetti formali che in quelli contenutistici, procedendo verso un linguaggio espressivo sempre più emotivo volto a coinvolgere lo spettatore e farlo schierare pro o contro.

15 giugno ore 19.30
Il reportage umanistico: bellezza e straordinarietà del vissuto quotidiano.
L’ultimo degli incontri è dedicato a quella forma di reportage in cui la documentazione della vita di tutti i giorni ha acquistato una limpida bellezza e un’inatteso sapore di poesia: la fotografia umanistica, che ha avuto la sua massima espressione nella Francia del secondo dopoguerra.

Docente
Rosa Maria Puglisi nasce a Giarre (CT) nel 1967. Dopo la maturità classica si laurea presso l’Accademia di Belle Arti di Catania e si abilta all’insegnamento. Ha un master in “Video, Fotografia,Teatro e mediazione artistica nella relazione d’aiuto”. Nel 1992 frequenta la scuola “Donna Fotografa” di Giuliana Traverso a Milano. Si stabilisce poi a Roma, dove si perfeziona come fotografa presso l’ISFCI; lì insieme ad altri studenti viene selezionata per un progetto di reportage nei luoghi della psichiatria dopo la legge Basaglia. Successivamente lavora come freelance. Dal 2000 in poi ha scritto di fotografia in vari siti specializzati (Cultframe, Fotologie, La Critica, e l’Enciclopedia delle donne) e sul suo blog, “Lo Specchio incerto”. Ha una lunga esperienza d’insegnamento in enti pubblici e privati, e insegna al corso Superiore professionale biennale dell’Istituto Italiano di Fotografia (Milano), e al Master biennale di fotografia di Exusphoto (Roma). E’ inoltre docente del Corso di formazione triennale in Artiterapie (indirizzo: arti visive, foto, video e teatro) di Nuove Arti Terapie.

Modalità di partecipazione
I seminari sono a numero chiuso. Per partecipare a ciascuno dei seminari è obbligatorio prenotarsi inviando una mail a: info@collettivowsp.org specificando la data o il titolo del seminario a cui si vuole partecipare.

Il costo di partecipazione di ogni seminario è di 10 euro, 30 euro totali se si decide di partecipare a tutti i seminari versando l’intera quota il giorno del primo seminario.

Ricordiamo che WSP Photography è un’associazione culturale affiliata all’ENAL pertanto l’ingresso e tutte le attività, sono riservate ai soli soci. In occasione dei seminari la tessera sarà rilasciata gratuitamente a chi ne fosse sprovvisto.

Annunci

Iscriversi ad un corso di fotografia: quando e perché

Quante persone conoscete nella vostra cerchia di amici e conoscenti che sono appassionate di fotografia, hanno comprato o cambiato la propria reflex o macchina fotografica negli ultimi mesi o hanno deciso di iscriversi ad un corso di fotografia, se non addirittura intraprendere questa professione?

La fotografia è una passione sempre più dilagante che non sembra conoscere crisi. L’avvento del digitale oramai qualche anno fa, ha sicuramente dato un’impennata allo sviluppo di questa passione, ma quanti credevano che si sarebbe trattato di un fuoco di paglia, devono ricredersi.

Continuano a passare gli anni e la bella arte continua a fare proseliti, tante tecnologie sono cambiate e continuano ad evolvere, basti pensare al recente picco delle Mirrorless e a come case storiche come Sony e Fujifilm si siano rinventate, tirando fuori veri e propri mostri di design e tecnologia, facendo ogni tanto tremare l’indiscutibile supremazia di Canon e Nikon, tanto che la famosa domanda: sei nikonista o canonista sembra essere caduta un po’ in prescrizione.

 

Cosa vogliamo fotografare?
La tecnologia è certamente importante, ma non bisogna mai perdere di vista, come un po’ in tutto, quali sono gli obiettivi che vogliamo raggiungere con i nostri nuovi e vecchi giocattoli. Realizzare foto di amici e familiari e saperle ritoccare per la loro gioia? Scattare foto ricordo di qualità dei nostri viaggi? Fare invidia ai masterchef fotografando tutti i nostri aperitivi alla perfezione? Documentare gli eventi e la realtà che ci circondano con un punto di vista personale?

