Bookshop: Street photography e immagine poetica

“C’è un momento meraviglioso in cui ci rendiamo conto che l’immagine che abbiamo guardato a lungo è diventata parte di noi come un ricordo d’infanzia o un sogno fatto.
L’occhio attento rende il mondo interessante. una fotografia bella, come una bella poesia, è un piccolo universo a sé che non ci stanchiamo mai di esaminare”.

Rebecca Norris Webb

Il libro fa parte di una nuova collana, Aperture Foundation, della casa editrice Postcart,  attraverso cui grandi maestri della fotografia illustrano, attraverso testi e fotografie, processi creativi, le visioni e gli insegnamenti.

L’obiettivo è di offrire al lettore l’esperienza di un workshop attraverso la fruizione del libro.
In particolare in questo libro, Alex Webb e Rebecca Norris Webb, entrambi fotografi di fama mondiale specializzati nel colore, svelano al lettore la propria conoscenza approfondita della street photography e dell’immagine poetica.

Con parole e immagini, proprie e altrui, invitano il lettore a esplorare il cuore dei loro processi creativi, attraverso una serie di riflessioni su questioni sia pratiche che filosofiche, dal rapporto che si instaura con il mondo attraverso la macchina fotografica, al processo di elaborazione di un lavoro completo, che sia strutturato e al contempo intuitivo.

L’opera è preceduta da un’introduzione a cura di Teju Cole, autore pluripremiato e studente di fotografia di Alex e Rebecca Webb.

 

Potete trovare una copia del libro anche presso il nostro Bookshop!

938-coverwebb

Bookshop: Cake. Un art e food book a cura di Manuela De Leonardis

Cake di Manuela De LeonardisCAKE è un libro di arte e cucina perché contiene, in dialogo con le ricette, le opere di diciannove artisti internazionali, un viaggio colto che attraversa il sapere, contaminando linguaggi che si connotano di sapori, colori, profumi diversi. Un’opera corale per sostenere e richiamare un percorso analogo: quello delle donne di Nablus che, sotto la direzione di Fatima Khaddoumi e delle italiane Cristiana Bottigella e Beatrice Catanzaro, hanno dato vita a Bait al Karama Cookery School, la prima scuola internazionale di cucina Palestinese e primo Convivio Slow Food in Palestina, con l’obiettivo di creare posti di lavoro per le donne che vivono nella Città Vecchia di Nablus. A queste donne intraprendenti e creative va il sostegno di Cake, con l’auspicio che questo viaggio attraverso la cucina e l’arte possa contribuire a superare barriere visibili e invisibili.

All’interno le opere di: Hassan Al-Meer, Paolo Angelosanto, Yto Barrada, Beatrice Catanzaro, Maimuna Feroze-Nana, Parastou Forouhar, Maïmouna Patrizia Guerresi, Susan Harbage Page, Reiko Hiramatsu, Uttam Kumar Karmaker, Silvia Levenson, Loredana Longo, MAD_Angela Ferrara e Dino Lorusso, Sükran Moral, Ketna Patel, Pushpamala N., Anton Roca, Jack Sal, Larissa Sansour.

Cake è un progetto no-profit a sostegno di BAIT AL KARAMA. Tutti gli artisti, gli autori dei testi e del progetto grafico, i partner e media partner hanno contributo a titolo volontario alla realizzazione del progetto con la finalità di sostenere Bait al Karama, prima Scuola di Cucina Palestinese (presidio Slow Food in Palestina) creata dalla cooperativa di donne palestinesi di Nablus.

Manuela De Leonardis (Roma 1966), storico e critico d’arte è giornalista free lance. Collabora dal 2004 con il manifesto/Alias e Exibart; dal 2009 è redattrice di art a part of cult(ure). Ha pubblicato con Postcart “A tu per tu con i grandi fotografi” vol.I, “A tu per tu con i grandi fotografi e i videoartisti” vol.II e “A tu per tu con gli artisti che usano la fotografia” vol.III (collana Postwords).

Bookshop: “Bianco e Oscuro” Romanzo fotografico di Simona Guerra

Immagine

Può la fotografia essere usata come antidoto alla paura?
Alma, la protagonista di questo romanzo ispirato a una storia vera, crede di sì e in queste pagine ci racconta come la fotografia le abbia salvato la vita.
Immagini e parole, documenti visivi e testuali si mescolano creando una nuova forma di racconto e dialogo, possibile solo grazie a linguaggi espressivi tanto potenti.

