15 marzo alle 19: TRATTI NELLA MEMORIA 2014 – GRAPHIC JOURNALISM PER NON DIMENTICARE

WSP photography presenta, sabato 15 marzo alle ore 19, in un incontro dedicato al graphic journalism e alla memoria, Tratti nella memoria 2014, un calendario, prodotto dall’associazione culturale Venti d’Autore, che racconta a fumetti storie dimenticate di donne e di uomini calabresi, vittime di violenza, stragi e criminalità dal dopoguerra fino a giorni nostri. Il progetto, il cui ricavato è devoluto al coordinamento di Catanzaro di Libera contro le mafie, è stato realizzato con la collaborazione di Round Robin editrice e daSud onlus, che hanno messo a disposizione alcune tavole dei fumetti della collana Libeccio, graphic novel per restituire alla collettività testimonianze dimenticate e diffondere “dal basso” la cultura antimafia. Sono le tavole di Lollò Cartisano, dalla matita di Monica Catalano, e di Natale De Grazia, di Pierdomenico Sirianni. Le restanti illustrazioni sono state realizzate da 10 giovani disegnatori e artisti catanzaresi.

Durante l’incontro, in cui interverranno Antonio Pascuzzo (cantautore RossoAntico), Emiliano Lamanna (Venti d’Autore), David Scerrati (Round Robin), Bruno Mirante (giornalista), verranno proiettate le pagine del calendario ed ascolteremo dal vivo la musica di Antonio Pascuzzo, che ispirato dalla copertina di Gessica Stancanelli presenterà in anteprima “Calabrisella”.

Disegneranno e personalizzeranno le copie Pierdomenico Sirianni, disegnatore e coautore di Natale De Grazia. Le navi dei veleni, ed Emilio Lecce, disegnatore e coautore di Giancarlo Siani … e lui che mi sorride, entrambi pubblicati nella collana Libeccio di Round Robin e daSud.

Tratti nella memoria 2014 non è un semplice calendario a fumetti, è una traccia nelle vite spezzate dalla violenza in Calabria. E’ un viaggio all’interno della cronaca nera che, attraverso il linguaggio immediato e trasversale del disegno, vuole ricordare le vittime. Vittime di omicidi e stragi, di follia e criminalità. Vittime anche per caso, uccisi con un colpo di pistola o spariti per sempre, alcuni senza mai essere trovati. Anche il coraggio può divenire un motivo per essere ammazzati in terra di Calabria. Segni in bianco e nero di vite bloccate nel tempo. Rimangono i loro “tratti nella memoria”.

Immagine

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...