La fotografia è bella proprio perché varia e ci consente di sbizzarrirci spaziando da un genere ad un altro, da un linguaggio ad un altro. Ma per quanto sia bello liberare la propria creatività, perché farsi governare dal proprio mezzo e non decidere noi quali fotografie vogliamo realizzare e come?

Ecco alcuni dei motivi principali per iscriversi ad un corso di fotografia.

  1. Imparare ad usare i mezzi a nostra disposizione in modo consapevole.
    Che si tratti di una compatta, una mirrorless o una reflex di ultima generezione, conoscere il tuo mezzo e le regole base della fotografia per essere in grado di operare in autonomia e manualmente, è tutta un’altra cosa che avere bolidi in mano e “guidarli” solo con il pilota automatico.
  2. Sperimentare e capire qual è il genere fotografico più adatto ai nostri gusti.
    Sia nei corsi di fotografia base che in quelli avanzati, la possibilità di confrontarsi con più linguaggi fotografici, dal ritratto alla fotografia di eventi, dal reportage alla fotografia di paesaggio ti fa capire il genere più vicino al tuo modo di vedere e approcciare la fotografia, oltre che capire meglio di che tipo di attrezzatura hai bisogno senza spendere cifre esorbitanti per ottiche o accessori inutili.
  3. Aprirsi al confronto con gli altri.
    Frequentare un corso di fotografia, avere a disposizione un docente preparato faccia a faccia e una classe di tuoi simili pronti ad imparare con te, certamente è meglio che apprendere solamente sui libri. Nella fotografia inoltre, che è uno strumento di comunicazione, il confronto con gli altri è importantissimo per capire se i nostri scatti effettivamente comunicano quello che stiamo cercando di comunicare. Ecco perché nei nostri corsi, come ad esempio il corso di reportage, le sessioni di editing collettivo sono molto importanti e frequenti.
  4. Condividere la passione.
    Nell’era dei social media condividere è diventata una parola d’ordine. Ma un conto è condividere le nostre fotografie su un cellulare, in un gruppo facebook o su instagram, un conto è conoscere persone vere e dal vivo che condividono la tua stessa passione e il tuo percorso con cui confrontarsi apertamente, organizzare uscite fotografiche, visite a mostre o partecipazioni ad eventi.
  5. Ricevere nuovi stimoli e occasioni per approfondire la fotografia.
    Entrare a far parte di una realtà associativa come WSP photography vuol dire avere continue occasioni per coltivare la propria passione: incontri con autori, mostre fotografiche, presentazioni di libri fotografici, uscite fotografiche. Tante attività, la maggior parte gratuite, che ti permetteranno di continuare ad imparare anche al di là del corso di fotografia scelto.

foto_locale-300x200-1Allora, cosa aspettate ad iscrivervi ad un corso di fotografia?

Presentazioni corsi di fotografia 2018

Mercoledì 28 febbraio e giovedì 1 marzo, dalle 19:30, vi aspettiamo alla presentazione dei corsi di fotografia in partenza dal 12 marzo. Ingresso libero.

presentazione corsi di fotografia roma

PRESENTAZIONE CORSI DI FOTOGRAFIA 2018

CI SONO MILIONI DI STORIE ANCORA DA RACCONTARE.

L’aspetto più importante che mettiamo in luce durante i nostri corsi di fotografia, siano essi base che avanzati, è quello di immergersi completamente nelle storie che vogliamo raccontare. Entrare in relazione con ciò che osserviamo, stabilire una sintonia che ci permetta di essere al contempo presenti ma invisibili.
Narrare attraverso la fotografia. Esplorare la realtà attraverso l’immaginario e la propria visione, che è unica: è questa la sfida.

 

Ti invitiamo quindi mercoledì 28 febbraio e giovedì 1 marzo dalle ore 19:30 alla presentazione dei corsi di fotografia 2018 per conoscerci e illustrarti la nostra proposta formativa e le nostre attività, ma soprattutto raccontarti qualcosa di più di noi e di cosa significa per noi fare e insegnare fotografia.