Simona Guerra, nipote del grande fotografo Mario Giacomelli sul quale ha scritto “Mario Giacomelli. Una vita intera”, invita con questo libro a lottare contro i pregiudizi in una società permeata da valori effimeri e superficiali e lo fa anche grazie alle bellissime fotografie di Marrozzini, ricordando che anche grazie a questo mezzo in Italia, nel 1978, si è contribuito alla Legge Basaglia, che ha sancito la chiusura dei manicomi.

Postfazione: Peppe Dell’Acqua
Fotografie: Giovanni Marrozzini

ISBN 978-88-86795-97-5
Testo: Italiano | Formato: cm. 12X20
Stampa a colori | 11 foto | pp. 120
Legatura: brossura | Anno 2012

Testo disponibile presso WSP Photography a prezzo scontato (11 euro anziché 12,50) per i possessori della WSP Card.

Bookshop: Magnum – La Scelta della Foto

La Scelta della foto - Magnum

La Scelta della foto – Magnum

Un volume di riferimento che svela e ripercorre, attraverso il lavoro dei fotografi di Magnum, la storia di un metodo di lavoro fondamentale: l’utilizzo del foglio di provini a contatto come prova e strumento per la selezione della foto migliore.

I più importanti, e preziosi, “provini a contatto” dei grandi autori Magnum e le corrispondenti foto scelte. La selezione di 139 fogli di contatti, commentati dai 69 diversi autori, raccontano storie, dettagli, ripercorrono vicende cruciali, testimoniano il successo di una particolare immagine, la sua prima pubblicazione, i drammi e le vicende umane che nascondono. Da Henri Cartier-Bresson a Robert Capa, da Elliott Erwitt a René Burri fino ai più giovani: con le loro immagini, i fotografi Magnum raccontano sessanta anni di storia, dallo sbarco in Normandia al ’68 parigino, alla guerra in Cecenia, ai ritratto di Che Guevara, Malcom X e delle grandi dive di Hollywood, fino alle classiche immagini ormai impresse nella nostra memoria.
Un’eccezionale collezione, oltre 400 immagini che mettono a nudo il processo creativo e di selezione utilizzato da molti fra i grandi della fotografia.

“Un foglio di provini e un po’ come il taccuino di uno psicoanalista. Quasi come un sismografo che registra il momento. Tutto rimane scritto – tutto ciò che ci ha sorpreso, quel che abbiamo catturato in volo, quel che ci siamo persi, quel che è scomparso o un evento che si sviluppa fino a diventare un’immagine che è puro giubilo… Estrarre una buona fotografia da un foglio di provini è come scendere in cantina e prendere una buona bottiglia da condividere.”
Henri Cartier-Bresson.

28 x 34,2 cm
508 pagine
435 b/n e a colori
cartonato + sovraccoperta
Edizioni Contrasto

Soglia il libro online

Segnaliamo inoltre la recensione a cura di Marco Belpoliti sul sito dell’Associazione Doppio Zero.

E’ inoltre possibile acquistare il libro sul sito online della Feltrinelli approfittando di uno sconto del 15%!

La Scelta della foto - Magnum

La Scelta della foto – Magnum

OKEANOS & HADES Dario Coletti – Presentazione libro presso Officine Fotografiche

OKEANOS & HADES
Dario Coletti

Vincitore del Premio Marco Bastianelli 2012

Postfazione di Manuela Fugenzi

Giovedì 31 maggio alle ore 19.00

Con l’autore interviente Claudio Corriveti, editore Postcart

Dario Coletti

Dario Coletti


Dario Coletti con la sua macchina fotografica esplora il territorio del Sulcis Iglesiente, in Sardegna.
 Un territorio che più di altri può essere visto come punto di incontro tra più universi, perché aggiunge ad una dimensione quotidiana, esplicita e ordinaria, che si sviluppa in superficie, una seconda dimensione: sotterranea,

misteriosa, insondabile, conosciuta solo in parte da pochi.
 Questa dimensione interna, che si sviluppa nelle profondità della terra e del mare genera due mestieri antichi e complessi come il lavoro di miniera e la mattanza.

“Dario Coletti sa essere molto vicino ai suoi soggetti, non solo perché è sempre dentro l’azione, ma perché ancora prima di saper vedere ci dimostra di sapere ascoltare storie e testimonianze.” (dalla motivazione della giuria del Premio Marco Bastianelli 2012).

