Pinhole days a Roma: 15-23 Aprile 2011 Città dell’Altra Economia

Il 24 Aprile 2011 il World Wide Pinhole Photography Day (WWPPD) festeggia la sua decima edizione. Nella giornata mondiale dedicata alla fotografia stenopeica, questa piattaforma internazionale invita le singole realtà ad organizzare autonomamente manifestazioni ed attività legate a questo tema, con l’intento di divulgare e di portare all’attenzione del pubblico le potenzialità di questa tecnica attraverso l’allestimento di mostre fotografiche, di seminare e di laboratori che coinvolgano il pubblico.

Con l’intento di mettere in risalto la partecipazione delle maggiori Istituzioni Pubbliche e private e per dare il segno di una larga e significativa presenza ad un evento mondiale, l’Associazione Culturale Ars Imago Fotografia propone, con questo progetto, di rendere Roma un centro di attrazione importante nel giorno del World Wide Pinhole Day.

Che cosè la fotografia stenopeica? La fotografia stenopeica è un procedimento che utilizza il principio della camera obscura per registrare unimmagine proiettata. Studiata già nella penisola araba sin dallXI secolo, fu poi ripresa da Leonardo e sviluppata durante il Rinascimento come strumento di ausilio per la pittura.

Una camera obscura non è altro che una scatola (o stanza) oscurata sul cui lato viene applicato un piccolo foro. Tramite questo foro limmagine inquadrata viene proiettata capovolta e speculare sul fondo della scatola. Applicando un materiale fotosensibile limmagine può essere quindi registrata, ottenendo così una vera e propria fotografia. La tecnica del foro stenopeico permette quindi di ottenere delle immagini senza luso di otturatori e di lenti.

Le caratteristiche principali della fotografia stenopeica sono i lunghissimi tempi di esposizione, lillimitata profondità di campo e una particolare definizione e morbidezza nelle immagini.

Perchè la fotografia stenopeica oggi? La fotografia stenopeica, pur dal sapore antico, ha una filosofia che si stacca dagli altri modi di fare fotografie: ci fa riappropriare delle nostre sensazioni, gustare di nuovo la capacità di guardare, analizzando i contenuti e apprezzando i vari aspetti che ci vengono proposti o che vogliamo proporre.

Perché la sostanziale differenza con la fotografia “tradizionale” E’ proprio l’approccio con il quale il fotografo si avvicina al soggetto da riprendere. E’ il tempo impiegato per la ripresa. Ma soprattutto diverso Ë il rapporto uomo/macchina. In una parola: la semplicità.

Info e Programma: http://www.ars-imago.com/pinhole/

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...