Di seguito l’elenco dei corsi di fotografia che saranno presentati. Ti consigliamo nel frattempo di dare un’occhiata ai programmi e farti un’idea, così da chiarire ogni dubbio e chiederci ulteriori informazioni durante la presentazione.

 

Mercoledì 28 febbraio ore 19.30 

 

Giovedì 1 marzo ore 19.30 

 

Perché scegliere un corso di fotografia WSP?

– Un team di professionisti appassionati e sempre a disposizione, non solo durante le ore di lezione, per condividere insieme la passione della fotografia e crescere sul campo.
– Un ambiente amichevole, informale e confortevole dove trascorrere piacevoli momenti e socializzare, sorseggiando qualcosa da bere, un buon caffé o sfogliando una rivista fotografica, tra una lezione e l’altra.
– Percorsi formativi costruiti insieme alle esperienze degli studenti e costantemente aggiornati per offrire la migliore esperienza di apprendimento.
– Costi competitivi e rateizzabili.
– Tantissime attività extra organizzate durante l’anno e a cui partecipare gratuitamente come incontri con autori, presentazione editoriali, mostre fotografiche, letture portfolio.
– Nessun costo di iscrizione: solo 3 euro di tessera associativa ENAL annuale e obbligatoria, valida per tutti i circoli ENAL nazionali.
In occasione della presentazione, a tutti i partecipanti la tessera sarà rilasciata gratuitamente.

 

Per maggiori informazione sulla presentazione dei corsi di fotografia scrivici a info@collettivowsp.org o contattaci al numero 3281795463:

Alla scoperta di Margaret Bourke-White: incontro gratuito.

“La donna con il soprabito più rosso che esista”, così veniva spesso chiamata dai suoi colleghi fotografi. Ma Margaret Bourke-White era decisamente molto di più.
Donna di ferro, sia per il suo iniziale interesse per la fotografia di architettura industriale, stakanovista e perfezionista, nella ricerca della perfezione nelle luci e nella composizione, eccentrica e soprattutto fotografa dai mille primati.

life margaret bourke white cover

Dagli inizi nelle acciaierie alla carriera in LIFE

Tutti noi conosciamo la gloriosa rivista LIFE e quello che ha rappresentato nella storia del fotogiornalismo mondiale. Ricordiamo probabilmente le foto dal fronte di Capa o i reportage di Eugene Smith, ma quanti di noi sanno o ricordano che è stata proprio della Bourke-White la prima copertina, relativa al reportage realizzato sul miliardario progetto della diga di Fort Peck, in pieno New Deal?

Prima impavida donna a salire su uno dei grattacieli più alti d’America, a fotografare in Russia nel periodo di sviluppo dei piani quinquennali, a volare con l’aviazione americana nel secondo conflitto mondiale, a documentare l’orrore dei campi di sterminio nazisti.

gandhi margaret bourke-white

Reportage di inchiesta e reportage sociale

Testimone di un’epoca di grandi trasformazioni e presente in alcuni degli avvenimenti più importanti, che hanno cambiato la storia internazionale e soprattutto il modo di fare fotogiornalismo.
Ha raccontato la disperazione e la povertà dei popoli, ha affrontato alcuni dei temi etici più importanti per un professionista: il bisogno e il dovere di raccontare, di “portare la storia nei salotti di ogni americano”.

margaret bourke-white portrait

Un incontro gratuito per conoscere Margaret Bourke-White

Ne parleremo venerdì 7 ottobre dalle 19.30 presso WSP photography in un incontro dedicato proprio a conoscere la sua storia e i suoi principali lavori.

L’incontro è gratuito ma è necessario prenotarsi inviando una mail a: info@collettivowsp.org

Iscriviti subito!

Breve guida per scegliere un corso di fotografia

 

foto_locale-300x200-1

Con l’arrivo dell’autunno, piovono anche i corsi di fotografia.
Molte scuole di fotografia a Roma e un po’ in tutta Italia rilanciano, proprio in questi mesi, la nuova stagione dei corsi e delle attività.