Bookshop: “Madame” di Antonella Monzoni

Ritratto di Signora con Fotografia

Antonella Monzoni

Madame

La copertina cartonata è rivestita in fine tessuto, piacevole al tatto come lo erano certi album di famiglia. Aprendo il libro, dopo le prime pagine di testo, un foglio di carta velina annuncia la sezione delle immagini. Un foglio di carta velina come quelli, appunto, che separavano le pagine di certi album di famiglia. L’atmosfera dunque è ben definita. Siamo di fronte a un album di famiglia, ma più precisamente attraverso un album siamo di fronte a un ritratto di famiglia legato a doppio filo con la fotografia. Le immagini realizzate dalla fotografa Antonella Monzoni raccontano proprio questo. La signora francese, “Madame” come recita il titolo del libro, è Henriette Niépce. La sorella di “Madame” è Janine, una della prime donne fotoreporter, fotografa della agenzia Rapho con all’attivo numerosi libri. Le due sorelle sono pronipoti di Nicephore Niépce, inventore della fotografia. Gli elementi della storia sono dunque predisposti, i legami famigliari e quelli con la fotografia sono evidenti. Antonella Monzoni ha incontrato Henriette, quando la signora era ormai anziana. Henriette  era pittrice, oltre ad essere stata un appassionata combattente per la libertà negli anni della Resistenza antifascita in Italia e la prima moglie del regista Gillo Pontecorovo. Dopo quel periodo Henriette ha sempre abitato sola, per scelta, nella vecchia casa di famiglia di Rully in Borgogna, circondata da vigneti, dove il tempo sembra essersi fermato. Henriette è morta 94 anni, nel 2010, e Antonella Monzoni ci racconta in questo suo nuovo libro, con immagini in bianco e nero e a colori, “Madame”  attraverso gli oggetti sparpagliati per la casa, le stanze, gli arredi, i quadri, le tele da pittrice di Helene accanto ai i libri in bella vista sui tavoli e le foto alla pareti realizzate dalla sorella Janine. In questo libro dunque la fotografia è sempre presente ed è per la fotografa un mezzo per raccontare usando quegli stessi elementi che per uno scrittore avrebbero potuto costituire una novella o un romanzo, una biografia o un saggio su due donne artiste nella casa dell’inventore della fotografia. “Un reportage delicato” come lo definisce Gianni Berengo Gardin in un breve testo di presentazione e il “Ritratto di una grande signora nella sua dimora” come intitola il suo testo Francois Lotteau, sindaco della cittadina di Rully dove si trova la proprietà Niépce.

Fonte: Photographers

Antonella Monzoni
Madame

80 p.; 33 foto col.e 11 bicr.; It/F; ril. in tessuto 24,8×17,2
Cod. 11PLR413 – Euro 28,00

Bookshoop: Dormire, forse sognare – Ferdinando Scianna

Dormire, forse sognare

Figure avvolte nel sonno, immagini di uomini e animali dormienti che in oltre trent’anni di fotografia Scianna ha trovato nei luoghi più diversi della terra.

“Perchè il dormire, mi hanno domandato, mi domandano? Io non penso che un fotografo debba per forza dare, ammesso che ne abbia, spiegazioni su quello che fa, benché, diciamo che, negli anni, me ne sono date su questa mia piccola ossessione: ma magari non sono quelle giuste, nè vere. Mi appassiona, come fotografo che pratica, per parafrasare Paul Valéry, una fotografia dell’istante che genera la forma e della forma che rivela l’istante, e chi sa, forse persino i suoi significati, l’affrontare in termini di istantanea questa variazione quasi immobile, ma che non è certo una interruzione, del flusso della vita. L’incrociarsi del tempo che vive il fotografo con il tempo, uguale e diverso, di chi sta dormendo. Mi interessa ritrovare nelle mie fotografie un fatto così naturale, così quotidiano, così universale e che pure è rimosso, al quale ci si abbandona quasi di nascosto, di solito in luoghi protetti, perchè sappiamo che ci consegna inermi all’arbitrio altrui”.

Ferdinando Scianna

ed. Arti Grafiche Friulane, 1997
Copertina rigida, 25 x 31 cm
128 pagine, 83 fotografie b/n
Lingua italiana

A tu per tu con i grandi fotografi: nuova collana edizioni Postcart

A TU PER TU CON I GRANDI FOTOGRAFI
Interviste di Manuela De Leonardis
ed. Postcart 2011
Collana postwords