Ma, tra le tante proposte, come fare per scegliere il corso di fotografia più adatto a te?
Ecco qualche piccola indicazione:

  1. La scuola/organizzazione: meglio affidarsi ad organizzazioni consolidate, che portano avanti le loro attività da anni e con successo che affidarsi a realtà dell’ultim’ora.Il web e i social offrono diverse possibilità per documentarsi e scegliere con cognizione: cerca recensioni o opinioni da parte di persone che abbiano già frequentato corsi o attività presso la struttura selezionata. Guarda anche la natura e la tipologia di organizzazione. Se cerchi una scuola professionale, che può rilasciare ad esempio attestati, oppure una realtà più socievole, dove unire alla formazione anche la possibilità di conoscere nuove persone attraverso eventi ed attività organizzate durante l’anno.
  2. I docenti: essere bravi fotografi non coincide necessariamente con l’essere dei bravi docenti. Prova a reperire informazioni sui docenti: guarda innanzitutto se ti piacciono le loro foto, se si avvicinano al tuo stile o alla tua idea di fotografia e soprattutto se abbiano già tenuto corsi e non siano improvvisati.
    Molto utile anche se ad esempio siano disponibili a colloqui conoscitivi per chiarirti dubbi e perplessità.
  3. La tipologia del corso: le regole base della fotografia non sono poi molte, ma per fortuna ci sono tanti stili con cui sbizzarrirsi. Dal ritratto, al paesaggio alla fotografia nottura, al reportage, al fotogiornalismo. Prima di approfondire e cimentarti con nuovi linguaggi, sarebbe però opportuno interrogarti su quali siano le tue conoscenze di partenza.Quante foto infatti sono troppo spesso realizzate in modalità automatica, con poca cognizione dei meccanismi base (vedi coppie tempi-diaframmi, iperfocale, profondità di campo, ISO ecc.) che sono poi quelli che ti permettono di sperimentare e creare in tutta autonomia.

    Prima quindi di scegliere tra un corso di fotografia di ritratto o di reportage o di paesaggio, chiediti se conosci davvero il mezzo o se sia utile riprendere le basi o fare pratica con un corso di fotografia avanzato. 

  4. Il programma del corso: è molto importante che il corso preveda sia una parte teorica, necessaria, che una parte pratica. Devono esserci entrambe. Oltre ad esercitazioni da fare in classe e a casa. Ben vengano quindi corsi che offrono da programma uscite fotografiche, esercitazioni e una buona dose di teoria e storia.
  5. Costo, orari e location: certamente anche il costo è una variabile da non trascurare. È opportuno però, come in tutte le cose, cercare una via di mezzo e un costo troppo basso può non esser sinonimo di affidabilità. Un buon corso, strutturato su diverse ore, in una realtà consolidata e con un buon corpo docente non può e non deve essere svenduto perché deve garantirti qualità. Ad esempio molte realtà offrono la possibilità di rateizzare i costi o personalizzare le modalità di pagamento: informati.Scegli infine una realtà che ti sia il più possibile comoda e che si incastri con il tuo stile di vita: vicinanza a casa, all’ufficio, ai mezzi pubblici o possibili compagni di corso. Ti faciliterà ad organizzare al meglio gli impegni, senza stress.

 

In bocca al lupo per la scelta del tuo corso di fotografia.
Se desideri ricevere altri consigli e informazioni, contattaci a: info@collettivowsp.org

 

 

Alla scoperta delle tecniche di illuminazione nel reportage

wk_cocco

WSP photography propone il workshop in Tecniche di illuminazione nella fotografia di reportage con Giovanni Cocco.

Il workshop si terrà il 25 settembre 2016 dalle 10 alle 18 in Via Costanzo Cloro 58, Roma.

Per partecipare al workshop è necessaria una buona conoscenza fotografica, una macchina fotografica propria, un flash professionale e un computer.

Programma didattico

– La temperatura colore

– Tipo di illuminatori: flash e luci continue led.

– Accessori e modificatori: speedlight, softbox, ombrelli, lastolite, pinze, stativi

– Schemi di luce mista in esterni.

Docente

Giovanni Cocco nasce a Sulmona nel 1973. Si dedica integralmente alla fotografia dal 2000, lavorando per numerosi editori italiani ed internazionali. Dal 2007 al 2010 completa “Burladies”, una serie di ritratti sulla vita delle donne nel mondo del Burlesque. Il lavoro è pubblicato in diverse riviste internazionali e entra a far parte di una mostra itinerante in tutta Europa. Inoltre sempre con Burladies dal 2010 al 2012, Giovanni Cocco è selezionato per il programma “Mentor” dall’Agenzia Internazionale VII. Da molti anni si occupa di un progetto a lungo termine sulla vita di sua sorella e della sua famiglia, “Monia”, che vince il secondo premio all’Emerging Photographer Grant di Burn Magazine e della fondazione Magnum, e viene segnalato dalla giuria del Premio Roger Pic della Scam di Parigi che gli dedica un’esposizione in occasione del Mois de la Photo 2012. Sempre con “Monia” nel 2016 vince il grant della Reminder Photography Strongold Gallery che gli dedica un esposizione a Tokyo. Vive e lavora tra Roma e Berlino.

Costi e durata

Il costo del workshop è di 120 euro comprensivo della tessera ENAL obbligatoria, da versarsi in un’unica soluzione*.
Si svolgerà presso la sede del WSP photography  a Roma, in via Costanzo Cloro 58, Metro B San Paolo domenica 25 settembre 2016 dalle10:00 alle 18:00. È prevista un’ora per la pausa pranzo.

* La quota sarà restituita in caso di non attivazione del workshop.

Modalità di partecipazione

Per iscriversi al workshop o per richiedere maggiori informazioni è sufficiente inviare una mail a: info@collettivowsp.org, contattarci al numero 328 1795463 o compilare il form sottostante.
Numero minimo di partecipanti per attivare il workshop: 8 – numero massimo: 12.

Buone vacanze e arrivederci a settembre

WSP photographyriaprirà il 15 settembre!Buone Vacanze a tutti!È tempo di vacanze anche per noi. Vi ricordiamo che WSP photography sarà chiuso fino al 14 settembre.
Riapriremo il 15 settembre, dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 21 e saremo a disposizione per tutte le informazioni sulle attività della nuova stagione e per i corsi di fotografia in partenza ad ottobre.
Da metà settembre e fino all’inizio dei corsi saranno inoltre organizzati alcuni incontri gratuiti per conoscere meglio i nostri corsi e i nostri docenti e di cui vi comunicheremo le date quanto prima.

Vi lasciamo però anticipandovi alcune delle attività che già ci aspettano alla riapertura:

  • 22 settembre serata di presentazione dei nuovi corsi di fotografia in partenza ad ottobre. Una serata con i docenti e lo staff del WSP photography per conoscere dal vivo i programmi e le attività della nuova stagione.
  • 24 settembre serata conclusiva della II edizione della WSP Masterclass. Una serata speciale con proiezione dei lavori conclusivi e consegna degli attesti. L’evento sarà anche occasione per presentare la nuova edizione della Masterclass in partenza a novembre e incontrare i 3 docenti Giovanni Cocco, Paolo Marchetti e Fausto Podavini per richiedere tutte le informazioni.
  • 25 settembre primo workshop della stagione insieme a Giovanni Cocco. Una giornata dedicata ad imparare le tecniche di illuminazione nella fotografia di reportage. 
    Le iscrizioni sono già aperte e potete inviarci le vostre adesioni.

Iniziate quindi a segnarvi queste date, per qualsiasi informazione potete comunque scriverci inviando una mail a: info@collettivowsp.org e cercheremo di rispondervi quanto prima.

Buone vacanze a tutti e arrivederci a settembre!

Festa d’estate: proiezioni e progetti per la nuova stagione

8 LUGLIO ORE 19-30 (1)

 

Ci siamo. Anche questa stagione di corsi di fotografia si è conclusa e con grande soddisfazione.

È bello vedere i progressi che ciascuno studente ha ottenuto nel corso di questi mesi, piccoli e grandi passi per approcciare alla fotografia e alle immagini con occhi diversi e, soprattutto, più consapevoli.