A tu per tu con i grandi fotografi è la raccolta di interviste a venticinque grandi maestri internazionali della fotografia: Gabriele Basilico, Letizia Battaglia, Sandro Becchetti, René Burri, Francesco Cito, Marco Delogu, Mitch Epstein, Elliott Erwitt, Lalla Essayidi, Franco Fontana, Alberto García-Alix, Flor Garduño, Caio Mario Garrubba, Eikoh Hosoe, Pieter Hugo, Mimmo Jodice, Rinko Kawauchi, Laura Letinsky, Sarah Moon, Daido Moriyama, Yossef Nabil, Lou Reed, Ferdinando Scianna, Malick Sidibé, Massimo Vitali.
Tranne la formula indiretta usata per Lou Reed – celebrato musicista dei nostri tempi, ma anche valido interprete del mezzo fotografico – incontrato da Manuela De Leonardis a Roma nel 2006, in una riservatissima conferenza stampa a Palazzo Santacroce, tutte le altre conversazioni sono frutto di incontri vis-à-vis.
Scambi di sguardi tra la giornalista e i suoi interlocutori nell’intimità dello studio o dell’abitazione, o più spesso davanti alle opere, negli spazi espositivi allestiti in occasione di mostre e festival di fotografia a Roma, Tokyo, Parigi, Milano, Lucca, Reggio Emilia e Savignano. Interviste pubblicate su varie testate, tra il 2004 e il 2010, in particolare su Il Manifesto e Alias e Art a part of Cult(ure).
Ogni incontro è una storia a sé. La curiosità di vivere la fotografia dall’interno, cercando di cogliere sfumature psicologiche, quella scintilla che scatta ogni volta.

NOTA BIOGRAFICA
Manuela De Leonardis è nata a Roma nel 1966, dove vive. Laureata in Storia dell’Arte Moderna, dal 1997 al 2004 collabora con la Fototeca Nazionale/ICCD di Roma, occupandosi di ricerca, catalogazione e schedatura di fondi fotografici storici.
Giornalista freelance è iscritta all’Ordine dei Giornalisti dal 1993. Attualmente scrive di arti visive per Il Manifesto/Alias, Exibart, Art a part of Cult(ure), Andy Magazine.
Nel 2007 inizia l’attività di curatela con la mostra L’Italia rurale degli anni Sessanta: Sardegna, Basilicata, Calabria nelle fotografie di Mario Carbone, in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Lille, a cui fanno seguito altre tra cui: Piccole storie su Roma, Tempio di Adriano, VI edizione di FotoGrafia – Festival Internazionale di Roma (2007); Kakushiaji. Il gusto nascosto. Fotografie di Reiko Hiramatsu (insieme a Nicoletta Zanella) – FotoGrafia 2008 – Roma, Galleria Navona 42 (presentata anche nel circuito off di Fotografia Europea 2010, Reggio Emilia); Ma la morte mai. Fotografie di Alessandro Martinelli (insieme a Nicoletta Zanella) – FotoGrafia 2008 – Roma, Biblioteca Angelica. Invitata per le letture portfolio al SI FEST – Savignano Immagini Festival 2008 e al LDPF – Lucca Digital Photo Fest 2010 (nell’ambito del quale fa parte della giuria del Premio Del Carlo) è stato membro della giuria internazionale di arti visive del Fine Arts Festival di Muscat (Oman) 2010.

Collana postwords
Postwords è la nuova collana di Postcart Edizioni interamente dedicata alla saggistica fotografica.

info: http://www.postcart.com

BOOKSHOP: Transtempo – Cristina Garcia Rodero

Il volume presenta più di cento fotografie realizzate dalla fotografa spagnola Cristina Garcia Rodero della agenzia Magnum in trent’anni di viaggi nella regione della Galizia per documentare con un sensibile stile di reportage classico in bianco e nero, la vita degli abitanti e in particolare le processioni, i pellegrinaggi e le feste all’aria aperta che si svolgono in questa regione settentrionale della Spagna.
Edizioni: La Fabrica

Bookshop: New York, Portrait of a City

New York - Portrait of a City

New York, Portrait of a City, volume della Taschen che raccoglie quasi 600 pagine di storia, immagini ed emozioni che hanno caratterizzato la grande metropoli dalla metà del 19 ° secolo a oggi.

Un viaggio intenso nell’iconografia di un paese in continua trasformazione, attraverso crisi, lotte e conquiste, dalla costruzione dell’Empire State Building o e il Rockefeller Center alla scomparsa delle torri gemelle, dalle notti della Jazz Age e quelle della disco, percorso da citazioni, riferimenti cinematografici, spettacoli, canzoni, mappe e ogni genere di immagini e fotografie, dai foto-ritratti alle vedute aeree.

Immagini, sguardi e punti di vista, famosi e inediti, storicamente rilevanti e bellissimi, provenienti da archivi, collezioni private e realizzati da un numero impressionante di celebri fotografi, da Paul Strand a Ralph Gibson, da Ryan McGinley a Mark Ellen Mary, da Allen Ginsberg a Bruce Davidson … Una ricca pubblicazione a cura di Reuel Golden distribuita da Logos Edizioni.

Fonte: http://www.clickblog.it