Se siete curiosi di vedere cosa abbiamo realizzato, venerdì 8 luglio è l’occasione giusta!
Dalle 19.30, proietteremo le fotografie degli studenti dei corsi di fotografia di marzo e consegneremo gli attestati finali.

A seguire, un brindisi per salutare la fine di un’altra bellissima stagione insieme e augurarci buone vacanze.

Inoltre, chi fosse interessato ai corsi di ottobre, potrà approfittare dell’occasione per chiederci tutte le informazioni e, soprattutto, usufruire della promo estate.

Preiscrivendovi entro il 31 luglio potrete beneficiare di uno sconto esclusivo di 30 euro sui corsi di fotografia: corso di fotografia base (adulti e ragazzi) corso avanzato-pratico, corso base di reportage, corso di ritratto, corso di architettura e paesaggio, corso di photoshop e corso di videoediting e uno sconto di 100 euro sul laboratorio annuale di reportage con Fausto Podavini.

Trovate l’elenco di tutti i corsi di fotografia in partenza ad ottobre qui.

Imagine Landscapes: alla scoperta della fotografia di paesaggio con Daniele Zedda

WSP PHOTOGRAPHY PRESENTA “IMAGINE LANDSCAPE”: ALLA SCOPERTA DELLA FOTOGRAFIA DI PAESAGGIO.

WORKSHOP CON DANIELE ZEDDA: BRIEFING, USCITA FOTOGRAFICA, EDITING. 17 – 26 GIUGNO – 3 LUGLIO 2016
locandina_landscape

Imagine Landscape” propone un percorso formativo completo sulla fotografia paesaggistica.
Obiettivo finale è infatti quello fornire a tutti i partecipanti consapevolezza su tutto il processo di creazione dell’immagine attraverso teoria, esercitazione pratica sul campo e ottimizzazione del workflow di post-produzione.

Il workshop è organizzato in tre appuntamenti: un incontro introduttivo di briefing, un’uscita sul campo e un momento di editing in sede.
L’uscita, in particolare, sarà dedicata all’esplorazione del litorale roccioso a nord della capitale. Si impareranno a gestire e manipolare gli elementi di un paesaggio montano; cime rocciose e valli rigogliose caratterizzeranno le selvagge vedute dell’appenino abruzzese.

Obiettivo finale è infatti quello di trasmettere ai partecipanti le competenze e le tecniche per creazione di immagini di paesaggio d’impatto sia in fase di ripresa che di postproduzione.

PROGRAMMA DEL WORKSHOP


1 appuntamento: 17 giugno dalle 18.30 alle 20.30 presso WSP Photography.

Briefing: incontro conoscitivo, dettagli pratici e logistici sulla location, visione delle immagini di riferimento, valutazioni e consigli sull’attrezzatura.
Durata: 2 ore circa 


2 appuntamento: 26 giugno in location da concordare con il docente.

Uscita: scopo dell’uscita è l’apprendimento delle tecniche e nozioni di fotografia paesaggistica specifiche al tipo di scenario. La finalità dell’uscita pratica è quella di portare i partecipanti alla ideazione e creazione di immagini attraverso luce, forme e colori.
Durata: 6 ore circa.
La location sarà probabilmente in Abruzzo,al confine con il Lazio.


3 appuntamento: 3 luglio 2016 dalle 10 alle 17 presso WSP Photography

Editing: si editeranno e valuteranno insieme le foto e saranno forniti cenni di postproduzione con photoshop per apprendere come trattare e valorizzare al meglio le immagini realizzate.
Durata: 6 ore circa. 


COSTI E MODALITÀ DI PAGAMENTO

La quota di partecipazione al workshop è di euro 170,00 (150,00 per i possessori di WSP card e partecipanti ai corsi di Daniele Zedda) da versarsi in un’unica soluzione all’iscrizione o in due soluzioni, con un acconto di 100 euro al momento dell’iscrizione e la restante parte il primo giorno di lezione.
La quota non comprende i costi da sostenere per l’uscita (benzina e pedaggio autostradale). Sarà comunque possibile organizzarsi con il docente e con la classe per partire insieme e ottimizzare i costi e il numero di auto. 


MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE


Per iscriversi occorre inviare una mail a: info@collettivowsp.org
Numero minimo di partecipanti per attivare il workshop 4 – numero massimo: 6.

Docente Daniele Zedda è un fotografo e visual artist freelance specializzato in produzione e postproduzione fotografica e video. Guidato dall’amore per l’insegnamento, da anni, tiene corsi di fotografia digitale, post-produzione ed elaborazione di grafica bidimensionale presso Università e scuole specializzate. Potete visionare i suoi lavori sul suo sito: http://www.danielezedda.comhttp://www.500px.com/astragony.

 

Hotel Immagine. Presentazione del libro e incontro con Simone Donati

WSP Photography in collaborazione con TerraProject Photographers

Presenta

“Hotel Immagine”
Presentazione del libro e incontro con Simone Donati


Venerdì 20 maggio ore 19:30 – Via Costanzo Cloro 58, Roma

locandina_donati.jpg

WSP Photography è lieta di ospitare il fotografo Simone Donati, membro del collettivo di fotogiornalisti TerraProject, che presenterà il suo libro “Hotel Immagine”.

Dalla politica alla religione, passando per la musica, lo sport e la televisione, tra il 2009 ed il 2015 Simone Donati ha attraversato la penisola alla ricerca di miti e icone presenti nell’immaginario contemporaneo italiano. Questo progetto mostra uno spaccato della società italiana con uno sguardo ironico ma anche prettamente documentativo.

Il libro che ne deriva contiene una selezione di 48 immagini insieme a frasi prese da pagine di gruppi Facebook delle varie situazioni fotografate. Inoltre è presente una postfazione dello scrittore Daniele Rielli (Quit the Doner), che oltre a dare una sua opinione sul tema commenta anche le frasi prese da Facebook.

 

“Dall’inizio del 2009 mi sono interessato a fenomeni di massa dove comunità eterogenee mostrano comportamenti simili tra di loro. Attraversando la penisola alla ricerca di miti e icone dell’immaginario contemporaneo e partecipando a eventi tra i più disparati, ho capito come il mio paese fosse il posto più grottesco, divertente, ingenuo ed esaltato dove poter vivere e fotografare. Ho cercato quello che spinge le persone ad aggregarsi per perseguire un interesse personale, che nella rappresentazione su palchi, reali o ideali, diventa collettiva”. Simone Donati.

Al termine della presentazione sarà possibile acquistare il libro firmato dall’autore.

 

Simone Donati (1977) è nato a Firenze dove vive e lavora. Nel 2005 completa il corso triennale di fotografia alla  Fondazione  Studio  Marangoni  di  Firenze.  Dopo uno stage all’agenzia Magnum Photos di New York dal 2006 si occupa a livello professionale di fotografia documentaria. Negli ultimi anni la sua attenzione si è focalizzata sulla situazione politica e sociale italiana. Simone nel 2011 con il lavoro “Valley of Angels” è finalista al Fotografia Festival Roma, al Voies Off di Arles ed  all’OjodePez  Award  for  Human  Values  e  nel  2010  il  premio  Ponchielli  gli  ha riconosciuto il 3° posto per il lavoro “Welcome to Berlusconistan”. Nel 2009 è scelto come “Merit Winner” al Fujifilm Distinctions Awards e nel 2008 è selezionato come uno dei tre finalisti nella sezione ritratto al Sony World Photography Awards. Le sue fotografie  sono  esibite  in  mostre  sia  in  Italia  che  all’estero  e  sono  pubblicate  dalle maggiori riviste italiane ed estere tra cui Der Spiegel, D \ La Repubblica, Geo, IL, Internazionale, Io Donna,  L’Espresso, Le  Monde  Magazine,  Monocle,  Newsweek,  Newsweek  Japan,  Panorama, Sette e Vanity Fair.
WSP Photography è un’associazione culturale affiliata all’ENAL pertanto l’ingresso e tutte le attività, anche quelle gratuite, sono riservate ai soli soci. Il costo della tessera 2016 è di 3 euro ed è possibile farla il giorno dell’evento.